Reddito e pensione di cittadinanza, sospese le domande online

Sono temporaneamente sospese le domande volte a ottenere il Reddito e la Pensione di Cittadinanza (RdC e PdC). Ecco i dettagli.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Alla luce della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale numero 75 della Legge 26/2019, di conversione del Decreto-Legge 4/2019, è stata temporaneamente sospesa fino a giorno 5 aprile 2019 la possibilità di presentare le istanze online di Reddito e pensione di cittadinanza (RdC e PdC). Lo stop, comunicato dal Ministero del Lavoro, è dettato dall’aggiornamento dei moduli di domanda con le ultime novelle normative.

Durante l’iter di conversione in legge del Dl numero 4 del 2019, infatti, sono il Parlamento ha apportato diverse modifiche. Le novità riguardano soprattutto le condizioni e i requisiti di spettanza del RdC e PdC; questo ha quindi reso necessario un intervento sui moduli di domanda da parte dell’INPS. Ciò al fine di renderli in linea con le novità legislative.

Reddito e pensione di cittadinanza, sospese le domande online

Come da premessa pertanto, fino a giorno 5 aprile (è probabile che l’INPS impieghi qualche giorno in più), non è possibile inviare nuove domande di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza. Il tempo di sospensione servirà per adeguare i moduli di domanda alle recenti novità apportare in sede di conversione in legge del c.d. decretone.

Stando alle ultime cifre, nel primo mese di marzo sono pervenute circa 853.521 domande online, ai CAF o uffici postali. La maggior parte degli italiani ha preferito affidarsi ai CAF (600.000 persone circa), mentre il resto ha utilizzato il servizio telematico o si è recato presso gli uffici postali.

Leggi anche: Domanda di Reddito di cittadinanza online: guida alla richiesta di RdC

Reddito di Cittadinanza, quando arrivano i soldi

I soggetti che hanno già chiesto la domanda di Reddito di Cittadinanza, presentabile già dal 6 marzo scorso, sono in attesa del primo pagamento sulla RdC card che dovrebbe avvenire entro il corrente mese di aprile. La procedura prevede che gli intermediari (ossia le Poste o i CAF) inviino, entro 10 giorni dalla presentazione delle domanda, le istanze acquisite. Dopodiché l’INPS avrà solamente 5 giorni per fare le ultime verifiche e disporre il pagamento o mendo del sussidio economico.

La liquidazione avverrà entro la fine del mese successivo alla presentazione della domanda. Ciò significa che chi è riuscito a presentare l’istanza lo scorso mese di marzo, riceverà il primo pagamento già entro il mese di aprile; sempre che la domanda abbia avuto esito positivo.

Reddito di Cittadinanza: esito domanda sul sito INPS

Per controllare l’esito delle domande, l’INPS ha predisposto un’utile area di controllo. Nell’area riservata del cittadino si potrà infatti controllare l’iter della domanda di reddito di cittadinanza; sia che questa sia stata presentata online, tramite il portale o con l’ausilio dei CAF, che in modalità cartacea presso le Poste.

Leggi anche: Reddito e Pensione di cittadinanza: esito domande online


Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.