Contratti: rinnovato CCNL imprese artigiane metalmeccaniche

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento




Lo scorso 16 giugno, le organizzazioni datoriali e i sindacati dalla FIOM CGIL, dalla FIM CISL e dalla UILM UIL, hanno sottoscritto l’ipotesi di accordo del nuovo contratto dell’area meccanica del settore artigianato.

Il contratto riguarda circa 550.000 lavoratori e 150.000 imprese. L’accordo, di durata triennale, prevede:

  • Incremento salariale a regime di 86 euro erogabile in tre tranche (1 luglio 2011, 1 gennaio 2012, 1 settembre 2012);
  • Una tantum” per la “vacatio” contrattuale di 247 euro da erogate in due tranche: 124 euro con la retribuzione di settembre 2011 e 123 euro con la retribuzione di aprile 2012;
  • in tema di apprendistato: la durata è strettamente correlata alla professionalità da acquisire ed al titolo di studio. La retribuzione è definita secondo parametri percentuali correlati alla categoria finale. Agli apprendisti è esteso il trattamento previsto per gli operai e gli impiegati in materia di ferie, infortuni e malattia;
  • Contratti a termine, di inserimento ed a tempo parziale: l’ipotesi di accordo non solo ha respinto ogni richiesta tesa a precarizzare ulteriormente le forme di accesso al lavoro, ma ha persino migliorato la normativa preesistente, prevedendo per le clausole elastiche e flessibili le opzioni di fuoriuscita e la definizione di una durata all’atto della stipula.”
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti