Ministero del lavoro: nuova campagna di sensibilizzazione sicurezza sul lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento




E’ partita lo scorso 23 agosto, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la Campagna di Comunicazione integrata che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dedica alla sicurezza sui luoghi di lavoro.

In una nota, il Ministero del lavoro spiega: “La tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori rappresenta una assoluta priorità per l’Italia che, secondo le indicazioni dell’UE, ha l’obiettivo di ridurre del 25% gli infortuni sul lavoro entro il 2012.

L’obiettivo della campagna, così come previsto nel D.Lgs. 81/2008, anche noto come Testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, è promuovere un vero e proprio cambiamento culturale, “un processo collettivo di sensibilizzazione e responsabilizzazione, in cui ogni cittadino assume un ruolo attivo”.

Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene” è lo slogan della campagna che, si sofferma sull’importanza che il mondo degli affetti riveste per ciascuno di noi, sottolineando indirettamente quanto la prevenzione e l’attenzione che investiamo ogni giorno sul luogo di lavoro siano determinanti per non metterlo a repentaglio.

Lo spot, in particolare, descrive con immagini di vita quotidiana il rientro a casa dopo il lavoro, mettendo in risalto il clima di affetto e accoglienza che tale momento rappresenta. In apertura l’invito a far sì che questi momenti non si trasformino solo in ricordi, alludendo alla tragedia di un eventuale incidente sul lavoro. Il calore dei sentimenti contrapposto alla freddezza della loro brusca interruzione rappresenta un invito cogente al senso di responsabilità di ognuno di noi.

L’iniziativa di comunicazione, pur rivolgendo l’attenzione all’intera popolazione, ha come target specifici i lavoratori (con un particolare focus per i settori economici individuati come a maggior rischio di incidenti: edilizia, agricoltura e trasporti) e i datori di lavoro, nella convinzione che la strategia di contrasto degli infortuni sul lavoro può risultare massimamente efficace se messa a “sistema”, con un’ effettiva collaborazione delle parti coinvolte.

Di sotto potete vedere i video

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • La FORMAZIONE è la chiave per diffusione della CULTURA DELLA SICUREZZA. Laddove L'INFORMAZIONE si ferma avendo una funzione nozionistica, la FORMAZIONE agisce sulla cultura organizzativa diffondendo valori – pratiche e procedure della sicurezza.

    A questo proposito segnalo il primo corso di formazione alla sicurezza fatto in modalità esperienziale:

    R.S.P.P. : Relazionarsi, Sopravvivere, Pensare, Proteggersi
    Buongiorno a tutti

    Trovate la locandina dell'evento in questa pagina :http://www.amcservices.it/downloads/

    Le attività previste dall’outdoor sono metafore di reali situazioni lavorative nelle quali sarà necessario implementare processi comunicativi efficaci, gestire dinamiche di gruppo, relazionarsi con personalità diverse, gestire motivazioni di grado differente.I partecipanti vivranno delle esperienze pratiche in contesti di disconfort seguite da sessioni di debriefing facilitate dai trainer.

    Il team è composto da docenti dell’Università di Tor Vergata e professionisti di AMC Services esperti di formazione sulla sicurezza e outdoor training.

    Sono benvenuti commenti ed opinioni sull'argomento