SPID: cos’è e come si richiede il sistema pubblico di identità digitale

SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione con un'unica coppia di dati utente - password. In questa breve guida andremo a vedere cos'è, come si apre un account e quali sono le sue principlai caratteristiche e funzionalità.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

La maggior parte dei concorsi pubblici, ma anche numerosi servizi online tipo INPS e Agenzia delle Entrate, richiedono il possesso di un account SPID oppure di una PEC per poter presentare la propria domanda di partecipazione. Con questa nuova funzionalità è possibile accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione compresi tutti i concorsi pubblici.

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale permette quindi di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica coppia di dati utente – password. Serve quindi a semplificare l’accesso a numerosi servizi sul web per i quali altrimenti servirebbe creare, come avviene ora, un account per ognuno di essi. In questa breve guida andremo a vedere come aprire un account e quali sono le sue funzionalità.

SPID: cos’è il sistema pubblico di identità digitale

Il sistema pubblico di identità digitale meglio conosciuto con l’acronimo di SPID, è un sistema di identificazione unico che permette a chi ne è in possesso di accedere a una serie di servizi della pubblica amministrazione, il cui elenco è in continua implementazione. Lo scopo è quello di raggruppare in un unico account accedere a tutti i servizi online della PA con un’unica Identità Digitale. Fino all’implementazione di SPID per accedere ai principali servizi online messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione è necessario registrarsi e ottenere le credenziali d’accesso su ognuno di essi, pensiamo ad esempio al PIN INPS, oppure al login INAIL o ancora a Fisconline.

SPID è composto da un nome utente e una password utilizzabile da PC e da dispositivi mobili. Per poter richiedere il nome utente e la password di questo servizio, bisogna essere in possesso di alcuni requisiti e documenti. Quelli richiesti al momento sono:

  • aver compiuto il 18° anno di età;
  • essere in possesso di un documento di riconoscimento in corso di validità (uno tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno);
  • numero di cellulare;
  • indirizzo di posta elettronica valido;

Tutti i requisiti e documenti elencati, sono necessari per aprire una nuova identificazione digitale. Il nuovo sistema della pubblica amministrazione può essere aperto presso un gestore autorizzato, chiamato Identity Provider.

Livelli di sicurezza SPID

Infine, l’autenticazione tramite sistema pubblico di identità digitale, può avvenire tramite tre livelli di sicurezza. Il primo livello permette l’accesso utilizzando solo username e password. Il secondo livello prevede l’inserimento di una successiva password OTP, ossia la password usa e getta. Il terzo livello di sicurezza ancora non utilizzato da nessun servizio, consiste nell’utilizzo di una smart card e di una password.

SPID come si richiede Online

Come abbiamo già accennato, per aprire un account SPID bisogna rivolgersi a uno degli Identity Provider abilitati. In Italia esistono diversi enti autorizzati che permettono di aprire un sistema pubblico di identità digitale, vediamo quali sono attivi nel momento in cui scriviamo:

  • Aruba;
  • Infocert;
  • Namirial;
  • Poste Italiane;
  • Register.it;
  • Sielte;
  • TIM.

In linea di massima le procedure per aprire un SPID sono simile per tutti i Provider. Infatti, è possibile scegliere tra diverse procedure di verifica come ad esempio: via webcam, di persona, firma digitale, call center. I tempi medi per aprire il sistema pubblico di identità digitale sono tra 10 e 20 minuti.

FAQ, elenco servizi e altre info utili sul sistema pubblico di identità digitale

E’ possibile reperire maggiori informazioni, un elenco aggiornato delle FAQ domande frequenti e di tutti i servizi abilitati all’accesso con SPID sul sito governativo a questo indirizzo.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Staff di Lavoro e Diritti

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.