Calcolo TFR dipendenti pubblici, novità sul processo di acquisizione dei dati

Avviato il nuovo processo di acquisizione dei dati giuridico-economici ai fini del calcolo del “TFR dipendenti pubblici”


L’INPS, con la Circolare n. 185 del 14 dicembre 2021, ha fornito le istruzioni per l’avvio del nuovo processo di acquisizione dei dati giuridico-economici utili ai fini del calcolo del TFR da Posizione Assicurativa, ai fini della completa integrazione con la Posizione Assicurativa dei dipendenti pubblici. In adesione al processo di digitalizzazione della gestione documentale e di semplificazione delle procedure nella pubblica Amministrazione, l’Istituto basa il proprio sistema informativo sul presupposto di acquisire contestualmente tutte le informazioni necessarie alla definizione delle diverse prestazioni istituzionali.

Gli obiettivi finali del cambiamento sono:

  • l’unicità delle fonti informative;
  • la correttezza contributiva;
  • tempestività;
  • semplificazione delle attività istruttorie per l’erogazione della prestazione in esame.

Calcolo TFR dipendenti pubblici: nuovo processo di telematizzazione

Il nuovo processo di telematizzazione del TFR dei dipendenti pubblici si pone l’obiettivo di superare le criticità legate alla trasmissione da parte delle Amministrazioni dei modelli “TFR1”/”TFR2”. Pertanto, è stata sviluppata una modalità di acquisizione dei flussi di comunicazione dei dati giuridico-economici necessari alla liquidazione del TFR.

Tale procedura opera mediante l’utilizzo dei dati presenti nella banca dati Posizione Assicurativa, alimentata dal flusso Uniemens – ListaPosPA, che garantisce la regolarità dei versamenti contributivi. Il flusso consente di massimizzare l’efficacia e l’efficienza dell’attività di liquidazione della prestazione e di evitare la ripetizione dell’invio dei dati da parte delle Amministrazioni iscritte all’INPS ai fini previdenziali. Questo perché le informazioni sul diritto e sulle retribuzioni di riferimento per la liquidazione del TFR sono presenti nelle denunce mensili.

TFR dei dipendenti pubblici: le fasi del processo di telematizzazione

Il nuovo processo della prestazione TFR si articola nelle seguenti fasi:

  1. Fase 1: Inserimento, da parte dell’Amministrazione datrice di lavoro, dell’“Ultimo Miglio TFR” a ogni risoluzione del rapporto di lavoro;
  2. Richiesta predisposizione Posizione Assicurativa per la prestazione TFR;
  3. Predisposizione Posizione Assicurativa per la prestazione TFR;
  4. Impianto pratica TFR;
  5. Definizione pratica TFR;
  6. Monitoraggio variazioni su Posizione Assicurativa;
  7. Attivazione riliquidazione della prestazione TFR;
  8. Definizione riliquidazione della prestazione TFR.

TFR dei dipendenti pubblici, fase 1

Il processo è attivato dall’inserimento su “Nuova Passweb” dell’“Ultimo Miglio TFR” da parte dell’Amministrazione presso cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro del dipendente. Tale “Ultimo Miglio TFR” deve essere compilato sempre ad ogni cessazione, indipendentemente dalla presenza/assenza della discontinuità del servizio.

Nell’“Ultimo Miglio TFR” il datore di lavoro deve indicare le informazioni non previste nella denuncia mensile ListaPosPA e che risultano essere necessarie per l’erogazione del TFR.

Fase 2

A seguito della notifica di discontinuità, l’operatore TFR invia a Posizione Assicurativa la richiesta di predisposizione per l’intero periodo assicurativo che risulta essere oggetto di liquidazione del TFR. Si tratta di una funzione che innesca un’attività di sistemazione della Posizione Assicurativa per il periodo di interesse del sistema di gestione TFR.

Tale richiesta, una volta innescata, è lavorabile dall’operatore di Sede (ambito PA) nella coda “Assegnatore” del sistema Nuova Passweb.

Fase 3

La terza fase è in carico all’operatore di Sede a cui è stata assegnata la richiesta di predisposizione della Posizione Assicurativa per la prestazione TFR e che troverà nella coda “Esecutore” di “Nuova Passweb”.

All’operatore di Sede è affidato l’incarico di provvedere alla sistemazione della Posizione Assicurativa relativamente al periodo assicurativo che deve essere oggetto di liquidazione del TFR; in particolare, il medesimo dovrà assicurarsi che siano presenti per ciascun periodo tutte le informazioni di interesse per la liquidazione del TFR, che sono di seguito sintetizzate:

  • la presenza della cassa previdenziale e il regime di fine servizio su tutti i periodi di interesse;
  • la presenza del motivo di cessazione del rapporto di lavoro e del rispettivo “Ultimo miglio TFR” per tutte le cessazioni presenti nel periodo di riferimento;
  • presenza della retribuzione teorica tabellare TFR e la retribuzione valutabile ai fini del TFR sui periodi di interesse;
  • opportuna certificazione/validazione di tutti i periodi assicurativi di interesse.

Fase 4

La quarta fase è effettuata in modalità automatizzata dal sistema analizzando la Posizione Assicurativa certificata e impiantando sulla Scrivania Virtuale dell’operatore TFR la/le pratiche di TFR conseguenti.

Fase 5

A seguito della predisposizione automatizzata della pratica TFR, l’operatore di Sede (ambito TFR) prosegue con le consuete modalità di liquidazione della prestazione. In questa nuova modalità integrata con la Posizione Assicurativa i dati giuridici/economici di riferimento per il calcolo del TFR sono recuperati dalla Posizione Assicurativa.

Fase 6

I periodi di Posizione Assicurativa, per i quali sono state prodotte delle pratiche di TFR, saranno monitorati dal sistema “Passweb” per rilevare eventuali modifiche sui dati determinate:

  • sia dall’alimentazione di una denuncia a variazione;
  • sia da modifiche effettuate sulla Posizione Assicurativa dall’operatore della Struttura INPS o dell’Ente.

Il verificarsi di una modifica è notificato in automatico dal sistema PA al sistema di gestione TFR.

Fase 7

Con la notifica di una modifica sulla Posizione Assicurativa, il sistema TFR, in automatico, analizza le variazioni comunicate e impianta una nuova pratica per la quale si procederà a richiedere un nuovo processo di sistemazione della Posizione Assicurativa

Fase 8

L’operatore di Sede (ambito TFR) procederà alla definizione della riliquidazione della pratica TFR ripercorrendo le fasi 4 e 5 descritte in precedenza e utilizzando come dati giuridici/economici quelli della Posizione Assicurativa aggiornata.

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti.