I bonus nella legge di Bilancio 2021: ecco quali sono e a chi spettano

Il testo della Legge di Bilancio 2021 comprende numerosi bonus fra cui quelli per auto, per telefoni e occhiali e per gli chef. I dettagli.


La Legge di Bilancio 2021 ha recentemente ricevuto importanti modifiche nel suo iter di approvazione in Parlamento, anche con l’introduzione di nuovi bonus. E’ quindi cambiata sostanzialmente rispetto a quanto in origine previsto dal Ministro dell’Economia Gualtieri, infatti, ora sono in gioco incentivi auto, ma anche l’aumento del bonus mobili; il bonus bagno che consentirà di avere agevolazioni per cambiare docce e rubinetti.

Ma non solo: novità anche per quanto riguarda l’assunzione a tempo determinato di nuovi medici ed infermieri, che si occuperanno della somministrazione dei vaccini nei prossimi mesi. Nella manovra, trova spazio anche lo stop all’Iva sui vaccini, i tamponi e i test anti-coronavirus.

Cerchiamo allora di fare il punto della situazione, in attesa dell’ok da parte della commissione Bilancio della Camera alla Manovra 2021. Si tratta, insomma, di bonus a pioggia che nascono dall’esigenza di supportare gli italiani in vista del 2021 e di una auspicata ripresa dei consumi, degli investimenti e in generale dell’economia del paese.

Bonus nella legge di Bilancio 2021

Vediamo allora, in rapida rassegna, quali saranno i singoli bonus compresi nella legge di Bilancio 2021:

Voucher occhiali da vista

Per chi ha bisogno di occhiali nuovi o lenti correttive, è anzitutto previsto un voucher pari a 50 euro per coprire le spese. Tuttavia, il requisito da rispettare è costituito dal reddito Isee, che non deve essere sopra ai 10mila euro per nucleo familiare. Contestualmente, è costituito anche un fondo per la tutela della vista da 5 milioni di euro per un triennio fino al 2023.

Bonus mobili e bonus bagno

Il bonus mobili ora copre fino a 16mila euro di spese, ovvero questo è il tetto in rapporto alla detrazione Irpef al 50% per i costi sostenuti per comprare mobili ed elettrodomestici. Detta novità in manovra ha avuto l’ok di tutti i gruppi e ha già ricevuto l’approvazione della commissione Bilancio della Camera.

A questa agevolazione si collega il cosiddetto bonus bagno ‘risparmio idrico’ che premia con un contributo economico fino a 1.000 euro tutti gli interventi di riqualificazione idrica dei servizi igienici della propria abitazione.

Bonus TV

In base agli emendamenti al testo della manovra, 100 milioni di euro in più saranno previsti nel 2021 per consentire l’estensione del bonus TV; si tratta del noto sconto fino a 50 euro, per sostituire i vecchi televisori e acquistare TV e decoder di nuova generazione. I nuovi impianti devono essere idonei alla ricezione di programmi televisivi con nuovi standard (DVBT-2/HEVC), che saranno operativi a partire da luglio 2022, nonché per comprare decoder per la ricezione satellitare.

Bonus auto

Sull’emendamento in tema di ecoincentivi auto, è arrivato l’accordo bipartisan, che infatti comporta lo sconto per le euro 6, con bonus di 1.500 euro per le vetture di ultima generazione. Deve però esservi rottamazione dell’usato e uno sconto ulteriore di 2.000 euro sarà ottenibile direttamente al venditore del mezzo.

Più nel dettaglio, sono stati confermati i bonus già inclusi nei decreti Rilancio e Agosto, con bonus di ulteriori 2.000 euro per mezzi ad energia elettrica e ibridi, che si sommano alle agevolazioni già in essere.

Per quanto riguarda le auto elettriche, è previsto un bonus fino al 40% delle spese versate per l’acquisto (ma con valore massimo 30mila euro) compiuto entro il 2021; il bonus auto in questo caso è soltanto per coloro che hanno un Isee inferiore ai 30mila euro. Le cifre stanziate ci dicono che si tratta di 120 milioni di euro per il settore della circolazione su veicoli elettrici fino a dicembre del prossimo anno e 50 milioni per il settore veicoli commerciali.

Confermati gli incentivi di rottamazione.

Non solo: aumenta il limite delle emissioni (61-135 g/Km di CO2), con un adeguamento ai nuovi standard di misurazione.

Bonus chef

Per quanto riguarda i cuochi professionisti di ristoranti ed hotel, è prevista l’introduzione del bonus chef; si tratta di un credito d’imposta fino al 40% per le spese effettuate da gennaio al 30 giugno 2021, al fine di comprare nuovi macchinari e attrezzature professionali e per i corsi di aggiornamento. Il bonus copre fino a 6mila euro, e il tetto di spesa complessivo è pari ad un milione di euro per il 2021, salvo aggiustamenti. Inoltre, è utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Concludendo, non possiamo non menzionare anche che, negli emendamenti in manovra – oltre ai bonus citati – è anche previsto lo stanziamento di 70 milioni di euro alle scuole paritarie. Tuttavia, queste ultime dovranno spendere quanto previsto, per favorire l’accoglienza di alunni disabili.

Stop alla prima rata dell’Imu 2021 per strutture turistiche

Ed è notizia recente anche lo stop alla prima rata dell’Imu 2021 per strutture turistiche, ricettive, agriturismi, discoteche, sale da ballo, allestimenti di strutture espositive in fiere, mostre e manifestazioni. L’intento è evidentemente quello di ‘alleggerire’, in qualche modo, il carico di spese sopportate dal settore della ristorazione e del turismo.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679