Il milleproroghe è legge dello Stato

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La camera approva definitivamente il testo del milleproroghe. Tutte le novità dalle pensioni alle graduatorie docenti, agli ammortizzatori sociali.

La Camera, con 336 voti favorevoli, 61 contrari e 13 astenuti ha finalmente approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 216 del 2011, conosciuto come decreto milleproroghe.

Nel corso dell’iter di approvazione, diverse sono state le modifiche apportate al testo di legge tant’è che ha avuto qualcosa da ridire anche il Presidente Napolitano. Napolitano ha infatti, inviato una lettera ai Presidenti delle Camere e al Presidente del Consiglio in relazione agli emendamenti al decreto “milleproroghe” nella quale si richiama l’attenzione sulla sentenza della Corte Costituzionale n. 22 del 2012 che ha, per la prima volta, annullato disposizioni inserite dalle Camere in un decreto-legge nel corso dell’esame del relativo disegno di legge di conversione.

L’accusa del Presidente della Repubblica è che, molti emendamenti “hanno introdotto disposizioni in nessun modo ricollegabili alle specifiche proroghe contenute nel decreto-legge, e neppure alla finalità indicata nelle premesse di garantire l’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa.” L’invito per il futuro è di attenersi, nel valutare l’ammissibilità degli emendamenti riferiti a decreti-legge, a criteri di stretta attinenza allo specifico oggetto degli stessi e alle relative finalità, al fine di non esporre disposizioni, anche quando non censurabili nel merito, al rischio di annullamento da parte della Corte costituzionale.

Di seguito le principali novità.

Un capitolo molto discusso e importante è quello relativo alle pensioni; la legge prevede

Le altre norme

  • proroga ed estensione delle agevolazioni sul rientro dei lavoratori in Italia;
  • Proroga per gli ammortizzatori sociali;
  • graduatorie scuola: graduatorie chiuse ad esaurimento; introdotta una ‘fascia aggiuntiva’ alle graduatorie per una limitata serie di personale docente abilitato.
  • Vigili e asili nido: I comuni possono assumere a tempo determinato ili docenti per gli asili nido e le materne e i vigili urbani estivi, ma la spesa non e’ in deroga dal patto di stabilità.
  • impegno a prorogare l’accordo per la sospensione dei debiti delle PMI
  • anticipo del termine entro il quale i medici possono esercitare la facoltà di utilizzazione del proprio studio professionale per l’esercizio dell’attività libero-professionale intramuraria
  • ulteriore proroga per l’entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)
  • proroga dei termini degli adempimenti tributari e contributivi per i soggetti interessati dagli eccezionali eventi atmosferici di Livorno e Messina;
  • aumento delle sigarette per la copertura in materia pensionistica;
  • proroga dell’impegno di spesa per gli indennizzi ai cittadini italiani espropriati dei loro beni in Libia negli anni ’60
  • soppressione della sanatoria delle violazioni in materia di affissioni di manifesti elettorali che era stata introdotta in sede referente
  • Graduatoria Agenzia delle Entrate: valida sino al 2012 la graduatoria del 2009 per l’assunzione dei funzionari all’Agenzia delle entrate;
  • proroga dei poteri del Commissario straordinario per le quote-latte;
  • Unione dei comuni: obbligo per i piccoli comuni di ricorrere ad un’unica centrale di committenza per l’acquisizione di lavori, servizi e forniture

Torneremo ad analizzare in dettaglio alcune norme che interessano il mondo del lavoro quali le graduatorie docenti, le pensioni e gli ammortizzatori sociali.

Legge 24 febbraio 2012, n. 14, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante la proroga di termini previsti da disposizioni legislative, pubblicato sulla G.U del 27 febbraio 2012

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti