Arriva la carta per le pari opportunità e l'uguaglianza sul lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Ieri, è stata ufficialmente presentata a Milano, presso la sede di Assolombarda, la carta per le pari opportunità e uguaglianza sul lavoro promossa da Fondazione Sodalitas, AIAF, AIDDA, Impronta Etica, UCID, l’Ufficio Nazionale Consigliera di Parità e con l’adesione del Ministero del Lavoro, della Salute, e delle Politiche Sociali e il Ministero per le Pari Opportunità. Il vicepresidente della Assolombarda, Diana Bracco, ha messo in luce come, “sulla scia del successo delle iniziative francese (Charte de la Diversitè) e tedesca (Charta der Vielfalt), la Carta per le Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro sia una dichiarazione di intenti, sottoscritta volontariamente da imprese di tutte le dimensioni, per la diffusione di una cultura aziendale e di politiche delle risorse umane inclusive, libere da discriminazioni e pregiudizi, capaci di valorizzare i talenti in tutta la loro diversità”.

Lunedì 5 ottobre, è stata ufficialmente presentata a Milano, presso la sede di Assolombarda, la carta per le pari opportunità e l’uguaglianza sul lavoro promossa da Fondazione Sodalitas, AIAF, AIDDA, Impronta Etica, UCID,  l’Ufficio Nazionale Consigliera di Parità e con l’adesione del Ministero del Lavoro, della Salute, e delle Politiche Sociali e il Ministero per le Pari Opportunità.

Il vicepresidente della Assolombarda, Diana Bracco, ha messo in luce come, “sulla scia del successo delle iniziative francese (Charte de la Diversitè) e tedesca (Charta der Vielfalt), la Carta per le Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro sia una dichiarazione di intenti, sottoscritta volontariamente da imprese di tutte le dimensioni, per la diffusione di una cultura aziendale e di politiche delle risorse umane inclusive, libere da discriminazioni e pregiudizi, capaci di valorizzare i talenti in tutta la loro diversità”.

L’obiettivo è quello di valorizzare il pluralismo e le pratiche inclusive nel mondo del lavoro contribuendo al successo e alla competitività delle imprese, riflettendone la capacità di rispondere alle trasformazioni della società e dei mercati.

Le azioni concrete previste della Carta sono:

  • definire e attuare politiche aziendali che, a partire dal vertice, coinvolgano tutti i livelli dell’organizzazione nel rispetto del principio della pari dignità e trattamento sul lavoro;
  • individuare funzioni aziendali alle quali attribuire chiare responsabilità in materia di pari opportunità;
  • superare gli stereotipi di genere, attraverso adeguate politiche aziendali, formazione e sensibilizzazione, anche promuovendo i percorsi di carriera;
  • integrare il principio di parità di trattamento nei processi che regolano tutte le
    fasi della vita professionale e della valorizzazione delle risorse umane, affinché le decisioni relative ad assunzione, formazione e sviluppo di carriera vengano prese unicamente in base alle competenze, all’esperienza, al potenziale professionale delle persone;
  • sensibilizzare e formare adeguatamente tutti i livelli dell’organizzazione sul valore della diversità e sulle modalità di gestione delle stesse;
  • monitorare periodicamente l’andamento delle pari opportunità e valutarne l’impatto delle buone pratiche;
  • individuare e fornire al personale strumenti interni a garanzia della effettiva tutela della parità di trattamento;
  • fornire strumenti concreti per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro favorendo l’incontro tra domanda e offerta di flessibilità aziendale e delle persone, anche con adeguate politiche aziendali e contrattuali, in collaborazione con il territorio e la convenzione con i servizi pubblici e privati integrati; assicurando una formazione adeguata al rientro dei congedi parentali;
  • comunicare al personale, con le modalità più opportune, l’impegno assunto a
    favore di una cultura aziendale della pari opportunità, informandolo sui progetti intrapresi in tali ambiti e sui risultati pratici conseguiti;
  • promuovere la visibilità esterna dell’impegno aziendale, dando testimonianza
    delle politiche adottate e dei progressi ottenuti in un’ottica di comunità realmente solidale e responsabile.

La Carta rappresenta un ulteriore passo avanti nella parità effettiva tra uomo e donna in campo lavorativo, sociale ed economico. Ora la speranza è che l’adesione ad essa sia sempre più ampia. L’adesione alla Carte è libera e può essere fatta attraverso il sito www.cartapariopportunita.it.

Fonte: www.assolombarda.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti