Canone Rai 2019: importo e modulo esenzioni

Ecco l'importo, le modalità di pagamento e i casi di esonero e il modulo di richiesta esenzione Agenzia delle Entrate per il canone Rai 2019.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il canone Rai 2019, come i precedenti degli ultimi anni, si dovrà pagare a rate mensili addebitate direttamente nelle utenze dell’energia elettrica. Infatti, secondo la legge R.D.L.21/02/1938 n.246, tutti i soggetti che sono in possesso di uno o più televisori sono obbligati a pagare la tassa sul possesso di queste apparecchiature elettroniche.

Qui di seguito vedremo nel dettaglio l’importo da pagare, la data di scadenza delle rate e chi sono i soggetti esonerati dal pagamento del canone della Rai e come presentare il modulo per l’esenzione.

Canone Rai 2019: chi deve pagarlo e quant’è l’importo

Il Canone Rai è uno degli argomenti che manda in confusione la maggior parte dei cittadini Italiani. Infatti, prima dell’entrata in vigore delle legge di stabilità 2016, il canone della Rai veniva pagato con un bollettino postale in un’unica soluzione. Dal 2016 la modalità di pagamento è cambiata.

Infatti, il Canone Rai 2019 è suddiviso in 10 rate inserite direttamente nella bolletta della luce da gennaio a ottobre di ogni anno. La somma da versare allo Stato è pari a 90€. Tale importo dovrà essere obbligatoriamente pagato a meno che non ci sono delle condizioni in cui è prevista l’esenzione o l’esonero del Canone della Rai.

Se nessun componente della famiglia anagrafica è titolare di contratto elettrico domestico residenziale il canone si deve pagare con modello F24 entro il 31 gennaio 2019. Infine i titolari di pensione che nell’anno precedente hanno percepito fino a 18 mila euro lorde di pensione, possono richiedere entro il 15 novembre di pagare il Canone con addebito sulla pensione.

La legge italiana stabilisce che tutti i soggetti che sono in possesso di uno oppure più apparecchiature adattabili o atti alla ricezione dei programmi televisivi trasmessi tramite segnale terrestre o satellitare, sono obbligati a versare un’imposta di 90 euro ogni anno.

Il pagamento del canone tv è dovuto una sola volta indipendentemente dal numero di televisori o apparecchi posseduti dai componenti della stesso nucleo familiare. Ad esempio se in solo appartamento sono presenti 5 televisori, l’imposta dovrà essere versata solo una volta e non per ogni televisore posseduto.

Infine, ricordiamo che anche i residenti all’estero che detengono un’abitazione in Italia dove è presente una televisione, sono obbligati a pagare il canone della Rai.

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo direttamente alla lettura dell’area dedicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come pagare il Canone Rai

L’importo del Canone Rai 2019 è di 90 euro. Dal 2016, l’addebito della somma da versare avverrà sulle bollette  elettriche suddiviso in dieci rate mensili, da gennaio a ottobre di ogni anno. Inoltre, per i pensionati sarà possibile richiedere al proprio ente pensionistico, l’addebito sulla propria pensione. Ricordiamo che tale richiesta potrà essere effettuata entro e non oltre il 15 novembre dell’anno precedente, quindi in questo caso 15 novembre 2018.

Oltre queste due modalità, lo stato italiano prevede nel caso in cui nessun componente della famiglia è titolare di un contratto di fornitura elettrica di tipo domestico residenziale, potrà effettuare il pagamento del canone tv mediate il modello F24.

Il rinnovo del canone della Tv potrà essere pagato in:

  • un’unica soluzione annuale, entro il 31 gennaio;
  • due rate semestrali (31/01 e 31/07);
  • In quattro rate: 31 gennaio, 30 aprile, 31 luglio e 31 ottobre.

Esonero Canone Rai

Secondo la legge italiana, i cittadini che hanno compito il 75° anno di età e hanno un reddito annuo inferiore a 8 mila euro, sono esonerati dal pagamento del canone tv. Oltre tali soggetti, ci sono altre categorie che sono esonerati dal pagamento del Canone Rai. Ecco quali:

  • Gli agenti diplomatici;
  • Funzionari e impiegati consolari;
  • Funzionari di organismi internazionali;
  • Militari di cittadinanza non italiana o il personale civile non residenti in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alla forza Nato in stanza Italia.

Esenzione Canone TV

Inoltre, sono esenti dal canone anche i titolari di un’utenza di fornitura elettrica, ma che non possiedono nessun apparecchio televisivo nella propria abitazione. In quest’ultimo caso si dovrà presentare una Dichiarazione di non detenzione. Lo stesso modello può essere presentato per la Dichiarazione di addebito su altra utenza. Ma vediamo come richiedere l’esenzione Rai.

Modulo richiesta Esenzione Canone Tv

Per poter richiedere l’esenzione del Canone Tv, bisognerà compilare un modello di dichiarazione sostitutiva scaricabile direttamente sul sito web dell’Agenzia delle Entrate oppure qui di seguito, compilarlo e inviarlo online entro le date di scadenza previste dalla legge.

-> Scarica il Modello esenzione Canone <-

  • se la dichiarazione viene presentata dal 1° febbraio al 30 giugno si ottiene l’esonero per il secondo semestre dello stesso anno;
  • per la dichiarazione presentata dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo si ha l’esonero del pagamento per l’intero anno successivo.
Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.