Cisl, in 5 anni persi oltre 675 mila posti di lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


IX Rapporto sull'industria in Italia. Un dossier completo e articolato sullo stato di salute del sistema industriale e sulla situazione occupazionale italiana

Ancora un altro studio, ancora un’altra batosta, se per caso qualcuno non si fosse ancora reso conto della drammatica situazione in cui ci troviamo. Questa volta a lanciare l’allarme è la CISL che pubblica il IX Rapporto Cisl sull’industria in Italia.

L’ultimo quinquennio che va dal 2007 ad aprile 2012, mese a cui arriva lo studio, può essere riassunto, secondo lo studio con quattro numeri. “I volumi produttivi si sono ridotti del 20,5%, gli ordinativi del 17,9%, il fatturato del 4,5%, l’occupazione del 6,8%.”

La Cassa Integrazione

L’industria è riuscita a compensare la riduzione dei volumi produttivi e degli ordinativi, aumentando la qualità dei prodotti e i prezzi relativi, con una riduzione dell’occupazione più vicina alla perdita di fatturato che di volumi, grazie al ricorso esteso agli ammortizzatori sociali, continua lo studio.

Fra il 2007 e il 2011 le ore di cassa complessive, per l’industria e l’edilizia variano in aumento del 315,9%, con un’esplosione della Cassa in Deroga, che passa dal 7,4% al 14% delle ore totali di cassa autorizzate. Secondo l’organizzazione del leader Bonanni, sarebbero 201.096 i lavoratori stimati a zero ore, coinvolti in processi di Cassa Integrazione speciale o in deroga e quindi a rischio. Mettendoli in conto, per esercizio di simulazione, la riduzione di posti di lavoro effettiva e potenziale, equivarrebbe a circa 675.000 unità.

L’occupazione

All’ingresso nella nuova fase recessiva (primo trimestre 2012) l’industria arriva con 473.640 posti di lavoro in meno (-6,8%) rispetto all’inizio del 2007. L’industria ha perso il 6,6% di occupati, le costruzioni il 7%.

Provvedimenti urgentissimi

Il report comunque non si limita a dare numeri, già più o meno noti, ma cerca  a grandi linee di dire cosa andrebbe fatto nel breve periodo per stimolare l’economia e far ripartire l’occupazione e che riguardano a grandi linee:

Provvedimenti urgentissimi

  1. Crisi di liquidità e soccorso alle PMI
  2. Industria e politiche industriali
  3. Produttività

Le azioni necessarie per “fare sistema”e valorizzare l’esistente

  1. sostenere i poli tecnologici del Sud
  2. avviare politiche vere di attrazione d’investimenti dall’estero
  3. avviare politiche di sistema per le PMI ed i distretti
  4. valorizzare il settore agroalimentare
  5. rafforzare l’operatività dell’unità di crisi presso il MiSE
  6. Far decollare vere politiche attive del lavoro, attraverso la formazione e la riqualificazione dei lavoratori

Il rapporto completo

  IX Rapportosull'industria in Italia (1,1 MiB, 297 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti