Come andare in pensione con la riforma 2017

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Come andare in pensione con la riforma pensioni del 2017? Ecco tutti i requisiti necessari per richiedere il vostro pensionamento.

Prima della riforma Fornero e Monti del 2011 i requisiti per andare in pensione erano abbastanza semplici, infatti esisteva solo la pensione di vecchiaia e quella di anzianità. Con la nuova riforma pensioni 2017 i requisiti principali restano quelli della vecchia Riforma Fornero, ma vengono aggiunte alcune novità importanti. Andiamo a vedere quali sono i requisiti fondamentali e capire come andare in pensione con la nuova riforma pensionistica.

I requisiti per andare in pensione con la nuova riforma 2017

Con la nuova riforma pensionistica i requisiti per andare in pensione cambiano. Infatti bisogna aver raggiunto il 66° anno di età e 7 mesi  per gli uomini, mentre per le donne che lavorano come dipendenti, devono aver raggiunto il 65° anno di età e 7 mesi, mentre 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome.

Tali requisiti resteranno validi fino al 31 dicembre 2017, mentre dal 1 gennaio 2018 i requisiti per andare in pensione saranno nuovamente modificati. Dal 2018 sarà possibile andare in pensione solamente dopo aver raggiunto i 66 anni e 7 mesi, senza distinzioni di sesso o di ambito lavorativo.

Per andare in pensione con la nuova riforma pensionistica non conta solo l’età. Infatti i lavoratori che vogliono andare in pensione all’età di 66 anni devono aver versato almeno 20 anni di contributi.

E’ possibile andare in pensione ad un’età inferiore solo se si sono versati almeno  42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e  41 anni e 10 mesi per le donne.

Tutte le novità di come andare in pensione nel 2017

La nuova legge di stabilità prevede altre novità di come andare in pensione nel 2017. Infatti è possibile richiedere la pensione con  l’estensione del cumulo gratuito.

Questa novità da la possibilità ai lavoratori che hanno maturato contributi presso gestioni diverse ( Inps, ex Inpdap, privati ecc.. ) di sommarli così da raggiungere i requisiti per il pensionamento anticipato.

Un’altra novità importante della nuova riforma è quella di richiedere il pensionamento Flessibile. Questo tipo di pensionamento consiste di andare in pensione anche solo aver maturato i requisiti di vecchiaia fino all’età di 70 anni.

Come viene calcolata la somma dell’assegno mensile della pensione di vecchiaia?

La somma dell’importo dell’assegno della pensione viene calcolato secondo tre sistemi:

  • Sistema retributivo: Con questo sistema l’importo dell’assegno della pensione viene calcolato in base alla media delle retribuzioni.
  • Sistema contributivo: La somma della pensione viene calcolata in base ai contributi versati nel corso della vita lavorativa. Dal 2011 però questo sistema non può essere più utilizzato da solo.
  • Sistema misto: L’importo viene calcolato con il sistema retributivo ed il sistema contributivo.
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Altri articoli interessanti