Reddito di cittadinanza, ultime notizie: requisiti e news legge di bilancio

Ultime notizie sul reddito di cittadinanza dopo l'approvazione del disegno di legge di bilancio 2019; news e novità su requisiti e funzionamento

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Lo scorso 15 ottobre il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge di bilancio 2019, approvando così anche il reddito di cittadinanza. Al momento non è possibile ancora leggere il testo dei singoli provvedimenti, infatti dobbiamo ancora basarci sulla nota stampa rilasciata dal Governo al termine della seduta e sulle news che si leggono sui vari media generalisti, tuttavia sono già abbastanza delineati i punti di questo sostegno al reddito universale.

Il cavallo di battaglia della campagna elettorale del Movimento Cinque Stelle prende quindi sempre più forma e al momento si sa con certezza che partirà dalla primavera del 2019. Il primo step però sarà la riforma dei Centri per l’Impiego, fulcro del sussidio.

La manovra finanziaria dovrà passare per la doppia approvazione di Camera e Senato per la conversione in Legge. Qui si potranno avere modifiche al testo originale oppure il Governo potrà decidere di porre la fiducia, blindando di fatto i vari provvedimenti. Per il reddito di cittadinanza sono stati stanziati 9 miliardi di euro che potrà partire come detto sopra solo dopo che sarà completata la riforma dei centri per l’impiego; per questa parte di riforma il Governo ha stanziato ben un miliardo di euro. E’ chiaro infatti come il reddito minimo non possa funzionare senza un ottimo funzionamento dei CPI.

Al momento si sa per certo che questo reddito sarà erogato a specifici soggetti, fra cui disoccupati o lavoratori con redditi bassi, che presentano quindi determinati requisiti reddituali. Si tratterà pertanto di una prestazione monetaria per singoli soggetti, maggiori di 18 anni, e cittadini residenti in Italia da almeno 5 anni. Ecco spiegato quindi un altro importante dettaglio, riferito al fatto che il reddito spetterà solo agli italiani.

Per accedere a questo sussidio economico il soggetto dovrà rispettare alcuni requisiti e attivarsi per trovare un lavoro, vediamo le ultime notizie in merito.

Reddito di cittadinanza, ultime notizie: come funziona

Con l’avvicinarsi dell’approvazione della legge di bilancio 2019 sono sempre più numerose le voci circa il funzionamento del reddito di cittadinanza. Per ora l’unica certezza riguarda il fatto che non sarà versato sotto forma di liquidi al diretto interessato. Niente bonifico in conto corrente o contanti alla posta insomma. Si tratterà di una sorta di carta prepagata o carta acquisti, molto simile quindi alla Carta REI. Al momento si ipotizza anche l’uso di una apposita app da installare su smartphone per effettuare i cosiddetti smart payment. Il succo è comunque che accrediti e addebiti avverranno in maniera telematica.

Su questa carta o app verrà accreditato un importo mensile prestabilito e il beneficiario potrà utilizzarla per acquistare beni di prima necessità, come alimenti e medicinali, per pagare le bollette o anche l’affitto di casa; i soldi dovranno quindi servire a vivere una vita dignitosa.

Soldi spesi direttamente nell’economia reale per far aumentare il PIL

In questo modo i soldi dovrebbero tornare immediatamente nell’economia reale e far aumentare in maniera significativa il PIL. Per essere ancora più sicuri che i soldi vengano spesi in questo modo si stanno studiando anche sistemi che premino chi più spende o al contrario penalizzino chi spende di meno.

Ad esempio si potrà:

  • far crescere del 4% il reddito di cittadinanza ogni qualvolta il beneficiario ne utilizzi almeno il 75%;
  • o viceversa decurtare la somma del 4% a chi ne spenda meno del 75%.

Infine nell’intervista si conferma che il reddito sarà elargito sulla base dell’Isee che non potrà superare il tetto massimo 9.360 euro (cifra da confermare).

Ultime notizie reddito di cittadinanza: requisiti

Reddito di cittadinanza requisiti

I requisiti per poter accedere al reddito di cittadinanza sono già abbastanza delineati, anche se il tutto dovrà essere delineato con precisione nella legge di bilancio 2019:

  1. cittadinanza italiana da almeno 10 anni (confermato al momento dal vice premier Di Maio);
  2. maggiore età,
  3. stato di disoccupazione o in caso di occupazione reddito inferiore ai 780 mensili,
  4. ISEE massimo 9.360 euro (cifra da confermare);
  5. ingresso in un programma di reinserimento sociale e lavorativo coordinato da un centro per l’impiego;
  6. accettazione di lavori socialmente utili (al secondo diniego si perderà il sussidio).

Uno dei requisiti fondamentali per l’erogazione del sussidio è quindi la partecipazione ad un progetto di formazione e di aiuto dei CPI. La particolarità è quindi che se si rifiutano più di 2 offerte di lavoro, si perderà il diritto a ricevere il reddito mensile.

E qui entra in gioco il secondo capitolo legato al reddito di cittadinanza, ovvero il potenziamento dei Centri per l’Impiego, che sono altrettanto importanti in questa riforma. L’obiettivo è di potenziare già da gennaio i centri per l’impiego, con nuove assunzioni e investimenti tecnologici. Qui però entrano in gioco le regioni che, secondo la Costituzione, hanno la competenza in materia di politiche attive del lavoro.

Reddito di cittadinanza: news importi

Al momento non si sanno ancora gli importi esatti, in quanto come detto non è presente il testo ufficiale; sappiamo quindi solo che il singolo importo è di 780 mensili al massimo. Tuttavia basandoci su quanto riportato dallo stesso Movimento 5 Stelle nel disegno di legge depositato in Parlamento quando ancora era all’opposizione possiamo azzardare una tabella degli importi e delle soglie di reddito necessarie.

2 componenti (monoparentale): 1.014€; 2 componenti: 1.170€;
3 componenti (monoparentale): 1.248€; 3 componenti: 1.404€;
4 componenti (genitore solo): 1.482€; 4 componenti: 1.630€;
5 componenti (genitore solo): 1.716€; 5 componenti: 1.872€.

Per monoparentale si intende un nucleo familiare composto ad esempio di due persone di cui un genitore e un figlio e via dicendo.

Da comprendere comunque che i 780€ mensili o le altre somme andrebbero versate integralmente solo disoccupati; mentre a chi ha già un reddito più basso potrà ricevere una integrazione per arrivare alla somma minima stabilita.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti