Fiat. Landini: "a Pomigliano sono in atto delle intimidazioni, consultazione illegittima"


Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Vi riporto il comunicato stampa della Fiom, con il quale si denuncia un clima di intimidazioni agli operai che stanno andando a votare.

“Quella in atto nello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco si conferma come una consultazione illegittima, nella quale la libera volontà dei lavoratori viene coartata e distorta.”

“In primo luogo, il quesito stesso della consultazione è evidentemente privo di validità, in quanto si chiede ai lavoratori se sono d’accordo o no a far venire la Panda nello stabilimento. Non si può domandare alle persone se vogliono lavorare o no, quando le condizioni di lavoro sono in deroga ai contratti e alle leggi e in contrasto con diritti sanciti dalla nostra Costituzione. Un quesito di questo genere è quindi assolutamente privo di validità morale e legale.”

“In secondo luogo, la consultazione, che non ha nulla a che vedere con il referendum sindacale disciplinato dall’art. 21 dello Statuto dei diritti dei lavoratori (legge 20 maggio 1970, n. 300), si svolge in una giornata pagata ad hoc dalla Fiat, con pesantissime interferenze e pressioni da parte della Direzione aziendale: si va dalla presenza ai seggi di rappresentanti dell’Azienda, alla consegna ai lavoratori e alla proiezione nei reparti di dvd che invitano a votare sì. Tutto ciò avviene, peraltro, in un clima generale di intimidazione.”

“La consultazione è dunque illegittima e pertanto, a prescindere dall’esito, la Fiom, nel rispetto delle decisioni assunte all’unanimità dal Comitato centrale e dall’assemblea degli iscritti di Pomigliano, conferma la decisione di non sottoscrivere l’intesa separata.”

“Contemporaneamente, la Fiom ribadisce la propria disponibilità ad una vera trattativa per garantire il rilancio dello stabilimento di Pomigliano nell’ambito del Contratto nazionale e delle leggi vigenti.”

Fonte: www.fiom.it

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente redattrice di Lavoro e Diritti e impiegata nella PA.

Altri articoli interessanti