In Giappone Prada licenzia i dipendenti brutti, vecchi e grassi


Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

A dir poco sconcertante la notizia arrivata direttamente dal Giappone. La Sig.ra Rina Bovrisse, ex direttrice generale del gruppo Prada in Giappone, ha intentato causa alla casa di moda italiana per molestie e discriminazioni sul lavoro.

Infatti l’ex direttrice, ha riceuto la richiesta da Davide Sesia, amministratore delegato di Prada nel paese nipponico, l’ordine di licenziare 15 membri dello staff perché «brutti, vecchi e grassi e troppo lontani dallo stile Prada». Non contento, Sesia avrebbe anche detto alla manager che, se voleva conservare il suo posto di lavoro avrebbe dovuto dimagrire e cambiare look (!!!!!!!): “si vergognava della sua bruttezza e non voleva che i visitatori provenienti dall’Italia la vedesseronel Paese nipponico”.

La Bovrisse, a seguito del suo rifiuto al licenziamento dei dipendenti si è vista dapprima demansionare i propri compiti e, infine, licenziata.

La manager  ha chiesto al Tribunale non solo il risarcimento per lo stress emotivo subito, ma soprattutto, di essere reintegrata nel suo ruolo. In una comunicazione, tuttavia la casa di moda ha fatto sapere che il tribunale nipponico ha respinto le richieste dell’ex manager, considerando il licenziamento del tutto legittimo.

C’è da scommetere che la questione non finirà così!

Fonte: www.corriere.it

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Share.

About Author

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente redattrice di Lavoro e Diritti e impiegata nella PA.

Altri articoli interessanti

Comments are closed.