Finanziaria 2010: le novità sul mondo del lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il 1° Gennaio 2010 entrerà in vigore la Finanziaria approvata lo scorso 22 dicembre. Il testo definitivo della Finanziaria 2010 risulta profondamente modificato ed arricchito rispetto al disegno di legge approvato il 13 novembre scorso dal Senato. L’ammontare della manovra è di quasi 9 miliardi di euro e, numerose sono le novità nel campo del lavoro

Il 1° Gennaio 2010 entrerà in vigore la Finanziaria approvata lo scorso 22 dicembre. Il testo definitivo della Finanziaria 2010 risulta profondamente modificato ed arricchito rispetto al disegno di legge approvato il 13 novembre scorso dal Senato. L’ammontare della manovra è di quasi 9 miliardi di euro e, numerose sono le novità nel campo del lavoro. Ma vediamo in breve il contenuto della manovra.

Indennità di disoccupazione

E’ previsto, in via sperimentale per l’anno 2010 che, nel periodo necessario per il godimento dell’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola (cinquantadue settimane lavorative nell’ultimo biennio), vanno computati anche i periodi di lavoro come collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, per un massimo di tredici settimane e per i quali i versamenti sono stati effettuati alla gestione separata dell’INPS.

Incentivi per l’assunzione degli “over 50”

Incentivi sono previsti, solo per il 2010 e sempre in via sperimentale, per chi assume  i soggetti beneficiari dello “status” di disoccupazione e che hanno più di cinquanta anni. L’ incentivo consiste, in pratica, nell’abbattimento dei contributi a proprio carico:  il datore di lavoro paga il 10% del contributo a proprio carico.

La durata dell’incentivo è prolungata in favore dei datori di lavoro che assumono lavoratori in mobilità o che beneficiano dell’indennità di disoccupazione con requisiti normali che abbiano almeno trentacinque anni di anzianità contributiva, fino alla data di maturazione del diritto al pensionamento e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2010.

Incentivi per l’assunzione dei disoccupati

Viene previsto un nuovo incentivo alle assunzioni che va ad aggiungersi a quelli già esistenti. Viene corrisposto un determinato incentivo a chi in trattamento integrativo non derivante da sospensioni dal lavoro (quindi, disoccupato e non cassaintegrato) sia in possesso di un’anzianità contributiva di almeno trentacinque anni: se ricorrono queste due condizioni ed il soggetto accetta un lavoro con un inquadramento retributivo inferiore di almeno il 20% rispetto alle mansioni di provenienza, viene riconosciuta la contribuzione figurativa integrativa, fino alla data del diritto al pensionamento di vecchiaia.

Indennità in favore dei lavoratori somministrati e collaboratori a progetto

L’indennità, già prevista per l’anno 2009, per i lavoratori somministrati è prorogata a tutto il 2010, alle stesse condizioni operative previste al comma 12 dell’art. 19 della legge n. 2/2009.

Per i collaboratori a progetto, viene aumentata l’indennità già prevista dall’art. 2, comma 19, della legge n. 2/2009, iscritti, in via esclusiva, alla gestione separata dell’INPS.

L’’indennità, susseguente, alla perdita del lavoro, liquidata in un’unica soluzione, è pari al 30% del reddito percepito nell’anno precedente e, in ogni caso, non può essere superiore a 4.000 euro. Tutto questo a condizione che:

  • l’attività sia svolta in regime di mono committenza:
  • il reddito lordo percepito nell’anno precedente, per tale attività sia riferibile
    ad una “forbice” compresa tra i 20.000 ed i 5.000 euro;
  • vi sia stato l’accredito presso la gestione separata dell’INPS, relativo all’anno di riferimento, di almeno una mensilità;
  • assenza di qualsivoglia contratto di lavoro da almeno due mesi;
  • accredito di almeno tre mesi di contribuzione alla gestione separata riferito all’anno precedente.

Apprendistato

Circa 100 milioni di euro  per il 2010 andranno a finanziare le forme di apprendistato, di cui il 20% per l’apprendistato per l’espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione e per l’apprendistato per l’acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione, per le attività di formazione nell’esercizio dell’apprendistato anche se svolte oltre il compimento del diciottesimo anno di età.

Lavoro occasionale ed accessorio

Il lavoro occasionale ed accessorio è soggetto ad una serie di ampliamenti sia di natura oggettiva che soggettiva. Il lavoro accessorio è allargato alla Pubblica Amministrazione, con particolare riguardo agli Enti Locali. Infatti i lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade e monumenti sono sempre possibili
anche se il committente è un Ente Locale.

Somministrazione

E’ stato reintrodotto il cd. “staff leasing” ossia la somministrazione a tempo indeterminato (prima vietata) e, modifiche sono state apportate alla somministrazione a tempo determinato.

Incentivi per assunzione di altri lavoratori

Previsto per il 2010, nei limiti di 12 milioni di euro, un incentivo erogato dall’Inps per i datori di lavoro, le cui aziende non abbiano effettuato nei 12 mesi precedenti riduzioni di personale avente la stessa qualifica e che non abbiano sospensioni dal lavoro, che assumano lavoratori destinatari dell’indennità di disoccupazione involontaria, di cui all’articolo 19, comma 1, del Dò. 636/1939. I rapporti di lavoro che vanno a costituirsi debbono essere a tempo pieno ed indeterminato.

Fonte: www.dplmodena.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti