Fiat: disdetta accordi sindacali su Pomigliano

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La fiat, nella giornata del 27 aprile, con lettere inviate ai sindacati dei metalmeccanici, ha formalmente disdetto gli accordi in vigore nello stabilimento di Pomigliano.

Questo è il primo step, della nuova fase di riorganizzazione prevista per Pomigliano con la produzione della nuova Panda nel 2011. La ristrutturazione e il nuovo modello produttivo previsto nell’impianto napoletano, spiega il Lingotto,  rendono obsolete le intese aziendali su turni e orari siglati con i sindacati dal 1987.

Previsto a Roma, per oggi pomeriggio l’incontro della fiat con i sindacati.

Fonte: www.rassegna.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • marco sbandi

    Ci vuole proprio un gran coraggio a chiedere alla meta degli operai di produrre il doppio delle autovetture mentre gli altri operai con famiglie
    finiscono disoccupati e senza alimenti, o piuttosto con italiano meno fantasioso, un gran cinismo e una grande faccia di corna dopo aver
    incassato per anni gli aiuti di stato per aprire al sud, ed ottenuto sempre
    sconti su quanto dovuto agli operai e alle casse dell inps.
    FIAT ancora una volta punta sul cottimo e sul ricatto della unica fonte di reddito, ancora una volta minaccia deportazioni e licenziamenti per far
    pagare agli operai e alle loro famiglie la crisi e soprattutto la mancanza
    di qualsiasi progetto diverso dalla distribuzione ai pochi intimi dei dividendi.