Reddito di libertà donne vittime di violenza: importo e come fare domanda

Il Reddito di libertà donne vittime di violenza è un aiuto varato dal Governo: ma chi ne ha diritto, a quanto ammonta e come si ottiene?


Ecco un nuovo contributo economico a favore di particolari categorie della popolazione. Non stiamo ovviamente parlando di reddito di cittadinanza o reddito di emergenza, misure già ben note e varate diverso tempo fa, di cui peraltro ci siamo più volte occupati.

Ci riferiamo a quello che è definito ‘reddito di libertà 2021‘, ossia un contributo cumulabile con il reddito di cittadinanza, che al contempo è bonus, ma anche sussidio. Lo versa l’Inps ai destinatari con assegno mensile, ma per un massimo di 12 mesi.

Il reddito di libertà consiste insomma in una speciale misura di sostegno economico, che è stata varata l’anno scorso durante il Governo Conte bis. Ma soltanto ultimamente è entrata definitivamente in vigore. Infatti – già prevista nel decreto legge Rilancio – detto contributo ha trovato concretizzazione soltanto sette mesi dopo, con la pubblicazione del decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei ministri, il quale stabilisce chi sono i beneficiari e le condizioni di applicazione del reddito di libertà.

Vediamo allora un po’ più da vicino il Reddito di libertà donne vittime di violenza: che cos’è e come funziona questa misura di sostegno entrata definitivamente in vigore il 21 luglio 2021? Scopriamolo.

Leggi anche: Bonus affitti 2021 proprietari case, ancora poco tempo per fare domanda

Reddito di libertà donne vittime di violenza: che cos’è e chi può domandarlo

Il reddito di libertà consiste di fatto in un contributo economico, mirato esplicitamente alle donne vittime di violenza e che si trovano in condizioni di povertà. Lo scopo chiaro di questo sussidio è dunque rappresentato – così come delineato dalle norme in materia – dal “favorire, attraverso l’indipendenza economica, percorsi di autonomia e di emancipazione delle donne vittime di violenza in condizione di povertà“.

E’ ben noto che, tra le conseguenze negative della pandemia, vi è infatti anche l’aumento dei casi di violenza domestica, ai danni delle donne, con o senza figli, vittime di mariti e compagni violenti. Ecco spiegata la ragione principale dell’introduzione di questo contributo.

In buona sostanza, per domandare e conseguire l’assegnazione del RdL sono necessari i quattro seguenti requisiti:

  • essere una donna che vive da sola o con prole in minore età;
  • aver patito azioni lesive ed aver cioè subito violenza da parte di qualcuno;
  • essere in stato di povertà o particolare vulnerabilità;
  • essere seguiti da “centri antiviolenza riconosciuti dalle Regioni e dai servizi sociali nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza, al fine di contribuire a sostenerne l’autonomia” (cosi recita la norma in proposito).

Per quanto riguarda la violenza patita dalla richiedente, le regole di legge che istituiscono il reddito di libertà non precisano di quale violenza si tratti. Pertanto, detto requisito è da interpretarsi in senso ampio, includendo sia le violenze fisiche, sia le violenze psicologiche. Tipico esempio è rappresentato dall’illecito penale dei maltrattamenti in famiglia.

Reddito di libertà 2021: ecco l’importo assegnato a ciascuna beneficiaria

Ovviamente per garantire il conferimento delle somme costituenti RdL ai soggetti aventi diritto, il Governo ha varato un Fondo ad hoc proprio per questa misura di sostegno. Parliamo di circa 3 milioni di euro, suddivisi poi tra  le Regioni e le Province autonome sulla scorta delle fasce di popolazione femminile residente e di età tra un minimo di 18 e un massimo di 67 anni. Attenzione però: ciascuna Regione può scegliere di innalzare la dotazione del citato Fondo con ulteriori stanziamenti a livello locale.

Vi sono alcuni limiti da considerare, per meglio delineare le caratteristiche del reddito di libertà. Ebbene, l’ammontare massimo del contributo corrisponde a 400 euro al mese per persona, per un totale di 12 mensilità. In buona sostanza, l’assegno arriva per ciascun mese fino al dodicesimo, dopo un anno si perde di fatto il diritto.

Come richiedere ed ottenere il Reddito di libertà donne vittime di violenza?

Come già accade per tante altre prestazioni, per domandare e conseguire il RdL, l’interessata avente i requisiti richiesti, deve fare domanda all’Inps, compilando un modulo ad hoc. In esso sono da includersi:

  • la dichiarazione sottoscritta dal rappresentante legale del centro antiviolenza, che attesti l’adesione ad un percorso di emancipazione ed autonomia;
  • la dichiarazione dei servizi sociali, la quale chiarisce lo stato di bisogno legato alla situazione straordinaria o urgente della donna vittima di violenze fisiche o psicologiche.

La domanda può essere fatta pervenire all’Inps personalmente o attraverso un intermediario autorizzato, come ad es. un patronato. Il modulo in questione altro non è che un’autocertificazione recante i propri dati.

Leggi anche: Obbligo Green pass per colf e badanti? Il rischio licenziamento

Quali spese è possibile compiere con il reddito di libertà?

In verità non vi sono specifici vincoli o regole da seguire, per spendere i soldi del reddito di libertà. Infatti nelle norme in materia si trova scritto genericamente che detta misura è mirata “a sostenere prioritariamente le spese per assicurare l‘autonomia abitativa e la riacquisizione dell’autonomia personale nonché il percorso scolastico e formativo dei figli minori”. In buona sostanza, la donna beneficiaria potrà usare questo contributo, ad esempio, per pagare l’affitto della propria abitazione; oppure le spese dei libri scolastici dei figli. Sarà dunque la destinataria a scegliere come suddividere le spese che il reddito consente, in base alle proprie necessità e a quelle della (eventuale) prole.

Lo abbiamo accennato all’inizio, ma giova ribadire che il RdL non è contributo incompatibile con altri strumenti di aiuto economico. In particolare, questo reddito e il reddito di cittadinanza sono pienamente cumulabili. D’altronde, la finalità è sempre la stessa: garantire un apporto economico in situazione di disagio sociale e indigenza.

Concludendo, per l’avvio definitivo della misura, restiamo in attesa delle istruzioni INPS di dettaglio, circa la trasmissione delle domande e le modalità di pagamento. Queste ultime dovrebbero arrivare in tempi brevi.