Stabilimenti balneari e spiagge libere: le regole per l’estate nella Fase 2

Dal 18 maggio sono riaperti stabilimenti balneari e spiagge attrezzate: quali sono le norme da rispettare per trascorrere le vacanze al mare

Da lunedì 18 maggio si sono aperte le porte degli stabilimenti balneari, tuttavia quest’anno la vita al mare, sia negli stabilimenti balneari che nelle spiagge libere, non potrà trascorrere come gli scorsi anni. L’emergenza da Coronavirus ancora in corso impone infatti il rispetto di molteplici regole per garantire a tutti la sicurezza necessaria. Il Governo ha infatti imposto, di concerto con le Regioni, norme restrittive che strutture e i bagnanti dovranno rigorosamente rispettare. Le regole sono il risultato dell’accordo tra Stato e Regioni e consentiranno, sia pure con cautela, la ripartenza delle attività balneari.

Attenersi alle regole imposte sarà fondamentale per poter contenere la diffusione del contagio e al contempo andare in vacanza. Molti saranno i cambiamenti del nostro stile di vita cui dovremo abituarci anche durante il soggiorno al mare.

Di seguito vedremo quali saranno le norme comportamentali saranno diverse a seconda che si tratti di una spiaggia attrezzata o di una spiaggia di libero accesso.

Regole da rispettare negli stabilimenti balneari

Le norme imposte per disciplinare quest’anno la convivenza in spiaggia riguardano principalmente il distanziamento, l’igiene da adottare e la possibilità di effettuare sport e giochi di vario genere.

Per quanto concerne le regole che si dovranno seguire nelle aree comuni facenti parte di uno stabilimento balneare il provvedimento governativo ha stabilito quanto segue:

  • l’accesso agli stabilimenti balneari dovrà essere consentivo esclusivamente tramite prenotazione telefonica o online;
  • i clienti dovranno essere accompagnati all’ombrellone da personale adeguatamente preparato sulle norme da adottare;
  • il personale addetto dovrà informare la clientela di quelle che sono le norme da rispettare. Le informazioni sulle misure di prevenzione devono essere esaustive e di facile comprensione anche per chi proviene dall’estero.
  • sarà possibile il rilevamento della temperatura con divieto di accesso a chi abbia una temperatura superiore ai 37,5 gradi;
  • lo spazio a disposizione dello stabilimento dovrà essere riorganizzato in modo tale da permettere l’accesso della clientela in maniera ordinata (separando ad esempio l’ingresso dalle uscite), così da non creare alcun tipo di assembramento. Resta infatti un punto fermo il rispetto del distanziamento tra le persone di almeno 1 metro;
  • come in bar e ristoranti il personale che si trova alla cassa dovrà essere munito di dispositivi di protezione o idonee barriere fisiche.

Distanziamento degli ombrelloni

Per quanto concerne le norme relative al distanziamento tra ombrelloni e lettini si impone che:

  • dovrà essere garantito il distanziamento tra ombrelloni o altri sistemi di ormeggio in modo tale che ad ogni cliente o nucleo familiare venga messa a disposizione una superficie di almeno 10 mq per ciascun ombrellone;
  • tra lettini, sedie sdraio o altre attrezzature deve essere garantita, nel caso sia posizionati al di fuori del posto ombrellone, una distanza di almeno 1,5 metri.

Norme igieniche

Per quanto attiene le norme igieniche da rispettare all’interno degli impianti balneari le regole per prevenire il contagio da Covid -19 impongono che:

  • si dovrà effettuare una regolare e attenta pulizia delle aree comuni (docce, bagni, cabine, spogliatori), mediante disinfezione più volte al giorno o comunque dopo la chiusura dello stabilimento;
  • ad ogni cambio persona o famiglia lettini, sedie a sdraio e ombrelloni dovranno essere disinfettati;
  • gel disinfettanti dovranno essere messi a disposizione del personale di servizio e degli utenti durante il corso della giornata in più punti dell’impianto.

Per quanto concerne Sport e altri giochi saranno oggetto di divieto tutte quelle attività ludico-sportive di gruppo che comporteranno assembramento.

Gli sport individuali potranno invece essere regolarmente praticati sia sulla spiaggia (se consentito) come ad esempio racchettoni, sia in acqua (si pensi al surf o al nuoto), purché si rispetti il distanziamento interpersonale.

Norme da rispettare nelle spiagge libere

Anche nelle spiagge libere si dovranno seguire norme di cautela. Non sono state definite misure precise come è stato fatto in riferimento alle spiagge attrezzate; pertanto ci si affida in modo particolare al senso civico e alla responsabilità individuale di ciascuno. L’informazione delle persone è prioritaria per sensibilizzare i bagnanti e poter porre in atto le misure di prevenzione in aree dove i controlli saranno meno stringenti.

Dovrà essere garantito il distanziamento sociale di almeno un metro e a tal fine la presenza di un addetto alla sorveglianza potrebbe essere opportuno.

Il posizionamento degli ombrelloni dovrebbe seguire le norme previste all’interno degli stabilimenti balneari. Lo stesso dicasi per quanto attiene lo svolgimento di attività ludico-sportive.

Servizi igienici eventualmente presenti dovranno essere puliti e disinfettati adeguatamente.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679