Concorso in Sicilia per 341 posti presso il comune di Messina: figure ricercate e domanda

Tra i nuovi concorsi in arrivo, c'è questo in Sicilia nel Comune di Messina: bandi per l’assunzione di 341 figure a tempo indeterminato.


Ad inizio gennaio sono varie le opportunità di inserimento lavorativo tramite concorso pubblico, ed alcune di queste spiccano particolarmente in considerazione dell’alto numero di posti messi in palio. Nel corso di questo articolo vedremo in particolare che cosa c’è da sapere in merito alla nuova selezione indetta dal Comune di Messina per l’assunzione di figure contratto a tempo indeterminato e pieno.

Si tratta dunque di opportunità di lavoro stabile e di ben 341 posti divisi tra figure laureate e diplomate. Di seguito tutti i dettagli in merito ai ruoli che saranno assegnati, a seguito del superamento delle prove del concorso pubblico Comune di Messina 2021, i requisiti richiesti per partecipare alla selezione, alcune indicazioni sulle prove previste e sulle modalità per fare domanda. Premettiamo subito che su ogni bando opera la riserva del 30% dei posti a favore dei volontari FF.AA. I dettagli.

Leggi anche: nuovi concorsi Agenzia delle Entrate 2023-2024, la novità nella Legge di Bilancio

Concorso Sicilia, 341 posti Comune Messina: requisiti generali

Per quanto riguarda i requisiti generali per sostenere le prove d’esame, l’elenco è quello che segue:

  • cittadinanza italiana o di altro Stato membro UE;
  • pieno godimento dei diritti politici e civili;
  • età non al di sotto dei 18 anni e non superiore al limite previsto per il collocamento a riposo;
  • posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari per i concorrenti di sesso maschile nati prima dell’anno 1986;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • possesso dello SPID;
  • conoscenza delle applicazioni informatiche più diffuse.

Il candidato non deve inoltre trovarsi in situazioni di incompatibilità con i posti messi in palio con il concorso Comune di Messina 2023. Pertanto, così come indicano le regole previste, non deve ad esempio essere stato licenziato da un pubblico impiego, né aver riportato condanne penali, né avere procedimenti penali in corso di svolgimento che implichino l’interdizione dai pubblici uffici, o che possano influire sull’idoneità morale e sull’attitudine ad esercitare l’attività di pubblico impiegato.

Concorso Comune di Messina 341 posti, come sono suddivisi i posti

Oltre all’alto numero dei posti in palio, rileva anche la varietà della professionalità ricercate. Infatti per quanto riguarda i laureati, i posti messi a disposizione saranno 234 e la selezione sarà volta ad inserire:

  • 100 funzionari tecnici;
  • 79 funzionari amministrativi;
  • 25 funzionari contabili;
  • 20 funzionari legali;
  • 5 avvocati;
  • 5 funzionari di vigilanza.

Un numero minore di posti, ma comunque consistente, è riservato ai diplomati, ricercati nel numero di 107 unità, al fine di essere inseriti nelle strutture dell’amministrazione per i ruoli di seguito elencati:

  • 50 istruttori amministrativi;
  • 50 istruttori tecnici;
  • 7 istruttori contabili.

Per ogni profilo professionale, è possibile consultare e scaricare il relativo bando. Si tratta di figure sia di categoria C, posizione economica C1 (ad es. gli istruttori tecnici), sia di categoria D, posizione economica D1 (ad es. gli avvocati).  Nel sito web del Comune di Messina è possibile trovare i vari bandi, disponibili infatti in questa pagina.

Quali sono i requisiti formativi specifici

Ricordiamo che in relazione alle varie tipologie di figure professionali ricercate con i bandi del concorso del Comune di Messina per 341 posti, non sono sufficienti soltanto i requisiti generali sopra indicati. Infatti è richiesto il possesso dei titoli di studio connessi con l’area in cui si andrebbe ad operare, una volta vinto il concorso.

Ad esempio per la selezione riferita agli istruttori tecnici, occorre possedere il diploma di istruzione secondaria di secondo grado (diploma quinquennale di scuola media superiore) di geometra o perito edile o il diploma quinquennale di istruzione tecnica CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio) o titoli equipollenti ex lege, che permettano l’iscrizione ad una facoltà universitaria.

Mentre per la selezione rivolta agli avvocati, serve avere il diploma di Laurea in Giurisprudenza (vecchio ordinamento) o la laurea magistrale/specialistica in Giurisprudenza, insieme all’iscrizione all’Albo professionale da almeno 5 anni. Per la selezione funzionari legali sarà sufficiente la laurea in giurisprudenza. Ribadiamo comunque che maggiori dettagli sui vari titoli di studio sono comunque presenti nei testi dei singoli bandi.

Leggi anche: concorso notaio 2023 per 400 posti, ecco requisiti, domanda e prove. La guida rapida

Quali sono le prove d’esame previste

Gli interessati debbono già da ora sapere che laddove il numero delle domande presentate per ogni bando di concorso Comune di Messina sia maggiore del quintuplo dei posti messi in palio, l’Amministrazione, per il tramite di un’impresa specializzata in selezione del personale e procedure concorsuali pubbliche, effettuerà una preselezione come prima scrematura dei candidati. Si tratterà in particolare di una prova da remoto collegandosi ai link specificati nei singoli bandi, che consisterà in un test a risposta multipla sulle materie oggetto della selezione.

Anche per le selezioni legate all’inserimento di 341 nuove unità presso il Comune di Messina, con contratto a tempo pieno e indeterminato, saranno previste sia prove scritte, che prove orali. Le prime saranno svolte da remoto e consisteranno in due quesiti a risposta aperta, emessi dalla Commissione esaminatrice, a cui i partecipanti al concorso Comune di Messina dovranno rispondere in 60 minuti. Le seconde saranno mirate ad accertare con un colloquio le competenze del candidato, in riferimento alle materie oggetto del bando. Non mancherà altresì la valutazione della lingua inglese e dell’informatica.

Come e quando fare domanda

Gli interessati debbono sapere che la domanda potrà essere inviata soltanto in formato digitale, tramite il sito dell’ente locale che ha indetto la selezione e i link specificati nei singoli bandi. È obbligatorio il possesso dello Spid e le richieste di partecipazione potranno essere presentate nella finestra temporale che va dal 16 gennaio fino alle ore 23.59 del 14 febbraio 2023. Alla domanda i candidati dovranno allegare peraltro la ricevuta del bonifico bancario di euro 10,00 quale tassa di concorso. Per compilare la domanda servirà una PEC personale.

Infine, per maggiori dettagli sulle procedure selettive e sulle materie d’esame, rimandiamo nuovamente alla lettura dei bandi pubblicati in questa pagina del sito web del Comune di Messina.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email