Reddito di cittadinanza, pagamenti di settembre 2021: le date da segnare

Reddito di cittadinanza settembre 2021: le ricariche fanno riferimento a due distinte date, in rapporto alla tipologia dei beneficiari.


Quando arrivano i pagamenti del reddito di cittadinanza di settembre 2021? Al di là delle polemiche sul RdC sì o no di questi giorni, sono migliaia e migliaia le persone e famiglie in attesa di ricevere la ricarica di settembre. Ma quindi quando arrivano i soldi del sussidio? Quando si riceverà l’accredito sulla Carta RdC?

Pertanto mentre permane acceso il dibattito sul reddito di cittadinanza e sulle possibili novità da introdurre, i fruitori del beneficio certamente vorranno sapere quando arriva la ricarica per il mese di settembre. Si tratta di informazioni di indubbio rilievo, giacchè i nuclei familiari percettori del RdC superano ampiamente il milione.

In particolare, le date da considerare per il pagamento di settembre 2021 sono due – come sempre – e sono variabili in base alla tipologia di beneficiari. Ecco i dettagli.

Reddito di cittadinanza settembre 2021: pagamenti il 15 e il 27

Come per i mesi passati, il sussidio sarà versato nelle tasche degli aventi diritto in date distinte, a seconda del momento in cui è stata fatta la domanda. Non bisogna dimenticare che all’entrata in vigore del Decreto Sostegni lo scorso 22 marzo, il reddito di cittadinanza ha potuto contare su un rifinanziamento di ben un miliardo di euro. Perciò, è del tutto ovvio che – nonostante le turbolenze che agitano l’attuale dibattito sul futuro del RdC – anche per questo mese coloro che abbiano fatto domanda per riceverlo prima di settembre 2021, potranno di fatto incassarlo.

Come appena detto, le date di riferimento sono due e tra i beneficiari del reddito di cittadinanza c’è chi conseguirà il versamento del sussidio di settembre 2021 in anticipo.

La prima coincide con il 15 di questo mese e si riferisce ai titolari del sussidio che ne hanno domandato il rinnovo ad agosto. Invece, la seconda è quella del 27 settembre, valida invece per chi si avvale del RdC da almeno due mesi.

Inoltre, per quanto riguarda i genitori con figli minori a carico, già titolari del reddito di cittadinanza dovrebbe giungere anche il versamento dell’assegno unico per i figli senza fare domanda, ma direttamente sulla card collegata al reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: le date e i destinatari di ciascun pagamento di settembre

In estrema sintesi, riportiamo di seguito i dettagli circa le date e i destinatari della mensilità del RdC di settembre 2021:

  • mercoledì 15 settembre per le persone che hanno fatto domanda per ottenere il sussidio lo scorso mese; o per chi ne ha chiesto il rinnovo nell’identico mese avendo finito le prime 18 mensilità a luglio 2021 (il mese di agosto è stato quello di sospensione per espressa disposizione normativa sul RdC);
  • lunedì 27 settembre, e in ogni caso non oltre il 30, per chi è in questo momento beneficiario del reddito di cittadinanza da almeno due mesi (inclusi i nuovi titolari della carta RdC che hanno conseguito la prima ricarica entro il 15 del mese scorso).

In linea generale, queste sono dunque le date per il pagamento della mensilità del reddito di cittadinanza di settembre 2021 secondo le regole consuete. Può tuttavia accadere che il giorno dell’effettiva ricarica differisca di poco.

Reddito di cittadinanza, pagamenti di settembre 2021: come verificare

E’ chiaro che i beneficiari del sussidio avranno interesse a controllare l’esito del versamento per questo mese; e per saperne di più potranno collegarsi online al portale Inps ad hoc (clicca qui per visualizzarlo). Ciò attraverso la consueta autenticazione digitale via SPID; Carta Nazionale dei Servizi o carta d’identità elettronica. Ma attenzione perchè dal prossimo primo ottobre l’istituto di previdenza non emetterà più alcun nuovo PIN.

In particolare, per sapere dell’esito del versamento del reddito di cittadinanza settembre 2021; o per aver certezza circa il giorno preciso in cui è previsto il pagamento, il soggetto titolare del sussidio può fare riferimento a tre voci:

  • ultima elaborazione;
  • invio disposizione a Poste;
  • rendicontazione Poste.

La prassi in tema di assegnazione di questo sussidio ci ha indicato finora che tra le prime due fasi occorrono circa 48 ore; invece l’invio delle disposizioni da INPS a Poste Italiane per il pagamento e l’accredito effettivo sulla card del reddito di cittadinanza si hanno in un lasso di tempo entro le 24 ore.

Ricapitolando, per tutti coloro che già beneficiano del reddito di cittadinanza, le disposizioni di pagamento sono inviate a Poste Italiane il 27 settembre. Differente è l’ipotesi dei nuovi beneficiari, ossia tutti coloro che hanno inoltrato la richiesta di  reddito di cittadinanza, entro la fine dello scorso agosto. Per questi nuovi beneficiari la prima ricarica sarà in anticipo, e sarà assegnata entro il 15 settembre.

Infine, appare opportuno rimarcare che il beneficio deve essere sfruttato entro il mese posteriore quello di erogazione. Infatti, l’importo non speso o non prelevato sarà sottratto dalla mensilità che segue, nei limiti del 20% del beneficio versato.