Il contratto di lavoro part-time

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Per lavoro part-time (o a tempo parziale) si intende il rapporto di lavoro subordinato caratterizzato da un orario di lavoro inferiore rispetto all’orario di lavoro a tempo pieno. La disciplina di tale rapporto di lavoro, attualmente è data dal D. Lgs. 276/03.

Per lavoro part-time (o a tempo parziale) si intende il rapporto di lavoro subordinato caratterizzato da un orario di lavoro inferiore rispetto all’orario di lavoro a tempo pieno.  La disciplina di tale rapporto di lavoro, attualmente è data dal D. Lgs. 276/03.

Leggi anche: il contratto di lavoro part-time dopo la riforma del lavoro 2012

Il part-time può essere applicato a qualsiasi contratto di lavoro subordinato; l’orario pieno di lavoro cui fare riferimento è quello stabilito dalla legge (40 ore settimanali) o il minor orario settimanale fissato dai contratti collettivi.

Tipologie

  • rapporto di lavoro part-time di tipo orizzontale: con questa tipologia, la riduzione dell’orario di lavoro rispetto al tempo pieno è prevista in relazione all’orario giornaliero (si lavora tutti i giorni ma per un orario inferiore);
  • rapporto di lavoro part-time di tipo verticale: l’attività lavorativa è svolta a tempo pieno, ma limitatamente a periodi determinati nel corso della settimana, del mese, dell’anno (si lavora ad orario pieno ma solo per qualche giorno alla settimana o mese);
  • rapporto di lavoro part-time di tipo misto: ossia una combinazione delle precedenti tipologie.

Requisiti

Il contratto di lavoro deve essere stipulato in forma scritta al fine di provare la sussistenza del rapporto stesso.

La mancanza di forma scritta non determina la nullità del contratto di lavoro ma, se non si riesce a dimostrare la stipulazione del contratto part time, su richiesta del lavoratore, si potrà dichiarare l’esistenza tra le parti di un rapporto di lavoro a tempo pieno.

Nel contratto deve essere specificata la durata della prestazione lavorativa, la collocazione temporale dell’orario con riferimento al giorno, mese, alla settimana o anno.

Se manca quest’ultima indicazione, provvederà il giudice a determinare le modalità temporali di svolgimento del lavoro, sulla base dei contratti collettivi.

Lavoro supplementare e straordinario

Il D. Lgs. 276/03 ha notevolmente ampliato la possibilità del datore di lavoro di richiedere al lavoratore part-time, ore di lavoro in più:

  • lavoro supplementare: è pari alla differenza tra orario part-time e orario normale giornaliero. Il lavoro supplementare è legittimo in tutte le forme del part-time. La contrattazione collettiva può determinare il numero massimo di ore di lavoro supplementare.

Il consenso del lavoratore allo svolgimento del lavoro supplementare non è necessario nel caso in cui, il part-time è previsto dalla contrattazione collettiva; è necessario invece, nel caso contrario.

  • lavoro straordinario: si ha nel momento del superamento dell’orario legale settimanale (40 ore). Il lavoro straordinario si può verificare solo nel part-time verticale e in quello misto.

Clausole di flessibilità e di elasticità

Normalmente, al datore di lavoro non è concesso di variare la collocazione temporale della prestazione lavorativa. Tuttavia, per consentire una maggiore flessibilità è possibile inserire nel contratto di lavoro part-time:

  • clausole flessibili della prestazione che consentono di variare la collocazione temporale della prestazione, previa determinazione dei contratti collettivi delle condizioni e delle modalità del potere di variazione del datore di lavoro;
  • clausole di elasticità: consentono al datore di variare in aumento la durata della prestazione, senza che le ore in più valgano come straordinario.

La regolamentazione di queste clausole è demandata alla contrattazione collettiva; in mancanza, le prestazioni elastiche o flessibili sono legittime sulla base di un accordo tra le parti. Per introdurre tali clausole è necessario il consenso espresso del lavoratore, risultante da uno specifico patto scritto.

L’esercizio da parte del datore del potere di variazione temporale deve avvenire con preavviso di almeno 2 giorni e, il lavoratore ha diritto in aggiunta alla retribuzione, di ulteriori compensazioni (riposo compensativo o aumento della retribuzione).

Le violazioni di quanto detto, comporta il diritto del lavoratore, in aggiunta alla retribuzione, di un ulteriore emulamento a titolo di risarcimento danni.

Svolgimento del rapporto

Il rapporto di lavoro part-time deve svolgersi nel rispetto di due principi fondamentali:

  • principio di non discriminazione: al lavoratore spettano gli stessi diritti di un lavoratore a tempo pieno, soprattutto per quanto riguarda l’importo della retribuzione oraria, la durata del periodo di prova, le ferie etc;
  • principio di proporzionalità: il trattamento del lavoratore deve essere composto in proporzione alla ridotta entità della prestazione lavorativa per istituti come importo della retribuzione globale, malattia, ferie maternità.

Trasformazione del rapporto

Su accordo delle parti risultante da atto scritto convalidato dalla DPL competente per territorio, è possibile la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in quello part-time. Il rifiuto del lavoratore di procedere a tale trasformazione non integra gli estremi del giustificato motivo di licenziamento.

Aggiornamento

Si ricorda che per effetto della legge di stabilità 2012, L. 183/2011, dal 1 gennaio 2012, è abolita la convalida presso la direzione del lavoro competente per territorio delle trasformazioni dei contratti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • Enzo

    Salve a tutti!
    Spero che qualcuno possa darmi una dritta. Il quesito è il seguente:
    Vorrei gentilmente sapere se è un mio diritto conoscere i contenuti ed i termini dei contratti di lavoro (tutti a tempo a tempo indeterminato, compreso il mio) dei miei colleghi per poter chiedere delucidazioni al mio datore di lavoro in quanto "ufficiosamente" sono venuto a conoscenza che alcuni di questi (contratti), ma non il mio, sono stati trasformati a FULL-TIME senza una motivazione e senza il coinvolgimento di tutti che, inizialmente, avevamo accettato e sottoscritto contratti PART-TIME con medesimi requisiti. Mi chiedo se è lecito sapere i motivi che hanno portato alla modifica dei contratti in quanto tutti nella stessa condizione. Aggiungo: il sottoscritto ha più anzianità degli altri impiegati, che a quanto pare è irrilevante considerato che è stato preferito "trasformare" i contratti solo di alcuni, e tra l'altro assunti da poco tempo. Ovviamente non sono contro gli altri impiegati, ma penso che non sia corretto essere scavalcato senza una giusta causa. Vi ringrazio anticipatamente e saluto cordialmente.

  • Giorgia

    salve sono stata assunta ad ottobre di questo anno,quindi 2010
    rispetto al reddito complessivo del nostro nucleo (5 persone) il mio reddito SARA' superiore del 70
    per cento.chiedevo da quando posso ricevere l'assegno mensile per il nucleo familiare
    visto che l'anno precedente il mio reddito e' stato zero?
    Grazie anticipatamente

  • cinzia

    Salve,lavoro in un supermercato come apprendista cassiera part-time come da contratto devo fare 5 ore al giorno dal lunedì al sabato.Tuttavia,dal mio datore di lavoro mi è stato chiesto di fare quasi tutta l'intera settimana full-time.Posso rifiutarmi di lavorare tutti i giorni full-time?Cosa cambia per il datore di lavoro assumere part-time da un full-time?Cosa ci va a guadagnare?

    • Non ho capito bene la tua situazione, vuole cambiarti il contratto da part-time a tempo pieno o vuole tenerti part-time e farti lavorare full-time?

  • Franco

    salve mi chiamo franco e volevo alcune delucidazioni sul part-time.Lavoro in un azienda sanitaria( ulss) e vogliono ridiscutere tutti i contratti di lavoro part-time concessi possono farlo anche sei i contratti esistenti sono stati firmati più di 10 anni fà ? sembra sia uscita una nuova normativa al riguardo grazie

  • EMILIANO

    SALVE MI CHIAMO VILMA LAVORO COME CAMERIERA AI PIANI DI UN ALBERGO VOLEVO SAPERE SE è STATA APPLICATA LA LEGGE CHE NON PERMETTE DI TRASFORMARE UN CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO DI 40 ORE SETTIMANALI A 20 ORE SETTIMANALI CIOè UN CONTRATTO PARTIME

    • Ciao Vilma, da come hai formulato la domanda non riesco a capire quale sia il problema. potresti spiegarti meglio. grazie.

  • loredana

    salve, lavoro in un supermercato dal 20 febbraio 2012(avente scadenza il 30 aprile ) con contratto part-time di 4 ore…mi e stato rinnovato sino al 30 agosto…nel frattempo hanno assunto altro personale con contratti piu lunghi e con orari da 6 ore e 40…ho chiesto chiarimenti ma mi e stato detto che era personale che lavorava gia x loro (ma non e vero)..A PRESCINDERE che faccio anche 8 ore al giorno non retribuite assolutamete e molte volte salto anche i riposi…quando faccio le mie 4 ore ne faccio 2 alla mattina e 2 alla sera in modo che non possa organizzarmi x fare altro…quali sono i miei diritti x favore .. prndo quasi 800 euro al mese ma con l assecno di mia figlia .. sono divorziata con 1 figlia di 12 anni a carico .. anche il suo assegno viene dimezzato x il mio part-time????? quale sarebbe l importo esatto??? vi ringrazio sin da ora se potete aiutarmi ..loredana

  • manuela

    salve a tutti cerco qualcuno che mi possa aiutare con il problema che il mio datore di lavoro mi sta dando: avevo un contratto a tempo pieno in un studio professionale, dal1/1/2012 è stato trasformato in contratto part time. A causa di tale variazione ho pertanto chiesto l’anticipo della liquidazione in quanto la differenza di stipendio mi crea non pochi problemi a livello finanziario. Beh dopo 4 mesi di silenzio alla mia richiesta mi è stato risposto che non può darmelo perchè o compro una casa o devo avere una malattia grave (…vergognoso il punto a cui è arrivato) per potermelo dare..e che non può darmelo altrimenti prende una multa (…mi prende pure in giro..)..mi ha liquidato dicendomi di guadare in internet (cosa che probabilmente a fatto lui), ma io prima di parlarne avevo chiesto a chi elabora le paghe, mi sono informata e mi è stato detto ch se siamo d’accordo può darmelo anche tutto altrimenti il 70%…c’è chi mi sa dare chiarimenti sul tema, grata per l’attenzione MAnuela