Presentazione telematica delle domande di ASpI e Mini ASpI

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Messaggio Inps sulla presentazione telematica di domande di ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012

L’Inps, con messaggio nr.760 dello scorso 14 gennaio, comunica che le domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012, dovranno avvenire esclusivamente per via telematica, attraverso uno dei seguenti canali:

  • WEB –  servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto;
  • Contact Center multicanale attraverso il numero telefonico 803164 – con il supporto dei servizi telematici messi a disposizione dall’Istituto;
  • Patronati/intermediari dell’Istituto – attraverso i servizi telematici offerti dagli   stessi con il supporto dell’Istituto.

Presentazione delle domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012 da parte del cittadino via web

Il servizio d’invio delle domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012 è disponibile dal portale Internet dell’Istituto (www.inps.it) attraverso il PIN.

Il PIN con cui viene effettuata l’autenticazione al servizio deve essere di tipo “dispositivo”.Le richieste inviate con PIN non “dispositivo” saranno comunque trasmesse e protocollate, risultando utili ai fini del rispetto del termine di presentazione ma non potranno essere definite  fino a quando il PIN non assumerà caratteristiche “dispositive”.

Ai cittadini che invieranno telematicamente una richiesta con PIN non “dispositivo”, sia in fase di avvio della compilazione della domanda, sia dopo l’invio verrà segnalata la necessità di rendere “dispositivo” il proprio PIN affinché la richiesta inoltrata possa essere definita dalla competente Sede INPS.

Il servizio è articolato in varie sezioni:

  • Sezione anagrafica: visualizzai dati anagrafici registrati negli archivi dell’Istituto con la possibilità per il cittadino di variare il domicilio;
  • Sezione altri recapiti: consente la compilazione dei dati relativi ai recapiti telefonici ed e-mail del lavoratore;
  • Sezione ultima posizione lavorativa: consente di inserire o modificare i dati relativi all’ultimo rapporto di lavoro;
  • Sezione dati domanda: consente di acquisire i dati della domanda e cioè l’evento da comunicare ed il periodo a cui si riferisce (ultimo rapporto di lavoro e data di cessazione);
  • Sezione dichiarazioni: consente di effettuare in maniera guidata dichiarazioni in merito a situazioni relative all’assicurato che hanno riflessi sulla prestazione;
  • Sezione relativa all’attestazione dello status di disoccupato;
  • Sezione riepilogo dati e invio della domanda: consente, una volta completata la domanda, di salvarla ed inviarla tramite il pulsante conferma. Una volta che la comunicazione sia stata inviata, il richiedente potrà stampare sia la ricevuta di presentazione, che la domanda stessa per verificare la correttezza dei dati immessi.

Presentazione delle domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012 da Patronato in modalità online e offline

 

Acquisizione in modalità online

L’applicazione descritta nella sezione precedente viene resa disponibile anche per i Patronati sul sito internet dell’Istituto (www.inps.it).Per l’invio di una domanda di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012 il Patronato deve essere in possesso della delega del lavoratore patrocinato opportunamente registrata nel menù “Gestione” presente tra i servizi per il Patronato.

Acquisizione in modalità offline

I Patronati dispongono oltre che della modalità online di presentazione telematica delle domande, anche dei servizi che permettono la compilazione offline di dette richieste e il successivo invio dei lotti di domande all’INPS.

Gli operatori degli Enti di Patronato, una volta installata l’applicazione, potranno:

  • acquisire e consultare le domande di  indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012, ed eventualmente le richieste di ANF_Prest contestuali e di detrazioni d’imposta;
  • collegarsi dal proprio browser Internet al sito INPS per inviare all’Istituto il messaggio telematico contenente la domanda, ottenendo in risposta una ricevuta di accettazione della stessa. La domanda sarà poi automaticamente inoltrata alla sede INPS competente;
  • consultare in qualsiasi momento la lista delle pratiche inviate all’Istituto.

A differenza del programma già in uso dagli enti di Patronato è prevista l’acquisizione anche dei seguenti dati:

  • indirizzo e-mail dell’assicurato
  • indicazione delle nuove qualifiche ‘Soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato (L)’ e ‘Personale artistico con rapporto di lavoro  subordinato (T)’
  • Data di ‘avvio attività autonoma/parasubordinata’ con indicazione del reddito presunto.

 Presentazione delle domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012 da Contact Center

Il servizio di acquisizione delle domande di indennità di disoccupazione ASpI, mini-ASpI e mini-ASpI 2012da Contact Center multicanale Inps-Inail è disponibile anche per i lavoratori in possesso di PIN telefonando al numero verde 803 164.

Per la presentazione della domanda di prestazione attraverso questa modalità è necessario che il cittadino sia munito di PIN dispositivo.

Nel caso in cui il cittadino non sia dotato di PIN dispositivo la domanda sarà considerata valida ai fini del rispetto del termine di presentazione. Contestualmente il cittadino verrà invitato a convertire il PIN  in dispositivo secondo le indicazioni fornite nella Circ. n.50 del 15 marzo 2011.

Nel caso in cui il cittadino sia totalmente sprovvisto di PIN, l’operatore del Contact Center fornirà tutte le istruzioni necessarie per il completamento della domanda di indennità di disoccupazione ASpI, MiniASpI o MiniASpI 2012.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti