Lavori usuranti, il Governo approva il testo del decreto legislativo per la pensione anticipata

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Approvato lo schema del decreto sui lavori usuranti: le condizioni necessarie per ottenere il pensionamento anticipato.

Il consiglio dei ministri, nella seduta di ieri, 13 aprile, ha approvato in maniera definitiva, lo schema di decreto legislativo, recante norme in materia di accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti (lavori usuranti). si attende ora la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

La delega legislativa conferita dell’articolo 1 della legge 183/2010 (c.d. Collegato lavoro) è volta a consentire ai lavoratori dipendenti impegnati in lavori o attività connotati da un particolare indice di stress psico-fisico, di maturare il diritto al trattamento pensionistico con un anticipo di 3 anni.

Restano comunque fermi il requisito minimo di anzianità contributiva di  35 anni, la  nuova disciplina relativa alla decorrenza del pensionamento (cd. “finestre”) e l’adeguamento dell’età pensionabile all’incremento dell’aspettativa di vita.

L’art.1 stabilisce che i destinatari del provvedimento di pensionamento anticipato sono:

  • a) lavoratori impegnati nelle mansioni particolarmente usuranti di cui all’articolo 2 del decreto del ministro del lavoro 19 maggio 1999; ossia:
  • – “lavori in galleria, cava o miniera”;
    – “lavori nelle cave”;
    – “lavori nelle gallerie” mansioni svolte dagli addetti al fronte di avanzamento con carattere di prevalenza e continuita’;
    – “lavori in cassoni ad aria compressa”;
    – “lavori svolti dai palombari”;
    – “lavori ad alte temperature”;
    – “lavorazione del vetro cavo”;
    – “lavori espletati in spazi ristretti”, con carattere di prevalenza e continuita’ ed in particolare delle attivita’ di costruzione, riparazione e manutenzione navale, le mansioni svolte continuativamente all’interno di spazi ristretti, quali intercapedini, pozzetti, doppi fondi, di bordo o di grandi blocchi strutture;
    – “lavori di asportazione dell’amianto”.

  • b) lavoratori notturni ripartiti  in:
    1. lavoratori a turni, che prestano la loro attività di notte per almeno 6  ore per un numero minimo di giorni lavorativi annui non inferiore a 78 (per chi ha maturato i requisiti per l’accesso anticipato nel periodo 1° luglio 2008 – 30 giugno 2009) e non inferiore a 64 giorni per coloro che  maturano i requisiti successivamente all’anzidetto periodo;
    2. lavoratori che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell’intervallo tra le 24.00 e le 5.00, per periodi di lavoro di durata pari all’intero anno lavorativo;
  • c) conducenti di veicoli, di capienza complessiva non inferiore a 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo;
  • d) addetti alle linee di catena e ad attività in serie.

Condizioni per l’accesso al beneficio pensionistico sono che le attività usuranti vengano svolte al momento dell’accesso al pensionamento e che siano state svolte per una certa durata nel corso della carriera lavorativa pari:

  • ad almeno sette anni, compreso l’anno di maturazione dei requisiti, negli ultimi dieci di attività lavorativa, per le pensioni aventi decorrenza entro il 31 dicembre 2017;
  • ad almeno la metà della vita lavorativa complessiva, per le pensioni aventi decorrenza dal 1 ° gennaio 2018.

Limiti anagrafici e contributivi per il pensionamento anticipato

I commi 4, 5 e 6 dell’art 1, stabiliscono le modulazioni dell’anticipo della decorrenza del pensionamento. A decorrere dal 2013, l’accesso alla pensione è consentito con una età anagrafica inferiore di tre anni ed una “quota” (data dalla somma di età anagrafica e contributiva), inferiore di un valore pari a tre, rispetto ai criteri generali fissati dalla Tabella B allegata alla L.247/2007, valevole per la totalità dei lavoratori.

La distinzione inoltre, va effettuata per i lavoratori  di cui alle lett a,c,e d definite sopra e lavoratori notturni. Per i primi e i lavoratori notturni con un numero di numero di giorni lavorativi maggiore o uguale a 78, per il periodo transitorio 2008-2012, il comma 5 stabilisce che si può accedere al pensionamento anticipato se si hanno i seguenti requisiti:

  1. Tra il 1° luglio 2008 e il 30 giugno 2009, 57 anni di età e 35 di contributi;
  2. tra il 1° luglio 2009 e il 31 dicembre 2009, 57 anni e quota 93;
  3. per il 2010, quota 94 sempre con 57 anni di età; come anche per il 2011 e per il 2012.

Per chi fa turni 64-71 notti, dal 1° luglio 2009 il requisito anagrafico è 58 anni e quota 93; anni 58 e quota 94 per il 2010, 59 anni e quota 94 nel 2011 e nel 2012, 60 nel 2013.

Per chi fa tra 72 e 77 notti, il requisito è rispettivamente: 57, 58, 59 anni con quote di 93 per il 2009 e, quota 94 per tutti gli altri periodi.

Specifiche norme concernono gli obblighi dei datori di lavoro in ordine alla  produzione della documentazione volta a dimostrare il possesso dei requisiti richiesti per l’accesso al beneficio pensionistico.

Vengono disciplinate nel decreto, inoltre, le modalità di presentazione delle domande (art.2), gli obblighi di comunicazioni (art.5) e, le disposizioni sanzionatorie nel caso di erogazione dei benefici sulla base di documentazione non veritiera il datore di lavoro.

Una apposita clausola di salvaguardia (art.3), infine, è volta a garantire il rispetto dei limiti di spesa fissati, prevedendo il differimento della decorrenza dei trattamenti (con criteri di priorità basati sulla data di maturazione dei requisiti) qualora emergano scostamenti tra il numero delle domande presentate e la copertura finanziaria a disposizione.

Torneremo ad analizzare il testo del decreto

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • claudio

    sono andato in pensione gennaio 2010, ho lavorato a catena su due turni dal 10/1971 al 11/2003 e fino al 12/2009 facendo la notte fissa; ho diritto a nulla io con " lavori usuranti " ? grazie !

  • florindo

    scusa ma potrei avere una delucidazione??io sono un conducente di autobus dal 1979,sono nato il 12/01/1953.contributi 35 + 58 di età.il mio lavoro è stato riconosciuto come usurante.posso fare la domanda di prepensionamento .se gli anni di abbuono sono sull età anagrafica.io ne potrei usufruire di due anni , è così. ancora una domanda la documentazione è uguale x tutti .GRAZIE

  • ANTONIO DE MARCO

    Ho lavorato fino al 1992, dal 1971 al 1990 TURNISTA A CICLO CONTINUO, dal 1991 al 1992 giornaliero.__Sono in pensione dal 1998
    Ho diritto al beneficio Lavori Usuranti
    Notturni? Grazie Antonio- TURSI-MATERA

  • antonio

    quando avro' raggiunto l'eta' di 57 anni richiesta dalla normativa avro'solo 42anni di contributi perche' queste prese in giro??

  • Paolo

    io ho iniziato a lavorare nel 1980 ed ora ho 30 anni di contributi, ho 50 anni e lavoro sui bus, dovrò lavorare ancora 10/15 anni se resterò ancora vivo!!!
    ringrazio tutti , sia sindacati che governanti che mi hanno cambiato le carte in tavola, dato che non posso più andare in pensione con i 35 anni di contributi; mi sento preso in giro da tutti i governi e sindacati che nei tempi si sono succeduti.

  • gualtiero

    gualtiero gli autonomi agente di commercio.

  • 1952

    al di là di definire lavori usuranti solo quelli che comportano preponderante attività fisica, penso che tutti i lavori se svolti sotto stress, cosa che oggi è il quotidiano, comportino un usura che con il passare degli anni compromette comunque il rendimento e la concentrazione, e talvolta gli errori possono divenire più importanti per la collettività.
    Se il problema è la mancanza di contributi versati a causa della maggiore disoccupazione e maggiore durata di vita dei pensionati, vorrei sapere il motivo per il quale si è sempre legato l'andare in pensione al raggiungimento di una certa età anagrafica e non contributiva; se i 40 anni di contributi determinano equilibrio nel sistema ritengo obbligatorio fissare il raggiungimento di tale parametro indipendentemente dall'età anagrafica in cui si raggiunge; se poi entriamo maggiormente nel dettaglio ci si accorge che entrando sempre più tardi al lavoro il raggiungimento dei 40 anni di contribuzione effettiva spesso e volentieri supera il parametro di età anagrafica richiesti. Credo che finora siano sempre stati presi provvedimenti inversi che di fatto non hanno prodotto mai i risultati aspettati.

  • michele

    Sono nato il 6 gennaio 1954, ho lavorato dal 1972 al 2008 accumulando 35,5 anni di contributi. Ho lavorato su 3 turni facendo piu' di 80 notti all'anno(lavori usuranti) vorrei sapere se rientro nella legge dei lavori usuranti.
    Se e' cosi' potrei andare in pensione nel 2013.
    Vorrei sapere se questo risponde al vero e non viene intaccato dal decreto salva italia.
    Sicuro di una vostra risposta, ringrazio anticipatamente con vivi Auguri di Natale.

    • Ciao Michele da quello che scrivi non dovresti avere problemi, comunque ti consiglio di farti aiutare da un buon patronato per queste pratiche così delicate!!

  • Giancarlo

    Sono un agente di commercio nato il 05/01/1952, ho 36 anni e 9 mesi di contribuzione INPS al 31/12/2012, vorrei sapere se posso usufruire della modifica fatta dalla Fornero per i nati nel 1952, e andare in pensione a 64 anni? In caso affermativo devo continuare a fare i versamenti INPS da Gennaio 2013? Un ringraziamento anticipato.
    Saluti Giancarlo

  • pietro imperatrice

    Gent.ssa AVV. Di Paolo,in risposta alla sua del 10/04/12 per quanto riguarda la domanda di riesame da me inoltrata alla Inps competente, inerente alla domanda di pensionamento anticipato per lavoro usurante come portiere d’albergo notturno, non ho ancora avuto alcuna risposta. La domanda di riesame fu inviata il 16/02/2012. Ho inviato inoltre molte mail per posta certificata ma anche raccomandate a/r. Anche il Patronato Inca di zona è stato da me sollecitato, posto che aveva iniziato anche essa la pratica come mediatrice.
    Le chiedo se è vero che dopo i 60 g dalla domanda senza risposta, il ricorso si intende respinto. Come potrei avere tutela legale?vorrei contattare un avvocato competente in materia. Come posso fare? potrebbe anche via privata consigliarmene qualcuno?in zona di Pavia o Milano e provincia.Ringraziandola le porgo i miei cordiali saluti Pietro da Pavia