Concorso Inps 365 posti da funzionario, cosa studiare e libri consigliati

Fino il 27 dicembre 2017 si potrà presentare la domanda per il Concorso Inps 365 posti da funzionario. Vediamo cosa studiare e alcuni libri consigliati.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

C’è tempo fino il 27 dicembre 2017 per poter presentare la domanda di partecipazione al Concorso Inps 365 posti da funzionario. Secondo le ultime stime, saranno più di 40000 i soggetti che parteciperanno al concorso annunciato dall’Istituto. Il bando prevede l’assunzione di 365 funzionari a tempo indeterminato con qualifica da analista di processo-consulente professionale area C, posizione economica C1.

Molti possibili candidati sono ancora alle prese con la preparazione per ottenere la certificazione livello B2 di lingua inglese necessaria per potersi candidare. Ma vediamo invece nel dettaglio come si svolgerà il concorso in oggetto, cosa studiare per prepararsi al meglio e alcuni libri consigliati.

Leggi anche: Bando di concorso INPS in Gazzetta

Concorso Inps 365 posti da funzionario, requisiti e prove

Per poter presentare domanda di partecipazione al Concorso Inps 365 posti da funzionario, il bando prevede alcuni requisiti particolarmente rilevanti, tra cui:

  • laurea magistrale/specialistica in: Scienze dell’economia, Scienze economico-aziendali, Ingegneria gestionale, Scienze dell’amministrazione, Giurisprudenza.
  • certificazione livello B2 di lingua inglese. Su tale argomento abbiamo dedicato una guida specifica su quali sono i certificati e come conseguirli.

Elencati i due requisiti più importanti per poter presentare la domanda di partecipazione, andiamo a vedere come si svolgerà il nuovo concorso.

Il concorso Inps 2017 prevede tre tipologie di prove d’esame da svolgere, di cui:

  • test preselettivo o prova scritta oggettivo-attitudinale;
  • prova scritta tecnico professionale;
  • prova orale.

365 analisti di processo INPS, prova scritta oggettivo-attitudinale.

Visto il numero elevato di partecipanti, il bando di concorso prevede un test preselettivo, con lo scopo di ridurre il numero di partecipanti alle successive prove d’esame. Tale test, consiste in un questionario a risposta multipla su le seguenti materie: cultura generale, conoscenza linguistica, informatica e quesiti psicoattitudinali.

Libri consigliati

Concorso Inps 365 posti da funzionario, prova scritta tecnico professionale.

Solo chi avrà superato con votazione minima di 21/30 la prova scritta oggettivo-attitudinale potrà accedere alla seconda prova scritta tecnico professionale. La seconda prova scritta del concorso consiste anch’essa in un questionario a risposta multipla a carattere tecnico professionale. Le materie da studiare per superare questa prova sono:

  • bilancio, pianificazione, programmazione e controllo;;
  • contabilità pubblica;
  • organizzazione e gestione aziendale;
  • diritto amministrativo e costituzionale;
  • diritto civile; penale, del lavoro e legislazione sociale;
  • elementi di analisi economica;
  • elementi di statistica e matematica attuariale;
  • scienza delle finanze e economia del lavoro.

Concorso INPS 2017 365 posti di analisti. Prova orale.

Solo chi avrà superato la seconda prova scritta tecnico professionale con votazione minima di 21/30 potrà acceder alla prova orale. La prova orale sarà effettuata da una commissione esaminatrice, che valuterà la conoscenza effettiva della materie d’esame già elencate per la seconda prova scritta.

Libri consigliati

INPS: concorso 2017 per 365 Funzionari: Valutazione e calcolo dei titoli e prove

Tutte le prove d’esame del concorso saranno valutate in tredicesimi e saranno ammessi alle successive prove, i candidati che hanno ottenuto un punteggio minimo di 21/30. L’esito finale sarà pubblicato sul sito web nella sezione “Avvisi, bandi e fatturazione“.

Di conseguenza, la graduatoria finale sarà formata dalla commissione esaminatrice sulla base del punteggio complessivo ottenuto da ogni singola prova d’esame, attribuendo un punteggio massimo di 90 punti.

La valutazione dei titoli, che si sommerà alle votazioni delle singole prove, sarà così effettuata.

Valutazione dei titoli di studio (max 12 punti):

  • 4 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con voto finale da 101 a 105;
  • 8 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con voto finale da 106 a 110;
  • 12 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con voto finale pari a 110 e lode;

Alla laurea si sommeranno i seguenti titoli (max 8 punti):

  • 4 punti per uno o più master di II livello inerenti alle materie del bando di concorso;
  • 8 punti per uno o più dottorati di ricerca (DR) inerenti alle materie bando;

Saranno poi sommati i seguenti punteggi (max 10 punti):

  • 4 punti per ulteriore/i laurea/e magistrale/specialistica/vecchio ordinamento (o ulteriori lauree
    magistrali/specialistiche/vecchio ordinamento) indicate nel bando a prescindere dal punteggio riportato;
  • 1 punto per possesso di certificazione di conoscenza informatica almeno a livello base ;
  • 5 punti per livello C1 inglese o livello superiore.

In ogni caso la valutazione complessiva dei suddetti titoli non supererà il punteggio massimo di 30 punti.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Staff di Lavoro e Diritti

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.