Fiat: firmato accordo per il nuovo Contratto collettivo specifico

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Le novità del nuovo contratto Fiat.

Lo scorso 13 dicembre, la Fiat ed i sindacati Fim, Uilm, Fismic, Ugl hanno siglato l’intesa per il contratto del gruppo Fiat. Il contratto , che recepisce gli accordi di Pomigliano,  riguarda 86 mila operai e, sarà operativo dal prossimo 1 gennaio 2012 e avrà durata di un anno.

Rimane fuori dal contratto la Fiom; Landini, chiede l’intervento del governo poichè, “L’accordo firmato con la Fiat peggiora le condizioni di lavoro e limita le libertà sindacali per i lavoratori del Gruppo. L’intesa rappresenta un attacco ai diritti, alle libertà e alla democrazia perché sancisce la cancellazione del Contratto nazionale, senza aver ricevuto alcun mandato dai lavoratori.”

Le novità

  • premio straordinario di 600 euro per il 2012. Tale premio sarà erogato ai lavoratori che, nel periodo gennaio-giugno 2012 avranno effettuato un numero di ore lavorative non inferiore a 870.
  • Scatto di anzianità per tutti gli addetti; è prevista l’aggiunta ai 5 scatti di anzianità biennali di un sesto scatto quadriennale.
  • incrementi di retribuzione sullo straordinario al sabato che passano dal 50 al 60%;
  • Premio di competitività: nell’ambito del progetto WCM, ai lavoratori che raggiungono il livello “silver” o quello “gold” nel corso del 2012, sarà erogato nel mese di dicembre, rispettivamente un importo di 200 euro o 500 euro a titolo di una tantum;
  • è stato confermato il sistema delle Rsa attraverso il voto proporzionale ed il metodo elettivo; confermati inoltre, i due livelli di contrattazione;
  • stretta sulle assenze per finta malattia.

Ovviamente soddisfatta la Fiat; nel comunicato stampa si legge: “L’intesa firmata oggi segna una svolta storica per la nostra azienda e i suoi lavoratori. Con il nuovo contratto disponiamo di uno strumento moderno che rispecchia la realtà dell’industria a livello internazionale e che permetterà a Fiat e Fiat Industrial di diventare più
efficienti e creare le condizioni essenziali per continuare ad investire nel Paese”.

“Il nuovo contratto, inoltre, garantisce ai nostri lavoratori di mantenere inalterati tutti i diritti acquisiti e permette loro di essere i primi a beneficiare dell’aumento di produttività. I vantaggi economici in busta paga, infatti, saranno evidenti, grazie al maggiore utilizzo degli impianti e alla possibilità di fare straordinari in modo più flessibile”.

Contratto Fiat

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti