Limiti temporali nel contratto di somministrazione a tempo determinato

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Per la rubrica Esperto Risponde un interessante quesito sui limiti temporali nel contratto di somministrazione a tempo determinato

Buongiorno gentile Avvocato, il primo agosto del 2008 ho iniziato a lavorare tramite agenzia per una ditta fino a meta marzo del 2011. Da li in poi la ditta mi ha assunto a tempo determinato con un contratto fino a dicembre rinnovato fino a giugno 2012 e a fine contratto me ne sono andato.

La ditta in questo periodo ha bisogno, ma non può prendermi perchè a quanto dice ho quasi tre anni con l’agenzia e se mi deve fare un contratto mi deve assumere a tempo indeterminato.

Volevo sapere qualcosa di più.

Grazie per l’attenzione.
Giuseppe

Gentile Sig. Giuseppe,

la riforma Fornero ha specificato che ai fini del raggiungimento del limite (pari a 36 mesi), oltre il quale il contratto a tempo determinato si deve ritenere a tempo indeterminato vanno computati anche eventuali periodi di lavoro svolti in virtù di un contratto di somministrazione a tempo determinato.

A tal proposito la Circolare del Ministero del Lavoro n.18/2012 ha sottolineato che i datori di lavoro dovranno tener conto solo dei contratti di somministrazione stipulati successivamente al 18 luglio 2012 (data di entrata in vigore della L. 92/2012). Lei, da quello che scrive, ha terminato di lavorare con contratto di somministrazione nel mese di giugno 2012.

Non rientrerebbero, pertanto, nel computo dei 36 mesi i precedenti periodi in somministrazione.

E’ altrettanto vero, però, che Lei non può pretendere alcuna assunzione.

Spero di esserLe stato di aiuto.

Saluti.
Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti