Concorso scuole specializzazione 2018: Come presentare domanda

Si ha tempo fino al 5 ottobre 2018 per poter presentare la domanda di partecipazione al concorso scuole specializzazioni professioni legali 2018.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Sulla Gazzetta Ufficiale del 24 agosto 2018 è stato pubblicato il nuovo bando di concorso scuole specializzazione 2018-2019.  Esso consiste nell’ammissione alle scuole di specializzazione per le professioni legali per l’anno accademico 2018-2019. I posti messi a disposizione sono in totale 3.600 suddivisi tra i diversi atenei. Per poter partecipare al concorso pubblico, il bando richiede il possesso di alcuni requisiti particolarmente rilevanti. Vediamo inseme quali sono i requisiti richiesti e come presentare correttamente la propria domanda di partecipazione.

Concorso scuole specializzazione 2018: I requisiti

La partecipazione al nuovo concorso scuole specializzazione 2018 è riservata esclusivamente ai laureati in Giurisprudenza. Inoltre, da come indicato all’interno del bando di concorso, possono presentare la propria candidatura, anche i candidati che non sono ancora in possesso di una Laurea in Giurisprudenza ma che sarà conseguita entro e non oltre il 25 ottobre 2018.

Quindi l’unico requisito richiesto è il possesso di una Laurea in Giurisprudenza secondo il vecchio orientamento oppure Laurea magistrale/specialistica in giurisprudenza.

Infine, i candidati che non saranno in possesso dei requisiti indicati all’interno del bando entro il 25 ottobre 2018, saranno automaticamente esclusi dal concorso pubblico per le scuole di specializzazioni.

Prove d’esame del concorso professioni legali 2018

Come per ogni concorso pubblico, anche il concorso professioni legali 2018 richiede il superamento di alcune prove d’esame. La prova scritta del concorso si svolgerà il giorno 25 ottobre 2018, presso le università scelte nel momento della presentazione della domanda di partecipazione.

La prova scritta consiste in un test di 90 domande a risposta multipla sulle seguenti materie: diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo, diritto processuale civile e procedura penale. 

Tutti i candidati avranno a disposizione 90 minuti. Durante lo svolgimento della prova è assolutamente vietato consultare testi o codici commentati o annotati.

I candidati che saranno sorpresi ad utilizzare materiale vietato dal bando, saranno esclusi automaticamente dal concorso scuole specializzazione 2018-2019.

La commissione esaminatrice avrà a disposizione 60 punti da attribuire ad ogni candidato, dei quali:

  • 50 punti per la prova scritta;
  • 5 punti per la valutazione del proprio curriculum;
  • 5 punti per il voto di laurea;

Valutazione voto di laurea:

  • 110/110 e lode 5 punti;
  • 109/110 4 punti;
  • 108-107/110 3 punti;
  • 106-105/110 2 punti;
  • 104-102/110 1 punto.

Saranno ammessi alla scuola di specializzazione i candidati che, in relazione al numero di posti messi a disposizione dal bando di concorso, si siano collocati in posizioni utili nella graduatoria finale.

Inoltre, vogliamo precisare che, gli atenei che hanno il maggior numero di posti disponibili per l’ammissione alla scuola di specializzazione professioni legali sono:

  • Federico II di Napoli (290);
  • Sapienza di Roma (280).

Come presentare la domanda di partecipazione al concorso scuole di specializzazione 2018-2019

I candidati che sono in possesso dei requisiti precedentemente elencati e sono interessati a partecipare al concorso scuole professionali legali 2018, dovranno compilare il modello predisposto da ciascuna scuola e consegnarlo presso la segreteria dell’Università per la quale si partecipa.

Infine, va ricordato che sarà possibile presentare la propria candidatura entro e non oltre il 5 ottobre 2018. Tutte le domande presentate oltre tale data non saranno prese in considerazione dalle Università.

Per ulteriori informazioni relative al concorso, consigliamo di leggere attentamente i bando di concorso scuole specializzazione 2018-2019 allegato. 

BANDO

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.