Indennità di trasferta estera nel CCNL metalmeccanici

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Per la rubrica Esperto Risponde oggi l'Avv. Cotellessa risponde in materia di Indennità di trasferta estera nel CCNL metalmeccanici

Buongiorno Avvocato, Le scrivo per una consulenza sulle indennità di trasferta.

Premetto che lavoro come impiegata in un’azienda manifatturiera il cui contratto di riferimento è quello metalmeccanico. Di recente mi sono recata all’estero con il mio datore di lavoro per una fiera che è durata 5 giorni.

Leggendo il contratto nazionale mi è parso di capire che l’indennità di trasferta serve a coprire le spese di vitto, alloggio e trasporto, mentre c’è un ulteriore compenso per il “disagio personale” che non è regolato dal contratto ma può essere concordato tramite accordi aziendali interni.

Dato che quando mi trovavo in trasferta era presente anche il mio datore di lavoro, le spese di vitto, alloggio e trasporto sono state pagate da lui direttamente sul momento e io non ho dovuto anticipare niente.

In questo caso devo essere retribuita secondo la paga che mi spetta per le effettive ore di lavoro e basta o posso chiedere comunque una “diaria” per il fatto di aver lavorato in un paese straniero?

Grazie mille per l’attenzione.

Cordiali saluti.
Erica

Gentile Erica,

come ha ben detto Lei, l’indennità di trasferta è prevista per andare a coprire tutte le spese di trasferta. Nel suo caso ogni spesa è stata pagata dal titolare, quindi nessuna indennità deve esserLe corrisposta.

Il CCNL prevede, ad ogni modo, una indennità anche per il “tempo di viaggio”, cioè il tempo necessario al lavoratore per arrivare nel luogo da raggiungere. Le ore di viaggio devono essere pagate in busta paga all’85% (es. se la paga pase oraria ammonta ad € 10,00 lorde l’ora, per 1 ora di viaggio spettano € 8,50).

Valuterei con attenzione, ad ogni modo, l’effettiva convenienza di richiedere una tale indennità.

Cordiali saluti.
Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti

  • anonimo

    Buona sera, sono un dipendente di una industria che applica il CCNL metalmeccanico. Per trasferte estero di lunga durata ovvero superiori a 6 mesi è prevista una forma di defiscalizzazione fiscale e contributiva? Grazie