Recupero crediti da lavoro e gratuito patrocinio

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Una lavoratrice vuole intentare causa all'azienda per il recupero di crediti da lavoro dipendente, può farlo con il gratuito patrocinio a spese dello Stato

Salve Avvocato, le racconto brevemente la mia situazione in quanto avrei bisogno di un suo consiglio.

Ho 33 anni e ho lavorato dal 2010 al 2013 in un ente di formazione a Palermo:

  • Il primo anno (2010) ho avuto un contratto di collaborazione occasionale il corrispettivo al netto è di 1.680 euro e ad oggi per questo contratto ne ho ricevuto solo 800;
  • il secondo anno (2011) ho avuto due contratti uno di collaborazione occasionale e uno a progetto perchè per sostituire un docente sforavo il monte ore di un contratto a progetto, il corrispettivo totale al netto supera i 4.000 euro e ad oggi non ho ricevuto nulla;
  • il terzo anno (2012) ho avuto un contratto a progetto per il quale al netto dovrei ricevere più di 3.000 euro, dopo svariate insistenze e minacce di denuncia all’ispettorato del lavoro mi sono state dati 1.050 euro.

Non ho la possibilità di pagare un avvocato e questi soldi mi servono urgentemente. Cosa posso fare?

Grazie anticipatamente per la cortesia e l’attenzione.

Gentile Manuela,

al fine di essere rappresentata in giudizio, sia per agire che per difendersi, la persona non abbiente può richiedere il gratuito patrocinio, ovvero la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato, purché le sue pretese non risultino manifestamente infondate (nel suo caso non mi sembrano affatto).

Per essere ammessi al gratuito patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore a euro 10.766,33.

Se l’interessato convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso l’istante.

Le consiglio, quindi, di rivolgersi ad un legale e presentare l’istanza per l’ammissione al gratuito patrocinio.

In alternativa potrebbe presentare un’istanza di conciliazione monocratica ex art. 11 del d.lgs. n. 124/2004 alla DTL competente per territorio, sperando che la società datrice di lavoro aderisca.

Cordiali saluti.

Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti