Modello 770/2019: scadenza, istruzioni e novità

In scadenza il prossimo 31 ottobre l’invio del modello 770/2019 da parte dei sostituti d’imposta, ecco le caratteristiche e le novità.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Manca poco alla scadenza dell’invio del modello 770/2019 all’Agenzia delle Entrate, infatti entro il prossimo 31 ottobre i sostituti di imposta dovranno provvedere alla trasmissione telematica dei dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2018, i relativi versamenti, le eventuali compensazioni effettuate nonché il riepilogo dei crediti e degli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti.

Vediamo in breve chi sono i soggetti obbligati all’invio del 770 anno 2019, le modalità di presentazione della dichiarazione, le scadenze, come procedere con eventuali correzioni ed integrazioni e infine cosa accade in caso di omessa o tardiva dichiarazione. Ma prima ricordiamo in breve cos’è il modello 770.

Cos’è il modello 770

Il modello 770 è una dichiarazione obbligatoria, con la quale sostituti d’imposta, comprese le Amministrazioni dello Stato, comunicano in via telematica all’Agenzia delle Entrate le ritenute operate su:

  • redditi di lavoro dipendente ed assimilati
  • redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
  • dividendi, proventi e redditi di capitale
  • locazioni brevi inserite nella Certificazione Unica
  • somme liquidate a seguito di pignoramento presso terzi e similari.

L’invio del modello 770 può essere inviato se il sostituto ha trasmesso la Certificazione unica e, qualora richiesto, la Certificazione degli utili.

Modello 770/2019: soggetti obbligati all’invio

Come detto sono obbligati alla presentazione della dichiarazione 770 coloro che nel periodo d’imposta 2018 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte e coloro che hanno corrisposto contributi dovuti all’INPS e/o premi assicurativi dovuti all’INAIL.

Nello specifico:

  • società di capitali residenti nel territorio dello Stato;
  • società di persone;
  • persone fisiche che esercitano arti e professioni o nelle imprese commerciali o imprese agricole;
  • aziende coniugali;
  • associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali;
  • enti commerciali equiparati alle società di capitali;
  • enti non commerciali residenti nel territorio dello Stato;
  • condomìni;
  • Trust;
  • amministrazioni dello Stato;
  • eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta estinto.

Scadenza 770/2019

L’invio del modello 770/2019 scade il 31 ottobre.

Come inviare il 770

Questo modello dichiarativo deve essere presentato esclusivamente in modalità telematica direttamente o attraverso un intermediario abilitato.

Composizione e novità del modello 770/2019

Il modello dichiarativo si compone di un frontespizio e di diversi “quadri” riportanti i dati di specifici tributi e/o crediti con i relativi versamenti e date.

Si riconferma l’impronta del modello seppur con alcune novità, come da provvedimento del 15 gennaio 2019 e successive modifiche del Direttore dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 7 giugno 2019.

Tra le novità vi è la possibilità di effettuare l’invio dei dati in più flussi direttamente da parte del sostituto d’imposta, per questo motivo sono stati introdotti nel frontespizio nuovi campi per identificare la tipologia di trasmissione effettuata e l’eventuale ricorso a un intermediario.

Quindi è stata aggiunta la casella “sostituto” nella sezione dei quadri compilati e delle ritenute operate e nel caso si scelga questa ipotesi nella casella riguardante la tipologia di invio bisogna indicare il codice “2” e compilare la sezione “Gestione separata” per poter trasmettere i dati in più flussi, in modo appunto separato, compilando il campo “Codice fiscale altro incaricato” quando ci si avvale di un incaricato per l’invio separato del flusso oppure la casella “Sostituto” per l’invio diretto da parte del sostituto. In entrambi i casi occorre comunque indicare le caselle riguardanti le tipologie reddituali trasmesse dall’altro soggetto. Al contrario il codice “1” per trasmettere un unico flusso contenente tutti i dati riferiti ai diversi redditi gestiti nel modello 770/2019, unitamente ai quadri SS, ST, SV, SX, SY e DI.

L’ulteriore novità riguarda le modalità di esposizione dei dati di versamento nel quadro ST: questa infatti deve essere effettuata in forma aggregata ossia i versamenti con informazioni identiche in relazione a data di versamento, codice tributo e periodo di riferimento e al Codice regione, dovranno essere indicati in materia unitaria.

770/2019: dichiarazione correttiva, integrativa, omessa e tardiva

Può succedere di accorgersi di aver commesso un errore nei dati contenuti nella dichiarazione. Vediamo quali possibilità di correzione vi sono.

Il sostituto d’imposta può inviare prima della scadenza di origine una dichiarazione correttiva: si procede alla correzione entro il 31 ottobre, rinviando la dichiarazione corretta barrando la casella apposita nel frontespizio.

Una possibilità differente è la dichiarazione integrativa: questa si presenta da parte dal sostituto oltre i termini di presentazione della dichiarazione, per appunto integrare o rettificare i dati; questo concetto vale a condizione che sia stata preliminarmente presentata la dichiarazione originaria e quella integrativa entro 90 giorni dalla scadenza.

770 omesso

Diverso è il caso della omessa presentazione che si ha quando la dichiarazione:

  • non è stata effettivamente presentata;
  • è nulla perché il modello utilizzato non è conforme;
  • risulta non sottoscritta o sottoscritta da soggetto sfornito della rappresentanza legale o negoziale e non regolarizzata entro 30 giorni dal ricevimento dell’invito da parte dell’ufficio;
  • è presentata con ritardo superiore a 90 giorni.

770 tardivo

Il caso della tardiva presentazione si verifica quando la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a 90 giorni. In questo caso, indipendentemente dal versamento o meno delle ritenute, si applica la sanzione da euro 258,00 a euro 2.065,00. In caso di mancato versamento delle ritenute risultano inoltre applicabili le sanzioni per ritardato versamento (30% dell’importo non versato con l’aggiunta degli interessi legali).

770-2019: modello e istruzioni

Alleghiamo infine modello 770/2019 e relative istruzioni.

download   770 Modello aggiornato al 7 giugno 2019
       » 312,7 KiB - 202 download
download   770 Istruzioni aggiornate al 7 giugno 2019
       » 723,9 KiB - 427 download

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.