Concorso Ministero Economia e Finanze 2018: cosa studiare

Concorso Ministero Economia e Finanze 2018, entro le scadenze del 7 e 10 maggio si può ancora presentare domanda per partecipare alla selezione pubblica per 400 posti indetta dal MEF. Vediamo insieme quali materie studiare e come prepararsi al meglio.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Si ha tempo fino al 10 maggio per poter presentare la domanda di partecipazione al Concorso Ministero Economia e Finanze 2018 settore economico, mentre per il settore giuridico è possibile candidarsi entro e non oltre il 7 maggio 2018. Ricordiamo che per poter partecipare ai nuovi concorsi pubblici pubblicati dal MEF, i bandi richiedono il possesso di una laurea triennale oppure magistrale a seconda del settore e profilo scelto.

Inoltre, bisogna precisare che molto probabilmente non sarà pubblicata nessuna banca dati per potersi esercitare per la  prova preselettiva. Quindi vediamo insieme quali sono le materie da studiare per prepararsi per la prova scritta del concorso e qualche libro consigliato per la preparazione.

Concorso Ministero Economia e Finanze 2018: cosa studiare

Per le nuove assunzioni annunciate dal MEF sono stati pubblicati 6 bandi per un totale di 400 posti a tempo pieno e indeterminato:

  • 80 posti con orientamento statistico ed economico quantitativo scadenza il 10 maggio;
  • 90 unità con orientamento economico aziendale e contabile in scadenza il 10 maggio;
  • 60 posti con orientamento economico-finanziario in scadenza il 10 maggio;
  • 50 posti con orientamento giuridico-finanziario in scadenza il 7 maggio;
  • 40 unità con orientamento giuridico-tributario in scadenza il 7 maggio;
  • 80 unità con orientamento giuridico nell’ambito dei servizi amministrativi trasversali scadenza il 7 maggio.

Per ciascun bando di concorso elencato, saranno svolte due prove scritte di cui una di carattere teorico e una di carattere teorico-pratico. Successivamente alle due prove scritte, i candidati idonei saranno convocati per lo svolgimento di un colloquio orale.

Visto il numero elevato di domande di partecipazione, l’amministrazione del concorso effettuerà una prova di preselezione per i 6 concorsi.

La prova preselettiva dei concorsi MEF 2018 consiste in 90 quesiti a risposta multipla. Il test avrà una durata di 80 minuti e potrà svolgersi anche mediante apparecchiature informatiche.

Il punteggio della prova di preselezione viene così attribuito: 1 punto per ogni risposta esatta, – 0,35 punti per ogni risposta errata, 0 punti per ogni risposta non data. Bisogna comunque precisare che il punteggio di tale prova non concorre alla formazione del voto finale del concorso.

Come anticipato in premessa non sarà rilasciata la banca dati delle domande, pertanto è utile procurarsi un testo apposito per esercitarsi anche per la prova preselettiva.

Prova preselettiva concorsi MEF 2018, cosa studiare

Il Concorso Ministero Economia e Finanze 2018 prevede come detto sopra l’assunzione di diversi profili. Vediamo quindi quali sono e su quali materie bisogna prepararsi.

Profilo Economico-Finanziario

La prova preselettiva del concorso profilo Economico-Finanziario del MEF, consisterà in 90 quesiti a risposta multipla sulle seguenti materie: logica e di comprensione del testo, lingua inglese, politica economica; economia internazionale, economia dei mercati e degli intermediari finanziari, diritto del mercato e degli strumenti finanziari, diritto dell’Unione europea.

Profilo statistico

Ai candidati che parteciperanno alla prova preselettiva del profilo statistico, sarà sottoposto un test di 90 domande a risposta multipla sulle seguenti materie: economia politica, scienza delle finanze, statistica, calcolo delle probabilità e demografia, econometria, elementi di diritto amministrativo e dell’Unione Europea, logica e di comprensione del testo, lingua inglese 

Profilo economico aziendale

I candidati per il profilo economico-aziendale, le materie che saranno inserite nella prova di preselezione sono: economia ed organizzazione aziendale, contabilità di Stato e degli enti pubblici, ragioneria generale ed applicata, diritto societari, elementi di diritto amministrativo e dell’UE, logica e di comprensione del testo, lingua inglese 

Orientamento giuridico-finanziario e giuridico-tributario

Per il concorso Mef di 50 unità con orientamento giuridico-finanziario la prova di preselezione avrà le seguenti  materie: diritto societario, diritto bancario – assicurativo, della regolamentazione dei mercati e della concorrenza, del mercato e degli strumenti finanziari, diritto dell’Unione europea, logica e di comprensione del testo, lingua inglese;

Invece coloro che parteciperanno al concorso Mef di 40 unità con orientamento giuridico-tributario svolgeranno una prova preselettiva sulle seguenti materie di esame: logica e di comprensione del testo, lingua inglese, diritto tributario, scienza delle finanze, diritto tributario internazionale e sistemi fiscali comparati, diritto dell’Unione europea, elementi di diritto pubblico e amministrativo.

Profilo giuridico dei servizi amministrativi trasversali

Infine, le materie inserite nella prova di preselezione dei candidati per il profilo giuridico dei servizi amministrativi trasversali, sono le seguenti: diritto pubblico e costituzionale, diritto amministrativo, diritto dell’Unione europea, elementi di diritto civile, contabilità di Stato e degli enti pubblici, logica e di comprensione del testo, lingua inglese .

Come prepararsi per il concorso MEF

Come anticipato, molto probabilmente non sarà pubblicata nessuna banca dati relativa ai concorsi MEF 2018, quindi per superare la prova di selezione del concorso bisognerà studiare singolarmente le materie d’esame previste da ogni profilo.

Comunque per facilitare lo studio della prova scritta del Concorso Ministero Economia e Finanze 2018, sono stati pubblicati dei testi con relative esercitazioni per ogni materia.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.