Smart working nella P.A.: proroga al 31 gennaio 2021

Il Decreto del 23 dicembre 2020 ha prorogato fino al 31 gennaio 2021 lo smart working nella Pubblica amministrazione.


Dall’avvento della pandemia da Coronavirus, il Governo ha reso più accessibile lo Smart Working per dare la possibilità di continuare il lavoro da casa e evitare inutili assembramenti nei luoghi di lavoro. Le motivazioni della semplificazione del lavoro agile sono chiari: diminuire al massimo i contatti e rischi di contagio nei luoghi di lavoro.

Esistono, infatti, moltissime attività lavorative che possono svolgersi in remoto comodamente da casa senza il bisogno di recarsi obbligatoriamente nella sede di lavoro contrattualmente stabilita. In precedenza, affinché il datore di lavoro potesse utilizzare il lavoro agile, era necessario fare apposita comunicazione telematica sul portale Cliclavoro.

Dal Decreto Cura Italia i datori di lavoro possono adottare la modalità di lavoro a distanza, senza preavvisare i ministeri e con procedura facilitata.

Man mano che la pandemia avanzava, lo smart working semplificato è stato di volta in volta prorogato. Infatti, il recente differimento della proroga dello stato di emergenza, fino al 31 gennaio 2021, interviene indirettamente anche sullo smart working.

Ultimo intervento in ordine cronologico sullo smart working è il Dpcm del 23 dicembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31 dicembre 2020, che interviene in particolar modo sulle Pubbliche Amministrazione. Ma andiamo in ordine e vediamo nel dettaglio cosa prevede il predetto decreto sullo smart working dei dipendenti pubblici.

Smart working nella P.A.: fino al 31 gennaio 2021

Come accennato poc’anzi, lo smart working semplificato è strettamente correlato allo stato di emergenza. Quindi, fin quando perdura la pandemia in Italia è possibile ricorrere al lavoro a distanza senza inviare specifiche comunicazione ai ministeri.

Infatti, fino alla predetta data i datori di lavoro possono avviare lo smart working, attualmente disciplinato dalla L. n. 81/2017 (cd. “Statuto dei Lavoratori autonomi”) in maniera unilaterale. Ciò significa che non c’è neanche il bisogno che il dipendente manifesti la volontà di lavorare da casa.

Lo scopo del Governo è quello di raggiungere la quota consigliata dal Comitato tecnico scientifico, che è del 70% ma si è discusso sull’alzare asticella ad un possibile 75%.

Intanto, nella Pubblica Amministrazione il Dpcm ha prorogato, fino al prossimo 31 marzo 2021, il lavoro agile per almeno il 50% dei dipendenti con mansioni che possono essere svolte da casa.

Gli enti, tenendo anche conto dell’evolversi della situazione epidemiologica, assicurano in ogni caso le percentuali più elevate possibili di lavoro agile, compatibili con le loro potenzialità organizzative e con la qualità e l’effettività del servizio erogato.

Smart working dipendenti pubblici: lavoratori disabili

In tema di smart working, ampio spazio è stato dedicato ai genitori con figli disabili, ai caregivers e ai lavoratori disabili.

Innanzitutto, per tutti i genitori che abbiano un figlio under 14 che è risultato positivo dopo essere stato contagiato a scuole e messo in quarantena dall’Asl, è possibile ricorrere al lavoro agile. Ma non solo. In luogo del lavoro a distanza, possono optare per un congedo indennizzato, con importo pari al 50% delle retribuzioni. In particolare, il congedo può essere fruito da uno solo dei genitori conviventi con il figlio, oppure entrambi, ma alternativamente.

Per quanto riguarda, invece, i caregivers – ossia i lavoratori che assistono persone disabili – ovvero persona portatori di handicap, i datori di lavoro possono stipulare degli accordi aziendali con le rappresentanze sindacali aziendali (RSA/RSU) o territoriali che regolamentino il ricorso allo smart working.

Leggi anche: Smart working covid-19: condizioni generali di accesso e deroghe

Smart working dipendenti pubblici: modalità di organizzazione

Quanto alle modalità di organizzazione del lavoro agile, le P.A. effettuano valutazioni di performance, verificando anche i feedback che arrivano dall’utenza e dal mondo produttivo. Inoltre, si monitorano anche le prestazioni rese in smart working da un punto di vista sia quantitativo sia qualitativo.

Quanto alle apparecchiature di utilizzo, la P.A. ha il compito di mettere a disposizione dei dipendenti tutti i dispositivi informatici e digitale che servono per l’espletamento della prestazione. In ogni caso, i datori di lavoro possono comunque usare gli strumenti informatici propri.

Nella scelta del personale da collocare in smart working, la P.A. tiene conto:

  • delle condizioni di salute dei componenti del nucleo familiare del dipendente;
  • della presenza di figli minori di 14 anni;
  • della distanza tra la zona di residenza o di domicilio e la sede di lavoro;
  • del numero e della tipologia dei mezzi di trasporto utilizzati e dei relativi tempi di percorrenza.
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679