Comunicazione spese sanitarie 2018, proroga all’8 febbraio

E' stata prorogata all'8 febbraio la data di scadenza dell'invio dei dati relativi al sistema tessera sanitaria con la comunicazione spese sanitarie 2018. Per le opposizioni all'uso dei dati per la dichiarazione dei redditi 730 precompilata invece, c'è tempo fino all'8 marzo 2018.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

La scadenza della comunicazione spese sanitarie 2018 per l’invio dei dati della tessera sanitaria per la predisposizione della dichiarazione dei redditi 730 precompilato è prorogata all’8 febbraio. Queste le ultime decisioni dell’Agenzia delle Entrate nel provvedimento diffuso sul suo sito ufficiale.

I soggetti tenuti all’invio dei dati relativi alle spese sanitarie hanno quindi più tempo per inviare i
dati relativi al 2017. Gli operatori, hanno quindi 8 giorni in più rispetto all’iniziale scadenza fissata per il 31 gennaio per l’invio dei dati. Questo invio serve a comunicare al Sistema Tessera Sanitaria i dati delle spese sanitarie e i rimborsi effettuati nel 2017. Vediamo i motivi del nuovo rinvio all’8 febbraio illustrati dal Fisco.

Proroga comunicazione spese sanitarie 2018

Come da premessa la nuova proroga all’8 febbraio comunicata dall’Agenzia delle Entrate riguarda la comunicazione spese sanitarie e rimborsi effettuati nel 2017 tramite sistema Sistema Tessera Sanitaria. Tali dati, sono parte del sistema TS e utili in particolare per la definizione della dichiarazione precompilata 2018 e delle relative detrazioni fiscali.

Tra i motivi che hanno portato a questa decisione, l’incidenza dei suddetti dati per l’applicazione delle detrazioni nella dichiarazione dei redditi. La decisione dell’Agenzia delle Entrate, è stata presa anche per andare incontro alle esigenze delle categorie abilitate alla trasmissioni dei dati, dando quindi un maggiore lasso di tempo per l’invio delle comunicazioni.

Altra proroga riguarda inoltre i tempi di opposizione all’utilizzo dei dati nella dichiarazione precompilata da parte degli aventi diritto. I contribuenti, infatti, avranno tempo fino all’8 marzo 2018 per comunicare il diniego all’utilizzo dei dati sulle loro spese mediche per la definizione del modello precompilato 730 per le spese sostenute nel 2017.

Opposizione all’uso dei dati a tutela della privacy

Novità, quindi anche per i contribuenti che decideranno di fare opposizione all’uso dei dati delle spese sanitarie per la precompilata. In virtù del diritto alla tutela della privacy, i contribuenti possono decidere di non usare i dati delle spese mediche per la definizione del 730 precompilato. Tale comunicazione, potrà essere inviata entro il prossimo 8 febbraio 2018 nel caso in cui il rifiuto riguardi dati aggregati di una o più spese sostenute. I dati, sono riferiti al solo periodo di imposta 2017 in ambito sanitario.

Per le comunicazioni su singole spese sanitarie e sempre per il non inserimento nella dichiarazione precompilata precompilato, è possibile anche una seconda opzione. Si tratta, della possibilità per il contribuente di inserire personalmente tali voci nel sito web ufficiale del Sistema Tessera Sanitaria, ovvero al seguente indirizzo: www.sistemats.it.

L’operazione in questione, potrà essere eseguita dal 09 febbraio 2018 all’08 marzo 2018. Confermata, la scadenza al 28 febbraio 2018, per le comunicazioni delle spese veterinarie dei contribuenti nell’anno di imposta 2017.

Scadenza al 28 febbraio per i veterinari iscritti agli albi professionali

L’Agenzia comunica infine che rimane invariata la scadenza prefissata del 28 febbraio 2018 per i veterinari iscritti agli albi professionali. I veterinari iscritti agli albi professionali devono inviare entro tale scadenza i dati delle spese veterinarie sostenute dai cittadini nel 2017.

Come presentare il modello 730/2018 in versione precompilata o classica

Rispetto al 730 precompilato, è da ricordare che l’Agenzia delle Entrate renderà disponibile il modello a partire dal 16 aprile 2018. Per l’accesso alla dichiarazione precompilata, come di consueto, sarà necessario collegarsi all’applicazione messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. L’accesso in tale area potrà avvenire tramite:

  • PIN personale del Fisco;
  • PIN INPS;
  • con Carta Nazionale dei Servizi CNS;
  • infine con nuovo sistema di identificazione SPID.

Al 23 luglio 2018, il termine ultimo per l’invio online del modello precompilato.

Online, anche il nuovo modello 730/2018 da poter scaricare gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate e con termine ultimo sempre al 23 luglio 2018.

Tale scadenza, vale sia per l’invio diretto da parte del contribuente e sia tramite l’intervento di Caf abilitati. Si tratta, di una novità in tema di dichiarazione dei redditi rispetto alle tempistiche presenti nello scorso anno, quando la scadenza era al 7 luglio 2018.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.