Come scrivere una buona lettera di presentazione

Breve guida alla stesura di una lettera di presentazione finalizzata all'assunzione da accompagnare al curriculum vitae



Molte persone considerano la lettera di presentazione come una semplice formalità all’interno di un processo di selezione, invece, attraverso essa e insieme ad un buon Curriculum Vitae, si ha la possibilità di stabilire un dialogo con l’azienda, di spiegare chi siamo, perché li contattiamo e cosa possiamo offrire.

Affinchè sia efficace, la redazione della lettera deve essere fatta in prima persona, evitando frasi “da manuale” o troppo burocratiche; ricordiamoci che nella lettera si segue uno stile meno schematico e più fluido rispetto al curriculum vitae; nella lettera devono essere inseriti elementi ulteriori e nuovi rispetto alle informazioni già fornite con il curriculum vitae, cercando sempre di stimolare la curiosità del lettore.

La lettera di presentazione va scritta in due casi: quando si risponde ad un annuncio e quando si offre la propria candidatura in una azienda (autocandidatura) ciò anche se è fatto via mail.

La stesura deve comunque rispettare gli standard di forma di una classica lettera, pertanto inseriremo in alto a sx i nostri dati (dati del mittente), sulla parte dx della lettera, i dati del destinatario (cioè la società a cui scriviamo) preceduto da “Spettabile”; indicando la ragione sociale della società, l’indirizzo e il nome (se lo conosciamo) del selezionatore preceduto dalla dicitura “alla C.A.”; in caso contrario, scriviamo genericamente “alla C.A. Selezione del personale”; quindi inseriamo luogo e data.

Nello scrivere l’oggetto della lettera, bisogna fare un distinguo: se si risponde ad un’inserzione, mettiamo il riferimento della posizione ricercata; se è un’autocandidatura possiamo scrivere semplicemente autocandidatura; cerchiamo di evitare frasi come “Invio cv”.

Per quanto riguarda lo stile, cerchiamo di non essere troppo banali: sicuramente un pò di originalità colpirà l’attenzione del nostro selezionatore stando però sempre attenti a non strafare ed essere troppo presuntuosi es:”…. buon giorno, sono un brillante laureato in Giurisprudenza, credo di essere proprio la persona che state cercando, facciamo cosi, Vi allego il mio C.V., non è troppo impegnativo nella lettura, e poi, se vi Va, potremmo incontrarci per conoscerci meglio….” o cose del genere.

La parte più dura è la stesura del corpo della lettera; ricordate sempre che la suddetta ha lo scopo di creare interesse nel selezionatore, pertanto dobbiamo spiegare chi siamo, perchè li contattiamo e perchè siamo la persona giusta al posto giusto.

Se stiamo rispondendo ad una’offerta di lavoro iniziamo con lo scrivere ad es: “In riferimento al Vs annuncio del (inserire la fonte della notizia), ho il piacere, (oppure sono lieto) di inviarvi il mio Curriculum Vitae per la posizione di (inserire la posizione richiesta ad es: “assistente alla poltrona”, “impiegato amministrativo” “ricercatore medico” etc).

Se ci stiamo autocandidando, iniziamo subito con il descriverci. E’ meglio evitare frasi del tipo ..”mi chiamo Pinco Pallo e sono laureato in..” è bene invece scrivere direttamente “sono un neolaureato   in…” oppure identificarci con la qualifica professionale es: sono un farmacista oppure perito agrario etc.

Una volta presentatici dobbiamo spingere il nostro selezionatore a scegliere proprio noi! Dobbiamo cercare, in poche righe, di colpire il nostro lettore! E’ bene spiegare le nostre motivazini quindi, perchè abbiamo scelto proprio quell’azienda o perchè vogliamo proprio quella posizione lavorativa; possiamo anche descrivere quali sono i nostri obbiettivi nel medio e lungo termine ma sempre senza strafare: è ovvio che i nostri obbiettivi devono essere legati all’attività per la quale ci stiamo candidando e alla possibilità di raggiungerli proprio in quella azienda. Per ultimo, possiamo indicare i nostri punti di forza che, magari, non sono stati ben descritti nel C.V. (es: master particolarmente attinenti all’attività aziendale, stage etc, esperienze all’estero).

Fatto questo possiamo congedarci includendo i ringrazinamenti per l’attenzione e rinviare ad un contatto telefonico per un colloquio informativo. Es: “Nel ringraziarLa per l’attenzione prestatami, porgo Cordiali Saluti”

Di seguito alcuni forme di lettere di presentazione; non dimenticate però che ciascuno di noi è diverso da altri, quindi evitate di fare “copia e incolla” di esempi di lettere reperite nel web ma, con l’aiuto di questi piccolo suggerimenti scrivete semplicementi voi Stessi.

Alla prossima puntata per affrontare “il colloquio conoscitivo”.



Articoli correlati



Commenti

  • woolrich

    Mi piace il tuo post, così professionale

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Grazie Carla, sei molto gentile..

  • carla_b

    sono consigli molto utili

  • Pingback: Il Curriculum Vitae » Lavoro e Diritti

Cerca nel sito

Lavoro e Diritti App

App Lavoro e Diritti

Newsletter

RICEVI I NOSTRI ARTICOLI VIA EMAIL



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE