I consumi delle famiglie nel 2012 secondo l'Istat

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Studio annuale Istat relativo al 2012 dei consumi medi delle famiglie italiane.

Nel 2012, la spesa media mensile è scesa del 2.8% in meno rispetto al 2011. Lo rivela l’Istat nell’ultima pubblicazione resa nota oggi sul portale dell’istituto di statistica.

La spesa alimentare, continua lo studio, è sostanzialmente stabile, resta intorno ai 470 euro, anche grazie alle strategie di contenimento della spesa messe in atto dalle famiglie per fronteggiare l’aumento dei prezzi. Crescono, infatti, le percentuali di chi ha ridotto la qualità e/o la quantità dei generi alimentari acquistati e di coloro che si rivolgono all’hard discount (dal 10,5% al 12,3%).

La spesa non alimentare è quella che ha visto un calo più evidente, diminuisce infatti del 3%: calano le spese per abbigliamento e calzature (-10,3%), per arredamenti, elettrodomestici e servizi per la casa (-8,7%) e quelle per tempo libero e cultura (-5,4%), a fronte però di un aumento del 3,9% delle spese per combustibili ed energia.

Sale, rispetto al 2011, la quota di spesa alimentare (dal 19,2% al 19,4%); l’aumento più consistente si registra nelle regioni centrali (dal 18,4% al 19,3%), ma è nel Mezzogiorno che, ancora una volta, si osservano i valori più elevati (25,3%).

Il comunicato stampa si conclude con i dati della regione più virtuosa, da questo punto di vista, cioè il Trentino-Alto Adige, in particolare la provincia di Bolzano, che risulta essere la regione con la spesa media mensile più elevata (2.919 euro), seguono Lombardia (2.866 euro) e Veneto (2.835 euro). Fanalino di coda, anche nel 2012, la Sicilia, con una spesa media mensile di 1.628 euro, di circa 1.300 euro inferiore a quella del Trentino-AltoAdige.

Fonte: Istat

 

  Istat: i consumi delle famiglie nel 2012 (559,9 KiB, 2 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti