Contratto a tempo determinato e proroga di fatto

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Ilaria da Roma chiede lumi circa la sua posizione di lavoratrice con contratto a tempo determinato in seguito ad una proroga di fatto.

Egregio Avvocato mi chiamo Ilaria e le scrivo da Roma. La contatto per chiederle un consiglio circa la mia posizione lavorativa di lavoratrice con contratto a tempo determinato.

L’ 1/6/2013 sono stata assunta da una cooperativa con un contratto a tempo determinato fino al 31/12/2013, oggi siamo al 20/2/2014 e io ancora non ho firmato nessun rinnovo di contratto ma lavoro regolarmente (ho tutti i fogli firma dei servizi che ho prestato fino ad ora).

Informandomi su internet ho visto che essendo passati 30gg dalla data di scadenza del contratto e non avendo ancora firmato nulla ormai il mio contratto è passato a tempo indeterminato.

E’ davvero così??

Cordiali saluti

Gentile Ilaria,

l’art. 5 del D.Lgs n. 368/2001, così come modificato dalla legge n. 92 del 28 giugno 2012, entrata in vigore il 18 luglio 2012, prevede, nel caso in cui il rapporto di lavoro continui dopo la scadenza del termine inizialmente fissato o successivamente prorogato, un periodo di tolleranza durante il quale il datore di lavoro è tenuto a corrispondere al lavoratore una maggiorazione della retribuzione per ogni giorno di continuazione del rapporto, pari al 20% fino al decimo giorno successivo ed al 40% per ciascun giorno ulteriore.

Se, però, il rapporto di lavoro continua oltre il trentesimo giorno in caso di contratto di durata inferiore a sei mesi, ovvero oltre il cinquantesimo giorno negli altri casi, il contratto si considera a tempo indeterminato dalla scadenza dei predetti termini.

Nel suo caso, pertanto, oltre alla maggiorazione retributiva, ha anche diritto alla conversione del contratto a tempo indeterminato.

Saluti.

Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti