Modulo SR163: pagamento delle prestazioni INPS, come comunicare l’IBAN

Modulo SR163 per comunicare l'IBAN e i relativi dati bancari o per comunicare le variazioni nei pagamenti delle prestazioni a sostegno del reddito all'INPS. Il modulo va usato anche per tutte le altre prestazioni a pagamento diretto dall'Istituto. Vediamo come comunicare l'IBAN.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Con il messaggio 1652 del 14 aprile 2016 l’Istituto previdenziale ha fornito le istruzioni operative in merito al modulo SR163 per la comunicare l’IBAN all’INPS. Questo nel caso di accredito su c/c bancari o postali, libretti postali e carte prepagate dei pagamenti delle prestazioni a sostegno del reddito. Si pensi ad esempio alla NASpI, oppure al bonus bebè o ancora al bonus mamma, ma anche alle pensioni ed altre prestazioni a pagamento diretto INPS.

Il modello SR163 si è reso necessario in quanto la vecchia procedura permetteva di indicare il semplice IBAN, ma non era possibile effettuare, a detta dell’INPS, tutte le verifiche del caso. Per avere cioè conferma che il C/C fosse intestato realmente al beneficiario della prestazione. La modulistica quindi, con particolare riferimento alle informazioni inerenti le modalità di pagamento, è stata resa conforme a quella già in uso per le prestazioni
pensionistiche.

L’INPS ha quindi rilasciato il modello SR163, da utilizzare per comunicare l’IBAN e i relativi dati nelle seguenti situazioni:

  • nel caso di una nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito;
  • nel caso di prestazione già in corso di pagamento, al fine di segnalare eventuali variazioni delle modalità di pagamento (da sportello dell’Ufficio postale ad accredito) o del codice IBAN.

Come comunicare l’IBAN per le nuove domande di prestazioni a sostegno del reddito

In fase di compilazione della domanda di qualsiasi prestazione INPS, il cittadino può optare per il pagamento con accredito su c/c, libretti postali e carte prepagate. Dovrà quindi compilare l’apposito campo previsto nelle procedure di presentazione delle domande per indicare il codice IBAN. Contestualmente, inviare all’Inps anche il modulo SR163 debitamente compilato e validato come segue:

  • Nel caso di accredito deve inserire anche i dati dell’Agenzia o Filiale dell’Istituto di credito (Banca/Posta). Nonché il codice IBAN con data, timbro e firma del funzionario del competente Ufficio postale o della Banca.
  • il modulo SR163 banca online ovvero riferito a Istituti di credito virtuali è sufficiente inviare il documento rilasciato on line dalla procedura di collegamento al conto nel quale appare l’intestazione. Questo perchè il modulo INPS SR163 non potrebbe essere materialmente sottoscritto da un funzionario della banca.

Il modello va quindi trasmesso all’Inps attraverso la specifica funzionalità dei servizi online del sito www.inps.it riferiti alla prestazione di interesse. In caso di impedimenti tecnici il richiedente dovrà scannerizzare e inviare il citato modulo alla casella PEC (o email nel caso di mancanza della PEC) della sede Inps competente con allegata la copia del documento di identità in corso di validità. Altrimenti può essere consegnato a mano in originale all’INPS in forma cartacea.

Modulo SR163 variazione IBAN o modalità di pagamento

Se la prestazione a sostegno del reddito INPS è già liquidata ed è in corso di pagamento, si può chiedere la variazione della modalità di pagamento o del codice IBAN. In questo caso il richiedente dovrà utilizzare esclusivamente il modello SR163 da inviare all’Inps tramite email come detto sopra.

Nel caso di impedimento all’invio on line, il modello può essere consegnato in originale presso la Struttura Inps territorialmente competente. Bisogna inoltre allegare copia del documento di identità del richiedente in corso di validità.

Messaggio INPS numero 1652 del 14-04-2016
» 104,6 KiB - 12.755 hits - 19 aprile 2016

Modulo INPS SR163
» 80,9 KiB - 41.364 hits - 19 aprile 2016

Fonte: INPS

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti