Bonus bicicletta, decreto attuativo: come ottenere il rimborso o lo sconto

Bonus bicicletta: rimborso o sconto? Quali sono le modalità per fruire dell’incentivo previste dal decreto attuativo interministeriale

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del Ministero dell’Ambiente, avvenuta il 5 settembre, il provvedimento che ha introdotto il bonus bicicletta può considerarsi operativo. Definite dunque le modalità per ottenere il cosiddetto bonus mobilità 2020, riconosciuto per l’acquisto o il noleggio di biciclette e mezzi di trasporto elettrici volti ad effettuare microspostamenti.

Introdotto con il DL Rilancio il bonus bici e monopattini è un incentivo all’acquisto di biciclette elettriche e a pedalata assistita, e altro tipo di veicoli elettrici, quali monopattini, hoverboard, segway, monowheel. Rientrano nel bonus anche i servizi individuali di mobilità condivisa; si pensi al noleggio con abbonamento annuale di bike sharing o all’affitto di monopattini elettrici.

Il decreto attuativo prevede due modalità di fruizione del bonus bici:

  1. sotto forma di rimborso di un acquisto già effettuato
  2. o sotto forma di buono spesa, per ottenere uno sconto immediato sul prezzo di acquisto o noleggio.

A partire dal 4 novembre (ovvero una volta decorsi 60 giorni dall’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto) gli interessati potranno registrarsi sulla piattaforma web riservata all’incentivo mobilità sostenibile. Ad essa si potrà accedere dal sito del Ministero dell’Ambiente previa autenticazione tramite SPID.

Vediamo più nel dettaglio termini e modalità per poter beneficiare del bonus bicicletta, ovvero come ottenere il rimborso o lo sconto.

Chi può beneficiare del bonus bici e a quanto ammonta

Il bonus bici è un incentivo economico del quale potranno beneficiare i soggetti che abbiano compiuto 18 anni o i genitori di minorenni che risiedano in comuni densamente abitati, come capoluoghi di Regione e Provincia, città metropolitane o centri che abbiano popolazione superiore ai 50mila abitanti.

Trattasi di un bonus in questo momento previsto unicamente per il 2020 nel quale potranno rientrare le spese per acquisti già effettuati a partire dal 4 maggio e quelle che si sosterranno fino al termine dell’anno in corso. Il risparmio sarà del 60% della spesa sostenuta fino ad un massimo di 500 euro. Quanto a modalità di fruizione bisogna però fare delle distinzioni.

Bonus bicicletta: come ottenere il rimborso

Il bonus bici è fruibile sotto forma di rimborso delle spese sostenute (per acquisto bici o altri mezzi di trasporto alternativi) a partire dal 4 maggio scorso e fino al giorno antecedente il 60 esimo giorno dalla pubblicazione del decreto in GU (che abbiamo visto essere il 4 novembre).

Chi dunque ha acquistato bici o altro veicolo rientrante nel bonus potrà, previa registrazione sul portale web, presentare istanza di rimborso caricando sulla piattaforma la fattura o lo scontrino parlante comprovante la spesa effettuata.

Per accedere è necessario disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e inoltre ogni beneficiario potrà usufruirne una sola volta.

Si dovrà riportare il codice fiscale del cliente che beneficerà del bonus, al fine di ottenere un rimborso pari al 60% della spesa sostenuta e comunque non superiore a 500 euro. L’istanza di rimborso dovrà essere presentata entro e non oltre 60 giorni dall’attivazione dell’applicazione web.

Il rimborso verrà erogato mediante accredito sul conto corrente del beneficiario che dovrà fornire le coordinate bancarie all’atto della richiesta di rimborso.

Bonus bicicletta: come ottenere lo sconto sul prezzo di acquisto

Cosa succede invece per chi non ha ancora effettuato acquisti ma in futuro sosterrà delle spese per uno dei mezzi oggetto di incentivo? Si potrà ottenere direttamente uno sconto sul prezzo applicato dal negoziante o sul costo del servizio di cui ci si intende avvalere. Lo sconto sarà pari al 60% della spesa effettiva.

Al negoziante che aderisce all’iniziativa, in caso di acquisto, si dovrà mostrare un buono digitale. Il cliente interessato dovrà essersi registrato nella piattaforma web e scaricato l’apposita App per poter disporre del buono digitale.

Il buono può essere impiegato per acquistare un solo mezzo o per fruire di un solo servizio di mobilità. Ricordiamo che i suddetti buoni digitali dovranno essere utilizzati entro e non oltre 30 giorni da quanto vengono attivati. Tuttavia, a seguito della cancellazione che ne consegue, l’interessato potrà fare richiesta di un buono sostitutivo.

Affinché il rivenditore possa applicare lo sconto dovrà aderire all’iniziativa effettuando la debita registrazione. Il negoziante andrà in una apposita lista che potrà essere consultata mediante l’applicazione web.

Sia in caso di rimborso che di sconto mediante il buono digitale per poter accedere al portale web sarà necessario disporre delle credenziali SPID. Ricordiamo che si tratta del sistema pubblico di identità digitale introdotto nel 2016 al fine di permettere l’accesso ai servizi della PA.

Ai fini del bonus bici pertanto chi non dispone delle credenziali Spid, necessarie per accertare l’identità del beneficiario, dovrà farne richiesta.

Decreto 14 agosto 2020 del Ministero dell’ambiente

Alleghiamo infine il testo del Decreto 14 agosto 2020 del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

download   Decreto 14 agosto 2020 del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare
       » 80,8 KiB - 1.715 download
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679