Concorsi Inps 2021 – 2022: previste 5000 assunzioni. Ecco le figure ricercate

Concorsi Inps 2021 - 2022: entro breve tempo, Inps intende effettuare una consistente operazione di incremento organico.


Entro breve tempo, Inps intende effettuare una consistente operazione di incremento organico, allo scopo di assumere nuove leve preparate, anche e soprattutto dal punto di vista delle competenze digitali. Appare dunque opportuno di seguito soffermarci sui nuovi bandi di concorso INPS per oltre 5mila assunzioni previste nei prossimi mesi.

Si tratta di numeri importanti, ma d’altronde detti nuovi concorsi Inps non soltanto hanno l’utilità di dare lavoro a figure giovani e laureate: soprattutto aumento dell’organico mira ad assicurare servizi più efficienti e veloci alla cittadinanza.

Vero è che, in un’ottica di gradualità degli inserimenti, i primi bandi INPS sono già usciti, ma entro poco tempo vi sarà spazio anche per le altre procedure concorsuali. Vediamo allora qualche informazione di dettaglio sui posti di lavoro messi a concorso; sull’articolazione delle prove d’esame; sui bandi in arrivo e sui requisiti da avere per poter partecipare alle selezioni.

Concorsi Inps 2021 per incrementare il personale e fare turnover

La notizia sui nuovi concorsi in uscita Inps 2021 non deve stupire: l’Istituto ha infatti recentemente  approvato il piano del fabbisogno del personale per il 2021-2023. Nel documento emerge con chiarezza la necessità di procedere con  l’assunzione di circa 5 mila nuovi dipendenti entro il 2021.

Si tratta di selezioni rivolte a figure con competenze in svariati ambiti. Infatti Inps sta cercando medici, avvocati, amministrativi e informatici. In verità, non solo incremento d’organico: le nuove risorse saranno reclutate con una serie di concorsi INPS, che mirano altresì a fare turnover del personale.

Nell’ottica di servizi ai cittadini sempre più digitalizzati e tecnologici, ben si comprende la necessità di immettere negli uffici figure giovani e debitamente formate. E’ ciò si rivela utile, in special modo, per far fronte ai nuovi servizi e responsabilità affidati all’ente previdenziale.

Come accennato, le prime selezioni pubbliche sono già state indette, ma è chiaro che l’inserimento di migliaia e migliaia di nuovi assunti non avverrà in brevissimo tempo, ma con gradualità e razionalità. Pertanto, seguiranno nei prossimi mesi – in modo scaglionato – le varie selezioni Inps.

Concorsi Inps 2021 – 2022: la selezione per consulenti è tra le più attese

Come accennato, sono e saranno non poche le selezioni Inps 2021, giacchè sono moltissimi i posti disponibili, e per professionalità assai diverse tra loro. Per esempio, sta destando grande interesse il concorso pubblico Inps per consulenti, previsto a breve. Si tratta di una selezione per individuare ben 1858 funzionari INPS, che segue all’ultimo concorso per il profilo di consulente protezione sociale, bandito ormai due anni fa.

In attesa dell’uscita del bando di concorso, possiamo affermare che se la nuova procedura concorsuale conserverà i requisiti di accesso della precedente, sarà mirata ad assumere laureati. Nel dettaglio, saranno consentito di partecipare a coloro che hanno completato il percorso di studi in Giurisprudenza, Ingegneria, Economia, Scienze Politiche e Scienze Sociali e del Servizio Sociale. Per il momento, è possibile fare riferimento al bando precedente per consulenti protezione sociale Inps.

Come accennato in precedenza, il programma di assunzioni INPS è mirato al rafforzamento delle risorse umane. Ciò ad assicurare ai cittadini una dotazione organica più opportuna, al fine di svolgere al meglio le funzioni sempre crescenti, riconducibili all’ente. E chiaro che, per questa via, le nuove assunzioni contribuiranno anche alla sostituzione dei dipendenti andati in pensione.

Il piano assunzioni Inps 2021-2023: ecco i numeri chiave

Tutti coloro che sono interessati a partecipare ad uno dei concorsi Inps in arrivo, certamente vogliono scoprire quali sono i posti disponibili per ruolo o categoria professionale. Ecco di seguito in sintesi, come saranno articolate le nuove assunzioni, alla luce del piano assunzioni Inps 2021 -2023 (clicca qui per visualizzare il testo):

  • n. 2155 amministrativi e funzionari – saranno assunti con nuovi concorsi INPS, scorrendo la graduatoria del concorso per 1858 consulenti protezione sociale e attraverso riammissioni in servizio;
  • 1858 consulenti protezione sociale, il cui concorso per 1858 unità sarà, come detto, svolto a breve;
  • 413 unità da inquadrare in posizione economica C1 (progressioni verticali di personale);
  • 364 medici di prima fascia – di questi una unità sarà assegnata alla sede provinciale di Bolzano e assunta con procedura concorsuale autonoma. Già previsto  un concorso per 189 unità, invece le rimanenti saranno assunte scorrendo le graduatorie di quest’ultimo o nuovo iter concorsuale da autorizzare;
  • 165 informatici con posizione economica C1 (concorso di cui è già uscito il bando);
  • 63 medici di seconda fascia – di questi una unità sarà destinata alla sede provinciale di Bolzano e assunta con procedura concorsuale a se stante. Ad un primo concorso per 35 medici è già stato dato l’ok. Mentre, le restanti unità saranno assunte con scorrimento della graduatoria di quest’ultimo o nuova procedura concorsuale;
  • 38 professionisti tecnico edilizi di primo livello (nuovo bando pubblico INPS in arrivo);
  • 29 unità di area B, assunte presso la sede di Bolzano, con nuova procedura concorsuale e una riammissione in servizio;
  • 23 unità di area A – si tratta di 22 addetti al servizio di portierato o custodia e vigilanza degli immobili dismessi di proprietà degli enti previdenziali e di una unità da riammettere in servizio;
  • 19 dirigenti di seconda fascia;
  • 15 professionisti legali di primo livello (è già uscito il bando per il concorso riservato agli avvocati);
  • 11 insegnanti assunti con le forme di reclutamento di cui alle regole del comparto scuola;
  • 10 dirigenti informatici di seconda fascia (concorso Inps in arrivo).

Concorsi Inps 2021: quali sono i requisiti per partecipare alle prove?

Alla luce di quanto riportato finora, si tratta dunque di figure professionali in larga parte con formazione universitaria ed abilitazione professionale (ad es. avvocati e medici). Pertanto le prove d’esame, scritte ed orali, saranno inerenti alle materie collegate alla tipologia di laurea. Tuttavia, per tutti i dettagli sui requisiti in concreto richiesti ai candidati per partecipare a ciascun bando INPS in uscita; e l’eventuale disponibilità di posti anche per diplomati, occorre aspettare l’uscita degli avvisi pubblici di selezione, come sempre in Gazzetta Ufficiale.

A molti l’informazione seguente potrà essere utile: pare che in base alle più recenti indiscrezioni, l’Inps non intenda introdurre per i concorsi pubblici previsti, il requisito dell’obbligo di certificazione per la conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER).

Concorsi Inps 2021: le modalità di effettuazione delle prove

Va rimarcato che i concorsi Inps 2021 si svolgeranno a distanza ossia in via telematica, secondo una modalità ormai d’abitudine in molti contesti lavorativi. Le selezioni potranno avvenire eventualmente presso sedi designate per consentire ai concorrenti di accedere ai dispositivi informatici, obbligatori per svolgere le prove.

In ogni caso, i concorsi Inps previsti sono per titoli ed esami. Digitalizzazione, semplificazione e velocità nel completamento dell’iter di selezione sono e saranno tratti caratterizzanti delle prove, così come indicato dal Ministero per la PA. Vi potrà essere una prova scritta da sostenere al pc e una prova orale eventuale. Comunque, le materie delle prove scritte ed orali saranno indicate nei bandi che via via usciranno.

Concludendo, anche le domande per partecipare ai nuovi concorsi Inps saranno da farsi in via telematica. Per fare domanda correttamente, sarà necessario fare l’accesso all’applicazione ConcorsINPS, raggiungibile dal portale web ufficiale dell’Istituto. Ciò sfruttando, alternativamente:

  • il PIN Inps;
  • una identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2;
  • una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE)
  • o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).