Trasformazione contratto da full-time a part-time

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Un commesso settore alimentare chiede se il datore può obbligarlo a trasformare il suo contratto di lavoro da full-time a part-time

Buongiorno, e grazie in anticipo per il vostro lavoro. Nella mia azienda (Discount, settore Alimentare), stanno passando molti da full-time a part-time a 30 ore. Penso che a breve lo vengano a chiedere anche a me, volevo sapere:

  1. mi posso rifiutare?
  2. visto che loro prendono come pretesto il calo degli incassi per passarti part-time, eventualmente loro me lo proponessero, posso dirgli di accettare il 30 ore intanto per 1 anno ed alla fine di quest’anno valutare la situazione e, o prorogarlo o tornare full-time?
  3. Se mi rifiuto mi possono licenziare?

Gentile Sig. Salvi,

La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale è ammessa solo se risultante da un atto scritto e controfirmato in comune accordo tra il datore di lavoro e il lavoratore.

L’eventuale rifiuto del lavoratore alla proposta di trasformazione dell’orario di lavoro da parte del datore di lavoro (da full-time a part-time e viceversa), non costituisce giustificato motivo di licenziamento, poiché la modifica dell’orario di lavoro non può essere obbligata ma concordata tra le parti.

Si renderà conto che l’accettazione della riduzione di orario per 1 solo anno per poi valutare, rispetto ad un fattore del tutto incerto, quale l’andamento degli incassi, l’eventuale riconversione in full-time, non può trovare spazio in un accordo scritto ed in ogni caso non sarebbe vincolante.

Cordiali saluti.
Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti