Cessione TFR in garanzia: nuovo servizio di notifica INPS

È disponibile il nuovo servizio INPS "Notifica cessione TFR in garanzia", che consente di ricevere le notifiche da parte degli utenti esterni

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’INPS ha reso disponibile il servizio di notifica della cessione del TFR in Garanzia. IL servizio online serve a gestire le notifiche di contratti di finanziamento con cessione del TFR a garanzia inviate da banche e società finanziarie. Infatti, per gestire tali notifiche e al fine di evitare il rischio di indebiti pagamenti, l’INPS ha creato un archivio informatico che potrà essere popolato, sia dai funzionari INPS sia direttamente da società finanziarie, banche ed assicurazioni.

Il nuovo servizio, denominato “Notifica cessione TFR in garanzia”, è rivolto a società finanziarie, banche ed assicurazioni che siano cessionarie del credito per TFR quale garanzia nell’ambito di contratti di finanziamento stipulati con lavoratori dipendenti del settore privato.

Cessione TFR in garanzia: quando è di competenza INPS

Generalmente nel settore privato il TFR è di competenza del datore di lavoro. Esistono però alcune fattispecie che obbligano l’INPS ad intervenire per gestire tale istituto, ossia:

  • in caso di insolvenza del datore di lavoro mediante l’intervento del Fondo di Garanzia del TFR;
  • in caso di incapienza dei contributi dovuti nel mese dal datore di lavoro rispetto al TFR da erogare mediante il pagamento diretto della quota di TFR versata al Fondo di Tesoreria;
  • nei residui casi di liquidazione della quota di TFR maturata durante il periodo di fruizione del trattamento straordinario di integrazione salariale.

Notifica contratti di cessione del TFR: come accedere al servizio

Per accedere al nuovo servizio di notifica dei contratti di cessione del TFR l’utente deve premunirsi di una delle seguenti credenziali:

  • PIN dispositivo dell’INPS;
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o firma digitale;
  • credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2.

Per quanto riguarda i soggetti incaricati tramite specifica procura dalle aziende è necessario richiedere l’abilitazione presentando il modulo “MV61” ad una qualsiasi Struttura territoriale dell’INPS.

Cosa inserire nella banca dati INPS

Effettuato l’accesso, l’utente potrà inserire nella banca dati determinate informazioni riguardanti il lavoratore cedente e il datore di lavoro, quali:

  1. la data di stipula del contratto;
  2. la data di scadenza del finanziamento;
  3. i soggetti che hanno prestato l’assicurazione rischio vita e la garanzia rischio impiego;
  4. nonché copia in formato elettronico del contratto.

Messaggio INPS numero 2506 del 22-06-2018

Ecco il messaggio INPS recante ad oggetto: pubblicazione del servizio per la notifica dei contratti di cessione del TFR.

Messaggio INPS numero 2506 del 22-06-2018
» 137,7 KiB - 76 hits - 26 giugno 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Iscritto all'Elenco Pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Calabria mi occupo principalmente della redazione di articoli e approfondimenti giuslavoristici e previdenziali per riviste specializzate online. Collaboro attivamente in uno studio di consulenza del lavoro in Lamezia Terme come praticante CdL.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.