Permessi 104, nota della Funzione Pubblica sul cumulo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Parere sul riconoscimento della 104/92 a dipendente che assiste un congiunto lavoratore, il quale fruisce a sua volta dei permessi per se stesso

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, con nota protocollo nr. 44274 dello scorso 5 novembre, fornisce un parere sul diritto alla fruizione dei permessi ex art. 33, comma 3, della l. n. 104/1992 da parte di dipendenti pubblici ospedalieri, per assistere un congiunto lavoratore che si trova in situazione di handicap grave che fruisce per se stesso dei benefici previsti dalla citata legge.

Il parere veniva richiesto dal Complesso ospedaliero San Giovanni-Addolorata di Roma e, riguarda in particolare, la possibilità di fruizione dei giorni di permesso da parte dei due soggetti, nelle stesse giornate.

Si legge nella nota: “In merito, la normativa citata, accordando la possibilità al lavoratore che assiste una persona disabile in situazione di handicap grave di beneficiare dei permessi per l’assistenza alla stessa, non preclude espressamente la fruizione del beneficio ove il disabile prenda i permessi per se stesso, né tantomeno indica le modalità di fruizione per il caso prospettato.

La situazione ordinaria è che le giornate fruite come permesso ex l. 104 del 1992 coincidano, ma ciò non esclude che qualora il lavoratore che assiste il disabile abbia la necessità di assentarsi per svolgere attività, per conto del disabile, nelle quali non è necessaria la sua presenza, il primo possa fruire dei permessi anche nelle giornate in cui la persona disabile si rechi regolarmente al lavoro”.

Pertanto, conclude la nota, “considerando anche la varietà delle situazioni che di fatto possono presentarsi, si è dell’avviso che una limitazione dell’agevolazione da questo punto di vista difficilmente potrebbe giustificarsi in base alla legge.”

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti