INPS, bonus assistenza disabili: al via l’Home Care Premium 2019

Pubblicato il nuovo bando INPS per ricevere il bonus assistenza disabili “Home Care Premium Assistenza domiciliare”, ecco come funziona

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Via libera al nuovo bando INPS bonus assistenza disabili, “Home Care Premium Assistenza domiciliare” 2019 (HCP 2019). Il bando pubblico prevede l’erogazione di contributi economici mensili da parte dell’INPS in favore di soggetti non autosufficienti, maggiorenni o minorenni. Il beneficio, che riguarda 30.000 persone, è rivolto ai disabili che si trovino in condizione di non autosufficienza per il rimborso di spese sostenute per l’assunzione di un assistente domiciliare.

Le domande possono essere presentate a decorrere dal 4 aprile 2019, fino alle ore 12:00 del 30 aprile 2019. Le istanze devono essere presentate esclusivamente dal beneficiario, ovvero dal titolare delegato. Ecco tutti i dettagli del bando.

Bonus assistenza disabili: soggetti interessati

Possono fruire del bonus assistenza disabili i dipendenti e pensionati pubblici, in favore dei loro:

  • coniugi, per i quali non sia intervenuta sentenza di separazione;
  • parenti e affini di primo grado anche non conviventi;
  • soggetti legati da unione civile e i conviventi ex lege n. 76 del 2016,;
  • fratelli o le sorelle del titolare, se questi ne è tutore o curatore.

Home Care Premium 2019: classificazione delle disabilità

Per l’accesso al beneficio, il bando distingue tre tipi di disabilità: media, grave e gravissima.

Rientrano, ad esempio, tra le disabilità medie:

  • gli invalidi dal 67% al 99% (D.Lgs. n. 509/88);
  • i minori di età con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età (art. 2, della L. 118/71)
  • gli ultrasessantasettenni con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni propri della loro età – invalidità dal 67% al 99% (art. 5, co. 7, del D.Lgs. n. 124/98);
  • i ciechi invalidi (art. 4, della L. n. 138/2001);;
  • gli invalidi civili con cofosi esclusi dalla fornitura protesica (D.M. n. 332 del 27.8.1999,);
  • gli invalidi (artt. 1 e 6, della L. n. 222/84, art. 1, co. 8, del D.Lgs. n. 503/1992);
  • gli invalidi sul lavoro 50-79% (Dpr. n. 1124/65, art. 66);
  • gli invalidi sul lavoro 35-59% (art.13 del D.Lgs. n. 38/2000, D.M. 12/7/2000, art 1, co. 782, della L. n. 296/2006).

Attestazione ISEE

Il bonus INPS disabili è subordinato al reddito ISEE, che definirà la graduatoria per accedere al beneficio. Pertanto, all’atto della presentazione della domanda, deve essere stata presentata la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione:

  • dell’ISEE socio sanitario riferita al nucleo famigliare di appartenenza del beneficiario (anche in modalità ristretta), ovvero;
  • dell’ISEE minorenni con genitori non coniugati tra loro e non conviventi, qualora ne ricorrano le condizioni ai sensi delle vigenti disposizioni.

Contributo mensile Home Care Premium 2019

L’ammontare del contributo mensile dipende da due fattori:

  • dal grado di disabilità;
  • e dal valore ISEE.

L’importo può arrivare fino a 1.050 euro, in caso di disabilità gravissima e valore ISEE fino a 8.000 euro. Inoltre, in concomitanza di altre indennità percepite dal beneficiario – come ad esempio l’indennità di accompagnamento o l’indennità di frequenza per i minori –  il contributo mensile sarà proporzionalmente ridotto.

In ogni caso, si legge nel bando, l’importo del contributo non potrà essere superiore alla retribuzione imponibile IRPEF dell’assistente domiciliare.

Domanda per accedere al bonus disabili INPS

La partecipazione al bando HCP 2019 è correlata alla presentazione di apposita domanda da inviare sul sito dell’INPS, entro le ore 12:00 del 30 aprile 2019, mediante uno seguenti canali:

  • online, mediante Pin dispositivo;
  • Contact Center al numero 80164 da rete fissa o 06164164;
  • Patronato

Gli esiti delle domande presentate saranno comunicate dall’INPS via SMS o e-mail. Infine, l’INPS si impegna rendere nota la graduatoria finale, che stabilisce la spettanza e l’importo del contributo mensile, entro il 28 maggio 2019.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.