Rapporto Isfol Orientamento Lavoro 2010

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Si è svolto a Roma il Convegno organizzato dall'Istituto Isfol per presentare il "Rapporto orientamento 2010"

Ieri, 26 maggio, si è svolto a Roma il Convegno organizzato dall’Istituto Isfol per presentare il “Rapporto orientamento 2010”, una fotografia dell’offerta e della domanda di orientamento in Italia nell’ambito dei sistemi dell’istruzione, della formazione, dell’università e del lavoro.

Sei giovani su 10 hanno utilizzato questi servizi

Dal rapporto è emerso che il 60% circa dei giovani dichiara di aver fruito, almeno per una volta, dei servizi di orientamento nel sistema scolastico, anche se i canali di scelta privilegiati restano la famiglia e gli insegnanti.

Servi utilizzati soprattutto dalle fasce “deboli”

I maggiori fruitori di servizi di orientamento sono i soggetti più “deboli” rispetto al mercato del lavoro, ossia le donne, i giovani, i disoccupati e i lavoratori in cassa integrazione, ma anche persone con titolo di studio più elevato. Il 90,2% del campione intervistato è a conoscenza dei servizi di orientamento, ma assai inferiore è la percentuale di coloro che ne fruiscono (meno del 50%).

Grande dinamismo di Centro, Sud e Isole

Il rapporto, inoltre, conferma una maggiore diffusione dell’orientamento nel sistema universitario, in particolar modo al Centro, al Sud e nelle Isole. Sempre al Sud e nelle Isole sono risultati essere molto attivi i Centri per l’orientamento e i Servizi per il lavoro.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti