Congedo matrimoniale dopo il rito civile o religioso?

Il dipendente che si sposa prima con rito civile e poi con rito religioso, quando può richiedere il congedo matrimoniale?


Buongiorno, con riferimento al congedo matrimoniale che voi avete ben descritto in un un vostro articolo pubblicato, non è stato chiarito se il matrimonio debba essere quello civile o possa essere anche quello religioso.

Leggi anche: Il congedo matrimoniale

Nel caso cioè in cui una dipendente si sia sposata con rito civile in marzo e poi si sposi con rito religioso in settembre (contratto industria alimentare), a quale dei due eventi matrimoniali è agganciabile il congedo?

Nello specifico la dipendente non ha richiesto il congedo a marzo (perchè era in maternità)  ma lo chiederà per il matrimonio di settembre. Grazie e Saluti

 

Gentile Cristina,

il matrimonio religioso, nel nostro ordinamento, non ha alcuna rilevanza civile, quindi certamente non è possibile fruire del permesso retribuito dei 15 giorni in occasione del solo matrimonio religioso.

Il caso che mi sottopone, però, è diverso. E’ stato contratto prima il matrimonio civile e poi quello religioso.

Questa circostanza non è prevista dal CCNL, né vi sono orientamenti giurisprudenziali specifici.

Può venirci in soccorso un orientamento dell’ARAN (comparto scuola) che afferma: “….Nel caso in cui un lavoratore celebri sia il matrimonio civile e successivamente quello religioso, i 15 giorni di permesso possono essere fruiti, alternativamente, o in caso matrimonio religioso o in caso di matrimonio civile. Sarà il dipendente a scegliere in quale delle due occasioni fruire del permesso…..”.

A mio avviso, quindi, nel silenzio del CCNL di riferimento, e visto che in occasione del matrimonio civile non è stata presentata alcuna richiesta in tal senso, è possibile che la lavoratrice possa fruire del congedo in occasione del matrimonio religioso.

Spero di esserle stato di aiuto.

Avv. Pietro Cotellessa