Malattia durante le ferie: come comportarsi?

Cosa succede se il lavoratore è colpito da un evento di malattia durante le ferie? E se si ammala poco prima di andare in ferie? Ecco cosa fare

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Una delle domande più frequenti che ci vengono poste è cosa deve fare il lavoratore colpito da un evento di malattia durante le ferie. Malattia e ferie hanno in comune il fatto di essere eventi che sospendono l’attività lavorativa. Nella malattia si verifica un’alterazione dello stato di salute che rende impossibile lavorare, mentre le ferie hanno come scopo il necessario recupero delle energie psico-fisiche del lavoratore e la cura della propria vita sociale e familiare.

Al di là delle cause dell’assenza dal lavoro, i due eventi differiscono sia dal punto di vista del trattamento economico che degli adempimenti in capo al lavoratore e all’azienda.

Sotto l’aspetto retributivo, mentre durante i periodi feriali l’azienda deve corrispondere ai lavoratori lo stesso trattamento economico cui avrebbero avuto diritto in caso di normale svolgimento dell’attività lavorativa, gli eventi di malattia (a determinate condizioni e per certe categorie lavorative) sono invece a carico dell’INPS con un’integrazione del datore che serve solamente a raggiungere il compenso spettante in caso di lavoro ordinario.

Ferie e malattia, cosa fare

Sulle procedure da seguire per godere dell’assenza, c’è da segnalare che:

  • Le ferie sono concesse dal datore (in maniera unilaterale o dietro richiesta specifica del lavoratore);
  • I lavoratori in malattia devono comunicare l’assenza all’azienda, ottenere idoneo certificato medico di malattia con i giorni di prognosi, accertarsi che il certificato sia stato spedito in via telematica all’INPS (il datore può accedere alla documentazione dal sito dell’Istituto o riceverla via PEC) ovvero consegnarne copia cartacea al datore e all’INPS, qualora non sia praticabile l’inoltro telematico.

Nella vita lavorativa può facilmente accadere che i due eventi si sovrappongano:

  • Malattia insorta prima dell’inizio delle ferie e protrattasi durante le stesse;
  • Malattia sopravvenuta durante il godimento delle ferie;

A seconda della casistica ci sono conseguenze diverse sia per gli adempimenti posti a carico del lavoratore che per il godimento delle ferie (posto che non è possibile godere delle stesse durante la malattia e viceversa trattandosi di istituti così diversi come sopra specificato).

Vediamo nel dettaglio cosa succede agli eventi di malattia durante il periodo feriale e come lavoratore e azienda devono comportarsi.

Ferie e malattia: quale evento prevale?

In caso di sovrapposizione tra malattia e ferie l’evento che prevale è il primo con conseguenze diverse sul periodo feriale, che può interrompersi (ed essere goduto in un momento successivo) o semplicemente sospendersi (in tal caso finita la malattia il dipendente potrà godere delle ferie residue).

La prima ipotesi è quella della malattia insorta prima dell’inizio delle ferie e protrattasi durante le stesse: la malattia decorre regolarmente e il dipendente potrà fruire delle ferie in un periodo successivo. In caso di ferie collettive (dove sono assenti contemporaneamente tutti i dipendenti dell’impresa o di un singolo reparto con sospensione totale o parziale dell’attività produttiva) cessata la malattia il dipendente fruisce delle ferie restanti e recupera in un secondo momento quelle non utilizzate.

Altra casistica è quella della malattia insorta durante il periodo feriale. In questo frangente, se il lavoratore provvede a comunicare l’evento al datore di lavoro, l’assenza si converte da ferie a malattia; le ferie non godute potranno essere utilizzate in un momento successivo.

Malattia durante le ferie: cosa deve fare il lavoratore?

Cosa deve fare il lavoratore che sia ammala durante o poco prima il godimento delle ferie?

Se la malattia insorge prima delle ferie gli obblighi in capo al lavoratore sono gli stessi previsti per gli eventi che interrompono i periodi di lavoro:

  1. Comunicare all’azienda la propria assenza (se l’obbligo è previsto dal contratto collettivo, dai regolamenti aziendali o per prassi consolidata);
  2. Sottoporsi a visita medica e fornire la propria tessera sanitaria e l’indirizzo di reperibilità;
  3. Accertarsi che il medico abbia inviato in via telematica all’INPS il certificato di malattia riportante la prognosi. A tal proposito può farsi rilasciare il numero di protocollo identificativo del certificato da fornire su richiesta all’azienda;
  4. Qualora non sia praticabile l’inoltro telematico, il lavoratore dovrà inviare a mezzo raccomandata copia cartacea del certificato, entro due giorni dal rilascio, all’INPS e all’azienda;
  5. L’indennità di malattia avrà decorrenza dalla data di rilascio del certificato (nei casi di visita ambulatoriale); o al massimo dal giorno immediatamente precedente (se nel certificato il lavoratore ha dichiarato di essere ammalato dal giorno prima della visita).

Al contrario, se la malattia sopraggiunge durante il periodo feriale, l’effetto sospensivo delle ferie è possibile solo se il lavoratore si attiene agli obblighi citati sopra (comunicazione, invio del certificato ecc.).

Leggi anche: Malattia del lavoratore: cosa fare in caso di assenza dal lavoro

In questo caso specifico la sospensione delle ferie e la conversione dell’assenza in malattia decorre non dalla data di rilascio del certificato bensì, ha affermato la Cassazione con sentenza n. 8016/2016, dalla data in cui il datore ne viene a conoscenza.

Esempio

Facciamo l’esempio di un dipendente in ferie dal 12 dicembre 2018. Il 20 dicembre comunica all’azienda di essere in malattia e presenta un certificato a seguito di visita ambulatoriale rilasciato il 14 dicembre 2018. In questo caso l’indennità di malattia decorrerà da quando la stessa è stata comunicata all’azienda (20/12) e non dal 14 dicembre come indicato nel certificato. Ciò significa che:

  • Dal 12 al 19 dicembre il dipendente è considerato assente in ferie;
  • Dal 20 dicembre il dipendente è assente in malattia.

Cosa deve fare l’azienda?

Nei casi in cui il lavoratore vada in malattia durante le ferie, come deve comportarsi l’azienda? Questa è tenuta agli stessi adempimenti imposti per gli eventi che interrompono l’attività lavorativa.

Una volta avvertito dal dipendente, il datore di lavoro potrà visionare sul sito INPS i dettagli del certificato medico inviato e prender nota dei giorni di prognosi. In alternativa, il datore potrà richiedere la ricezione dei certificati dall’INPS direttamente sulla PEC.

L’azienda ha peraltro la facoltà di ottenere apposite visite di controllo da parte di strutture pubbliche (ASL e INPS); per accertare che lo stato di malattia sia idoneo ad interrompere il godimento delle ferie.

Leggi anche: visite fiscali

In particolare sono incompatibili con le ferie tutte quelle alterazioni dello stato di salute che impediscono al lavoratore la cura della propria vita sociale e personale; e non solo quindi il mero svolgimento dell’attività lavorativa (ad esempio stati febbrili, ricoveri ospedalieri, ingessature). Nessuna interruzione delle ferie, invece, per i casi di stress psico-fisico.


Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.