Rapporto annuale sul mercato del lavoro degli immigrati

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il Ministro Elsa Fornero e il sottosegretario Maria Cecilia Guerra hanno illustrato il Secondo Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati

E’ stato presentato il 10 luglio, nel corso di una conferenza stampa tenuta dal Ministro Elsa Fornero e dal Sottosegretario Maria Cecilia Guerra, il Secondo Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati.

I flussi migratori recenti riguardano soprattutto il sud dell’Europa e sono dovuti come noto alle disagiate condizioni delle popolazioni residenti nei paesi scenari di conflitti, cui si aggiungono flussi rilevanti nell’ambito dello spazio di libera
circolazione europea, con spostamenti anche consistenti da paesi di nuovo ingresso nell’UE. Quindi le migrazioni sono sempre meno legate alla richiesta di lavoro interna ai paesi e sempre più allo spostamento di popolazioni in cerca di fortuna.

Secondo i numeri del Governo, all’inizio del 2011 i cittadini stranieri residenti in Italia ammontano a più di 4 milioni e mezzo (4.570.317) con un’incidenza totale sulla popolazione del 7,5%. La crescita demografica che ha interessato il nostro Paese negli ultimi dieci anni (dal 2001 al 2011), è stata complessivamente abbastanza sostenuta, ma quella della popolazione straniera è stata tumultuosa, passando dagli 1,33 milioni del 2001 ai 4, 57 milioni del 2011!

Tale crescita ha caratterizzato in modo significativo il Nord (si è passati da 825 mila a 2 milioni e 798 mila stranieri) e il Centro (333 mila a 1 milione e 153 mila). Nel Mezzogiorno i valori sono più contenuti scontando una presenza straniera residente, al 2001, più contenuta (da 176 mila a 618 mila).

Uno dei dati salienti dello studio riguarda le comunità di immigrati, nel 2001 le 11 comunità più numerose rappresentavano il 6% della poloazione straniera, mentre nel 2011 sono il 66%. Cambia, quindi, profondamente anche l’impatto culturale delle comunità straniere sul sistema sociale con l’affermazione di lingue, costumi ed attitudini diverse e nuove.

Il dato più originale riguarda comunque il lavoro, infatti dal rapporto emerge una forte controtendenza nei livelli occupazionali degli immigrati. Se infatti come ben noto la disoccupazione fra la poloazione italiana continua a crescere al contrario fra gli immigrati si registrano, soprattutto negli ultimi 3 anni, tassi a 2 cifre di aumenti occupazionali.

Nell’ultimo anno gli occupati italiani sono, dunque, calati di circa 75 mila unità, mentre gli occupati comunitari ed extracomunitari, nonostante il peso della ben nota crisi economica sul mercato del lavoro, hanno conosciuto un incremento in termini assoluti equivalente, rispettivamente, a +42.780 e a +127.419 di individui.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • ANTONINO TROVATO

    L’aumento degli occupati immigrati si spiega con il fatto che vengono ricattati facilmente e vengono negati diritti. Non c’è altra spiegazione e sarà difficile ottenere dei risultati anche da ispezioni,perchè il loro bisogno e le loro condizioni li costringono a tacere.Purtroppo.