TFR in busta paga, la guida dell'INPS

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Le istruzioni operative dell'INPS per la liquidazione del TFR in busta paga previsto dalla Legge di Stabilità 2015

Con la circolare numero 82 del 23 aprile 2015 l’INPS fornisce le istruzioni operative, istruzioni contabili e variazioni al piano dei conti sulla liquidazione della quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.) ovvero il TFR in busta paga ai sensi dell’articolo 1, commi 26 e seguenti della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015).

Premessa

La Legge di stabilità 2015 ha previsto che, in via sperimentale e in relazione ai periodi di paga decorrenti dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018, i lavoratori dipendenti del settore privato, esclusi i lavoratori domestici e agricoli, con un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi, possano richiedere al datore di lavoro la liquidazione della quota maturanda del trattamento di fine rapporto (TFR), sotto forma di integrazione della retribuzione mensile (Qu.I.R.).

Leggi anche: TFR in busta paga, al via dal 1° marzo

Una volta fatta la richiesta al datore di lavoro, tramite apposito modulo previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 29 del 20 febbraio 2015 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 65 del 19 marzo 2015, questa non può essere revocata fino alla scadenza della sperimentazione ovvero il 30/06/2018.

Leggi anche: TFR in busta paga dal 1° aprile, ecco il modulo di richiesta

Con la presente circolare, allo scopo di favorire la corretta applicazione della liquidazione della Qu.I.R., l’INPS illustra la disciplina della materia e fornisce le istruzioni in ordine alle modalità di valorizzazione degli elementi che compongo il flusso delle denunce contributive dei datori di lavoro (UniEmens).

Indice della guida

  1. Soggetti destinatari.
  2. Requisiti soggettivi ed oggettivi di accesso alla Qu.I.R..
  3. Misura della Qu.I.R..
  4. Procedura di richiesta e liquidazione della Qu.I.R..
  5. Liquidazione della Qu.I.R. attraverso l’accesso al finanziamento assistito da garanzia.
    5.1. Accesso al Finanziamento.
    5.2. Rimborso del finanziamento assistito da garanzia.
    5.3. Interruzione anticipata dell’erogazione del Finanziamento assistito da garanzia.
  6. Finanziamento del Fondo di garanzia ex art. 1, c. 32 legge 190/2014.
  7. Misure compensative.
  8. Modalità di esposizione dell’erogazione della Qu.I.R. in UniEmens.
  9. Intervento del Fondo di garanzia dei Finanziamenti concessi per la liquidazione della Qu.I.R..
    9.1 Condizioni.
    9.2 Domanda di intervento.
    9.3 Surroga dell’Istituto.
  10. Istruzioni contabili.

Circolare n. 82 del 23/04/2015

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti