Ex interinali in calo nel quarto trimestre 2009

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


I dati rilevati dal Centro studi bilaterale Ebitemp-Formatemp, relativi all’andamento del lavoro in somministrazione nel terzo e quarto trimestre 2009, sulla base dei dati Inail e Formatem, dicono che nel “quarto trimestre del 2009, il numero di lavoratori in somministrazione (ex interinali) è stato pari a 220mila unità in media mensile, il 25% in meno rispetto allo stesso periodo del 2008, ma in crescita del 5% rispetto al trimestre precedente.

Dal giugno dello scorso anno, l’andamento dell’occupazione in somministrazione segna una ripresa lenta ma costante e dal livello minimo, raggiunto a metà del 2009 (204mila occupati in somministrazione), il dato di dicembre mostra un recupero dell’8% circa.

Nel 2009 le giornate retribuite sono state 38,4 milioni (un dato simile a quello registrato nel 2005) con una riduzione del 33,1% rispetto al 2008, ma anche in questo caso si registra un’inversione di tendenza nella seconda metà dell’anno.

La contrazione dell’occupazione in somministrazione sembra aver interessato soprattutto la componente maschile, con una contrazione del 41% degli occupati a fronte del -30% per la componente femminile. Nello stesso periodo, emerge a una riduzione della durata media della missione di lavoro in somministrazione a 41 giornate retribuite rispetto alle 48 del terzo trimestre del 2008. Le circa 213mila missioni avviate subiscono una riduzione del 27% su base annua, ma mostrano un incremento del 6% rispetto al trimestre precedente. Analoga variazione per gli equivalenti a tempo pieno: dai 224mila del terzo trimestre 2008 ai 138mila del 2009 (-38%). Rispetto al trimestre precedente, invece, la variazione è positiva: +5,7%.

A subire la contrazione più forte della domanda di lavoro in somministrazione è il comparto manifatturiero, con una flessione del 53% su base annua, mentre tiene, tra gli altri, la domanda nella pubblica amministrazione, nella sanità e nell’istruzione.

Cambia, di conseguenza, la composizione settoriale della domanda di lavoro in somministrazione: con la quota di lavoratori equivalenti a tempo pieno che nell’industria passa dal 55% del terzo trimestre 2008 al 42% del 2009 e nella pubblica amministrazione (insieme con sanità e istruzione) dall’8,7% al 14%. In aumento (da 14,5% a 19%) la domanda dei servizi alle imprese e del credito.”

Fonte: www.adnkronos.com

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti