Lavoro occasionale accessorio e NASpI, precisazioni INPS

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Compatibilità e cumulabilità del lavoro occasionale accessorio e NASpI. Precisazioni dall'INPS.

Con il messaggio numero 494 del 04 febbraio 2016 l’INPS fornisce ulteriori precisazioni in merito alla
cumulabilità e compatibilità tra lavoro occasionale accessorio e NASpI.

L’INPS premette che queste precisazioni sono fornite al fine di superare alcune incertezze rappresentate sia dalle strutture territoriali sia dall’utenza degli sportelli territoriali.

Leggi anche: NASpI, chiarimenti dall’INPS sulla nuova disoccupazione

Come stabilito dal Decreto Legislativo n. 81/2015, in particolare dell’art. 48, comma 2, le indennità di disoccupazione NASpI e le prestazioni integrative del salario sono interamente cumulabili con i compensi derivanti dallo svolgimento di lavoro occasionale di tipo accessorio nel limite complessivo di euro 3.000 per anno civile, rivalutabile annualmente.

Per i compensi che superano il tetto dei 3.000 euro per anno civile, deve essere applicata la disciplina ordinaria sulla compatibilità ed eventuale cumulabilità parziale della retribuzione con la prestazione di disoccupazione.

Lavoro occasionale accessorio e NASPI, niente comunicazione entro i 3000 euro annui

Quindi solo nel caso in cui il soggetto dovesse superare il suddetto tetto di 3000 € dovrà comunicarlo all’INPS secondo le apposite procedure, a questo si riferisce la Circolare n. 142 del 2015 nel punto in cui reca “Il beneficiario dell’indennità NASpI è tenuto a comunicare all’INPS entro un mese rispettivamente dall’inizio dell’attività di lavoro accessorio o, se questa era preesistente, dalla data di presentazione della domanda di NASpI, il compenso derivante dalla predetta attività.”

Di conseguenza nel caso in cui i compensi da lavoro accessorio rientrino nei 3.000 euro annui, il beneficiario dell’indennità NASpI non è tenuto a comunicare nulla all’Inps.

Quindi alla parte eccedente i 3000 euro si applicheranno le stesse regole di compatibilità tra lavoro autonomo occasionale o professionale e la NASpI.

Comunicazione obbligatoria all’INPS per il superamento dei 3000 euro annui

Viceversa, la comunicazione andrà necessariamente resa all’INPS, prima che il compenso determini il superamento del predetto limite dei 3.000 euro, anche se derivante da più contratti di lavoro accessorio stipulati nel corso dell’anno, pena la decadenza dalla indennità NASpI.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Silvia Pignatti

    Buonasera,

    sono stata licenziata tramite procedura di licenziamento collettivo il 21/9 u.s. Il mio contratto prevedeva un mese e mezzo di preavviso che il datore mi riconosce. Interpreto bene la normativa deducendo che al di là del pagamento entrerò ufficialmente in mobilità il giorno 5 novembre? (45 giorni di calendario + 7 di transizione?

    Durante il periodo di preavviso posso avere collaborazioni di qualche tipo e con quali massimali per non incorrere nella perdita della futura mobilità e senza vederla ridotta di importo? Vaucher? Lavoro autonomo? Collaborazioni coordinate e continuative?

    Grazie mille!